Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili

di lettura
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Image

Al contempo, è introdotto prospetto di riepilogo ai fini contabili, il quale sarà messo a disposizione dell’importatore e del rappresentante doganale per l’esercizio della detrazione IVA tramite l’iscrizione di un documento che, in precedenza, era la bolletta doganale (ora non più in essere).

A livello attuativo, con la circolare n. 22/D del 6 giugno 2022, Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) ha offerto indicazioni applicative sulla nuova procedura di digitalizzazione dei dati relativi alle dichiarazioni doganali, per il regime di immissione in libera pratica e per i regimi speciali diversi dal transito. In tal modo, si è data esecuzione al principio, stabilito dal Codice doganale, in virtù del quale tutti gli scambi di informazioni, tra Autorità doganali e, parimenti, tra Autorità doganali ed operatori economici, nonché l’archiviazione delle informazioni, siano effettuati mediante procedimenti informatici.

Con questa nuova operatività si abbandona il modello DAU (dichiarazione amministrativa unica) a favore di un complesso di dati (data set), che ha l’effetto indiretto di sostanziale modifica delle procedure di gestione dell’IVA, dovendosi considerare l’avvenuta soppressione di qualunque formulario cartaceo per la presentazione e per la stampa della dichiarazione, quale abitudine ormai consolidata per le imprese.

Principali novità

Alla luce del progetto di reingegnerizzazione del sistema informatico di sdoganamento all’importazione (AIDA 2.0), la presentazione delle dichiarazioni doganali avviene, ora, mediante trasmissione al Sistema informatico di ADM. La dichiarazione si presenta, dunque, nella veste di dataset immateriale, che però ha contenuto, data e fonte certa, immodificabile e conservata per ogni finalità, con dati gestibili anche singolarmente.

Per assicurare l’adempimento degli obblighi fiscali IVA, ADM ha predisposto, di concerto con l’Agenzia delle Entrate tramite la Determinazione Direttoriale n. 234367 del 3 giugno 2022, il Prospetto di riepilogo ai fini contabili della dichiarazione doganale, funzionale all’esercizio della detrazione IVA, assolta all’importazione, operazione per la quale sussistevano dubbi dovuti appunto all’assenza, in concreto, di una bolla doganale.

Il prospetto è stato strutturato in modo da contenere i dati necessari per la registrazione di cui all’art. 25 DPR n. 633/1972, ed è messo a disposizione dell’importatore e del dichiarante, per ciascuna dichiarazione doganale presentata mediante l’utilizzo dei nuovi tracciati, nell’area riservata del Portale Unico delle dogane e dei monopoli (PUDM).

I nuovi tracciati (H1-H5) si applicano alle importazioni ordinarie, alle importazioni con vincolo a regimi speciali (deposito, ammissione temporanea, perfezionamento attivo), nonché alle operazioni di introduzione da territori fiscali speciali, mentre il tracciato H7Super Reduced Data Set – è già in vigore da un anno.

Le dichiarazioni sono identificate univocamente dal riferimento MRN, che permarrà anche in caso di rettifiche o revisioni; questo dovrà stimolare le imprese a nuovi criteri e sistemi di ricerca e archiviazione.

Nel merito, le novità riguardano anche e soprattutto le modalità compilative dei nuovi tracciati “H”. Innanzitutto, sotto un profilo soggettivo, è possibile distinguere tre soggetti:

  • importatore
  • dichiarante, soggetto che presenta la dichiarazione e che coincide con l’importatore se agisce direttamente, ovvero con un intermediario agente in rappresentanza dell’importatore
  • rappresentante doganale (diretto o indiretto), nominato affinché rappresenti un altro soggetto per la presentazione della dichiarazione doganale.

In secondo luogo, si è dato spazio a molte semplificazioni, tra le quali ricordiamo:

  • i riferimenti relativi ai “dati di scarico” ora agganciati alla massa lorda, indicata in dichiarazione
  • l’eliminazione del documento DV1
  • modifiche alle modalità di svincolo delle dichiarazioni
  • novità circa liquidazione e pagamento dei diritti doganali e dei tributi
  • la creazione di un “cassetto doganale”, che consentirà la gestione full digital del sistema dichiarativo.

Prospetto di riepilogo ai fini contabili, prospetto sintetico della dichiarazione doganale e prospetto di svincolo

In aggiunta al Prospetto di riepilogo ai fini contabili sopra descritto e necessario per la detrazione dell’IVA d’importazione, le imprese potranno richiedere ai propri rappresentanti doganali due ulteriori documenti:

  • il Prospetto sintetico della dichiarazione doganale, “per ogni possibile utilità pratica”, elaborato dal Sistema Informatico a decorrere dal momento dell’accettazione della dichiarazione doganale in AIDA 2.0, che riepiloga i dati principali, consentendo comunque di avere un controllo di merito sulla dichiarazione
  • il Prospetto di svincolo, volto a consentire le attività di riscontro al varco condotte dalla Guardia di Finanza, finalizzate all’apposizione del “visto uscire” (c.d. Messaggio QA).

Entrambi i documenti sono disponibili presso l’area “Gestione documenti – dichiarazioni doganali” sul PUDM.

Tuttavia, alla luce delle novità in vigore dal 9 giugno 2022, permangono criticità relative alle modalità di accesso al PUDM, in particolare i sistemi operativi non consentono alle imprese di ottenere la documentazione utile agli adempimenti contabili di cui sono oberate, nonché risulta impossibile all’importatore scaricare “massivamente” tutte le dichiarazioni necessarie ma, al contrario, il sistema pare presentare criteri di ricerca limitati.

Si ritiene tuttavia che queste prime disfunzioni saranno presto risolte dai servizi informatici ADM, per arrivare alla piena funzionalità, davvero a breve, del cassetto doganale quale piattaforma di dialogo costante, sicura ed immediata tra autorità e imprese.

Ettore Sbandi - Ludovica Clara Milani

Dogane
Arabia Saudita: Special Economic Zones
Arabia Saudita: Special Economic Zones
L'Arabia Saudita ha previsto di istituire una serie di zone economiche speciali che forniranno incentivi per investire in diversi settori, tra cui quello manifatturiero, delle biotecnologie e del cloud computing.
Libro blu ADM 2021
Libro blu ADM 2021
Pubblicato il Libro blu dell’Agenzia delle Dogane che presenta un’analisi delle ripercussioni della guerra Russia - Ucraina sull’interscambio commerciale italiano con i paesi coinvolti nel conflitto.
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...