Dazi doganali ed Iva all'import

di lettura

Gli accertamenti dell'Agenzia delle Dogane per riscuotere le risorse proprie e la connessa IVA all’import, diventano esecutivi dopo 10 giorni dalla notifica.

Dazi doganali ed Iva all'import

La Commissione europea ha censurato l’intempestività dei termini nazionali di attivazione delle procedure di riscossione coattiva dei dazi doganali. Tale procedura, infatti, deve essere improntata alla massima celerità in quanto trattasi di crediti immediatamente applicabili in virtù dell’art. 7 del Reg. (CEE) n. 2913/1992 del Consiglio del 12 ottobre 1992.

Novella legislativa

Il legislatore, per porre rimedio alla censura mossa, con l’art. 9, comma 3-bis, del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16, convertito con modificazioni ed integrazioni dalla legge 26 aprile 2012, n. 44 ha stabilito che:

  • gli atti di accertamento emessi dall’Agenzia delle Dogane ai fini del recupero delle risorse proprie tradizionali e della connessa IVA all’importazione costituiscono titolo esecutivo, decorsi dieci giorni dalla notifica al contribuente
  • decorso il termine ultimo per il pagamento, la riscossione delle somme richieste, in deroga alle disposizioni in materia di iscrizione a ruolo, venga affidata in carico agli agenti della riscossione con modalità da determinarsi con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle dogane, di concerto con il Ragioniere generale dello Stato.

Eliminazione della cartella di pagamento – Effetti

In forza della modifica legislativa, dal 28 marzo 2013, decorsi 10 giorni dalla notifica al contribuente i suddetti avvisi di accertamento diventano immediatamente eseguibili e legittimano l’esecuzione coattiva del credito tributario da parte dell’agente della riscossione.

Modalità di attuazione

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Dogane, di concerto con il Ragioniere generale dello Stato, Prot. n. 3204 del 21 gennaio 2013, pubblicato il 24 gennaio 2013 sul sito dell’Agenzia delle Dogane, ed entrato in vigore il 28 gennaio 2013, è stata data attuazione a quanto previsto dal citato art. 9, comma 3-bis, del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16.

Il Provvedimento ha definito:

  • le modalità di affidamento del carico e il contenuto dei flussi telematici di trasmissione agli agenti della riscossione per il tramite di Equitalia servizi S.p.a.
  • le modalità di formazione e consegna dei carichi
  • la definizione del momento in cui si intende effettuata la consegna del carico all’agente della riscossione
  • gli obblighi di natura contabile a carico degli agenti della riscossione.  

Decorrenza delle nuove procedure

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli con nota Prot. n. 12035 R.U. del 1 febbraio 2013 ha fornito chiarimenti in merito alla decorrenza delle nuove procedure applicative precisando che, poiché le disposizioni in argomento comportano alcune modifiche a carico dei contribuenti, l’effettiva applicazione è rinviata al 28 marzo 2013 – sessantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore del provvedimento- ai sensi di quanto stabilito dall’art. 3, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212 (Statuto del contribuente).

Simone Del Nevo Avv. Massimo Albertelli

Tag dell'informativa
Dogane
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia L’Italia è il sesto paese per volumi di scambi con la Russia e il secondo più grande importatore di gas russo in Europa. Negli ultimi dieci anni il numero di imprese italiane che ha approcciato il mercato russo è aumentato costantemente.
Customs decisions system: strumenti informatici doganali
Customs decisions system: strumenti informatici doganali Il Customs Decisions System (“CDS”) è un sistema che consente agli operatori stabiliti nell’Unione europea e in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale (“EU Trade Portal- EU TP”) condiviso a livello unionale, al quale si accede previo specifico accreditamento.
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti
Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere Nel contesto di un’auspicata crescita dell’integrazione “transfrontaliera” la guida è stata concepita con il preciso intento di offrire agli operatori economici un utile strumento di orientamento verso scelte operative che tengano conto delle opportunità offerte dalla collaborazione Italo – Svizzera, specialmente all’interno delle aree di confine.
Guida all'origine preferenziale della merce
Guida all'origine preferenziale della merce L'origine preferenziale dà diritto a benefici tariffari (ingresso a dazio zero o a dazio ridotto) negli scambi tra paesi che hanno stipulato accordi di commercio preferenziale, perché la merce possa essere considerata di origine preferenziale devono essere soddisfatte alcune condizioni specifiche indicate nei protocolli di origine degli accordi di commercio preferenziale.
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.