La Direttiva RoHS

di lettura
Dal primo luglio 2006 non sarà più possibile commercializzare apparecchiature elettriche ed elettroniche che non siano conformi alla Direttiva europea in tema di eco-compatibilità RoHS (2002/95/CE).

La RoHS (Restriction of the use of certain Hazardous Substances) e la direttiva RAEE relativa ai Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, in pochi anni cambieranno lo scenario operativo per l'intera filiera e per le aziende produttrici* di beni dell'elettronica e dell'elettrotecnica (elettrodomestici, hardware, apparecchi di illuminazione, ecc.) che dovranno limitare l'utilizzo di alcune sostanze dannose per l'ambiente: piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente ed alcuni ritardanti di fiamma, quali PBB e PBDE.

La direttiva prevede però alcune deroghe relative ad applicazioni per le quali non esiste alternativa tecnologicamente valida, oppure non conveniente in termini di rapporto costi/benefici.

Quali responsabili dei prodotti commercializzati, i produttori avranno il compito di:

  • convertire i prodotti non RoHS in RoHS compliant anche attraverso la riprogettazione degli stessi
  • assicurarsi che i componenti acquistati dai fornitori siano conformi alla Direttiva in quanto la responsabilità non può essere trasferita dal produttore ai fornitori.

Prodotti interessati

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) che dipendono, per un corretto funzionamento, da correnti elettriche o campi elettromagnetici, e apparecchiature di generazione, trasferimento e misura di queste correnti e campi, progettate per essere usate con una tensione non superiore a 1000 V CA o 1500 V CC.

In particolare: grandi e piccoli elettrodomestici, apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni, apparecchiature di consumo (TV, radio, videocamere etc.), apparecchiature di illuminazione, strumenti elettrici ed elettronici (trapani, seghe, macchine per cucire, torni) ad eccezione di utensili industriali fissi di grandi dimensioni, giocattoli e apparecchiature per lo sport e il tempo libero, distributori automatici, sorgenti luminose ad incandescenza.

Come procedere?

  • 1. Come prima cosa bisogna verificare il campo di applicazione (il prodotto deve essere conforme alla direttiva RoHS?). A tale scopo è fondamentale identificare le potenziali esenzioni, consultare l'allegato 5 del Decreto e monitorare costantemente i lavori in corso delle commissioni competenti (TAC)
  • 2. In secondo luogo vanno individuate, nell'ambito della propria produzione, le applicazioni che contengono le sostanze bandite che devono essere sostituite (oggetto della direttiva sono i prodotti finiti, non i componenti, assiemi o sottoassiemi).
  • 3. Va poi richiesta ai fornitori una dichiarazione di conformità alla direttiva dei prodotti approvvigionati (per avere la massima sicurezza è buona norma far eseguire le analisi chimiche sui materiali da un laboratorio di propria fiducia)
  • 4. La richiesta di conformità alla RoHS va inserita nell'ordine di acquisto tra le condizioni di fornitura e con le modalità che ogni costruttore riterrà più adeguate.
  • 5. Sia i costruttori di componenti che desiderino fornire evidenza di conformità ai propri clienti, sia i produttori di AEE che ritengano di verificare l'affidabilità delle dichiarazioni dei propri fornitori di componenti ritenuti "critici", possono fare eseguire delle prove su materiali
  • 6. Inoltre è utile predisporre la documentazione da fornire ai clienti per garantire l'idoneità del prodotto.
  • 7. Vanno infine attivate eventuali procedure per la riprogettazione e riqualificazione del prodotto.

IMQ può aiutare i produttori a: applicare la direttiva RoHS, individuare i componenti critici, verificare le esenzioni, pianificare i test, valutare le dichiarazioni di conformità dei fornitori, identificare soluzioni alternative - sia da un punto di vista tecnologico sia gestionale - nel caso di componenti non conformi, eseguire prove su materiali (analisi chimica, caratterizzazione fisico meccanica dei materiali).

* Produttore inteso ai sensi della direttiva: chi costruisce e vende apparecchiature elettriche ed elettroniche con il proprio marchio; chi rivende con il proprio marchio apparecchiature prodotte da altri fornitori; chi importa o esporta apparecchiature elettriche ed elettroniche in uno stato membro dell'Unione europea.

Tag dell'informativa
In vigore dal primo luglio 2006

Dogane
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Dal 1 gennaio 2021 il Regno Unito non più parte del mercato unico e ha  lasciato l'unione doganale UE insieme a tutte le politiche dell'Unione europea e agli accordi internazionali. 
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
L’art. 154 del Codice Doganale dell’Unione stabilisce che, tutte le merci in libera pratica nell’Unione, che godono dello status di merci unionali,  perdono detta posizione doganale qualora escano in esportazione dal territorio doganale della UE.
Indicazione obbligatoria dell’origine in etichetta dei prodotti alimentari
Indicazione obbligatoria dell’origine in etichetta dei prodotti alimentari
A partire dal 1° aprile 2020 è obbligatorio e direttamente applicabile in ciascuno degli Stati membri il Regolamento UE 775/2018 sull’indicazione del paese di origine o del luogo di provenienza dell’ingrediente primario di un alimento.
Guida alla classificazione tariffaria
Guida alla classificazione tariffaria
Scarica la “Guida pratica alla classificazione tariffaria” predisposta a novembre 2020 da Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia.
Versione 2021 della Nomenclatura Combinata
Versione 2021 della Nomenclatura Combinata
Il 30 ottobre 2020, la Commissione Europea ha pubblicato, con il Regolamento di esecuzione (UE) 2020/1577 , l’ultima versione della Nomenclatura Combinata (NC) applicabile dal 1° gennaio 2021.
Esportare formaggi stagionati in Giappone
Esportare formaggi stagionati in Giappone
La scheda rappresenta uno strumento di valutazione delle opportunità e delle condizioni tecnico operative necessarie a esportare formaggi stagionati in Giappone.
Certificazione Metodo 2 di pesatura dei container
Certificazione Metodo 2 di pesatura dei container
Pena cancellazione dal registro elenco “Shipper” tenuto dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, sono necessari adeguamenti aziendali per comunicare il VGM con il metodo 2.
Esportatore autorizzato: proroga della previdimazione al 31 gennaio 2021
Esportatore autorizzato: proroga della previdimazione al 31 gennaio 2021
La circolare 42/2020 pubblicata il 29 Ottobre ha previsto una nuova scadenza della procedura di previdimazione dei certificati EUR1, EUR-MED e ATR (in precedenza prevista il 31 ottobre 2020), stabilendo quale data ultima il 31 gennaio 2021. ...