Controlli e licenze sulle esportazioni e importazioni UE – UK

di lettura

Regno Unito e UE: controlli sulle esportazioni e importazioni beni a duplice uso alla luce della eventuale “No deal Brexit”.

Controlli e licenze sulle esportazioni e importazioni UE – UK

Al momento della scrittura del presente articolo, il Regno Unito è parte del territorio doganale dell'UE, e quindi soggetto alla legislazione UE sul controllo delle esportazioni - compreso il regolamento UE sul duplice uso. Il Regno Unito è ancora considerato uno Stato membro dell'UE ai fini dei controlli sulle esportazioni, e quindi, non sono necessarie licenze per esportazione di prodotti a duplice uso indicati nell’Annex I tra l'UE e il Regno Unito.

Questo contesto non cambierà almeno fino al 31 dicembre 2020, quando dovrebbe terminare l'attuale periodo di transizione per la Brexit, salvo ulteriore accordo di estensione.

Una volta terminato il periodo di transizione per la Brexit (a partire dal 1 ° gennaio 2021 o in seguito a un'eventuale proroga di tale data) e nell'ambito di una Brexit “no deal” (senza accordo), il Regno Unito diventerebbe un paese terzo dall'UE e viceversa.

Sarebbero, pertanto, necessarie licenze per autorizzare esportazioni di prodotti a duplice uso tra l'UE e il Regno Unito. Allo stesso modo, le licenze di esportazione a duplice uso concesse nel Regno Unito non sarebbero più valide per l'esportazione dall'UE e viceversa.

Tuttavia, al momento, il Regno Unito ha previsto la copertura delle licenze per le esportazioni a duplice uso dal Regno Unito verso l'UE, ed è probabile che l'UE aggiunga il Regno Unito come destinazione alla sua autorizzazione generale di esportazione EUGEA 001.

Attuali controlli sulle esportazioni del Regno Unito

Come indicato, il regolamento UE sul duplice uso è in vigore nel Regno Unito, sebbene la legislazione nazionale britannica individui reati per il mancato rispetto dei regolamenti dell'UE. Inoltre, il Regno Unito prevede controlli sulle esportazioni per quanto riguarda i militari e altri articoli.

La legislazione di riferimento specifica del Regno Unito include quanto segue:

  • Export Control Act 2002 – legge quadro
  • Export Control Order 2008/3231 2008 (l'ECO 2008), che stabilisce i controlli sui beni militari  e alcuni controlli supplementari a duplice uso, oltre a fornire licenze e applicazione in relazione al regolamento dell'UE sul duplice uso
  • Customs and Excise Management Act 1979, che stabilisce i principali reati penali del Regno Unito relativi alle violazioni del duplice uso e ai controlli militari sulle esportazioni.

L'ECO 2008 stabilisce due elenchi di controllo delle esportazioni nel Regno Unito:

  • UK Military list (allegato 2 all'ECO 2008), che elenca gli articoli soggetti a controlli sulle esportazioni militari nel Regno Unito. Questo è strettamente allineato con l'elenco militare comune dell'UE. Anche i concetti di "appositamente progettato" o "modificato" per uso militare.
  • L'Elenco dei prodotti a duplice uso del Regno Unito (allegato 3 all'ECO 2008), che definisce un numero limitato di articoli sui quali il Regno Unito ha scelto di imporre controlli aggiuntivi. La maggior parte di questi articoli è controllata solo per la fornitura a destinazioni specifiche, come l'Iran e la Russia.

All'interno dell'UE, ciascuno dei singoli Stati membri è responsabile delle licenze per le esportazioni (sia per quanto riguarda i controlli a livello dell'UE sui prodotti a duplice uso, sia per i controlli nazionali). Non esiste un organismo di licenza di esportazione a livello dell'UE.

Prospettive future “No deal Brexit”

Il quadro generale dei controlli delle esportazioni a duplice uso non cambierebbe, ma ci sarebbero modifiche ad alcuni requisiti di licenza:

Da UE a UK

  • Le licenze di esportazione esistenti rilasciate dai 27 paesi dell'UE non saranno più valide per l'esportazione di prodotti a duplice uso verso il Regno Unito. Sarà necessaria una nuova licenza, rilasciata da uno stato membro dell'UE, per esportare tali articoli dagli stati membri dell'UE nel Regno Unito che sarà considerato territorio extra UE.

Da UK a EU

  • Per gli operatori britannici sarà necessario ottenere una nuova licenza di esportazione emessa dalla Gran Bretagna.  L’ ECJU (Export Control Joint Unit) ha pubblicato la Open General Export License (OGEL) per le esportazioni di articoli a duplice uso nei paesi dell'UE. Prima di richiedere tale licenza sarà necessario registrarsi tramite il sistema SPIRE. Questa nuova licenza di esportazione eliminerà la necessità di richiedere licenze individuali e potrà essere utilizzata immediatamente dopo che il Regno Unito avrà lasciato l'UE.

Marco Bertozzi

Dogane
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
L’art. 154 del Codice Doganale dell’Unione stabilisce che, tutte le merci in libera pratica nell’Unione, che godono dello status di merci unionali,  perdono detta posizione doganale qualora escano in esportazione dal territorio doganale della UE.
Indicazione obbligatoria dell’origine in etichetta dei prodotti alimentari
Indicazione obbligatoria dell’origine in etichetta dei prodotti alimentari
A partire dal 1° aprile 2020 è obbligatorio e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri il Regolamento UE 775/2018 sull’indicazione del paese di origine o del luogo di provenienza dell’ingrediente primario di un alimento.
Guida alla classificazione tariffaria
Guida alla classificazione tariffaria
Scarica la “Guida pratica alla classificazione tariffaria” predisposta a novembre 2020 da Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia.
Versione 2021 della Nomenclatura Combinata
Versione 2021 della Nomenclatura Combinata
Il 30 ottobre 2020, la Commissione Europea ha pubblicato, con il Regolamento di esecuzione (UE) 2020/1577 , l’ultima versione della Nomenclatura Combinata (NC) applicabile dal 1° gennaio 2021.
Esportare formaggi stagionati in Giappone
Esportare formaggi stagionati in Giappone
La scheda rappresenta uno strumento di valutazione delle opportunità e delle condizioni tecnico operative necessarie a esportare formaggi stagionati in Giappone.
Certificazione Metodo 2 di pesatura dei container
Certificazione Metodo 2 di pesatura dei container
Pena cancellazione dal registro elenco “Shipper” tenuto dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, sono necessari adeguamenti aziendali per comunicare il VGM con il metodo 2.
Esportatore autorizzato: proroga della previdimazione al 31 gennaio 2021
Esportatore autorizzato: proroga della previdimazione al 31 gennaio 2021
La circolare 42/2020 pubblicata il 29 Ottobre ha previsto una nuova scadenza della procedura di previdimazione dei certificati EUR1, EUR-MED e ATR (in precedenza prevista il 31 ottobre 2020), stabilendo quale data ultima il 31 gennaio 2021. ...
Corretto utilizzo dei termini Cuoio, Pelle e Pelliccia
Corretto utilizzo dei termini Cuoio, Pelle e Pelliccia
Il 24 ottobre 2020 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n. 68 del 09.06.2020 sulle nuove disposizioni in materia di utilizzo dei termini  “cuoio”, “pelle” e “pelliccia”.