La Direttiva RoHS

di lettura
Dal primo luglio 2006 non sarà più possibile commercializzare apparecchiature elettriche ed elettroniche che non siano conformi alla Direttiva europea in tema di eco-compatibilità RoHS (2002/95/CE).

La RoHS (Restriction of the use of certain Hazardous Substances) e la direttiva RAEE relativa ai Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, in pochi anni cambieranno lo scenario operativo per l'intera filiera e per le aziende produttrici* di beni dell'elettronica e dell'elettrotecnica (elettrodomestici, hardware, apparecchi di illuminazione, ecc.) che dovranno limitare l'utilizzo di alcune sostanze dannose per l'ambiente: piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente ed alcuni ritardanti di fiamma, quali PBB e PBDE.

La direttiva prevede però alcune deroghe relative ad applicazioni per le quali non esiste alternativa tecnologicamente valida, oppure non conveniente in termini di rapporto costi/benefici.

Quali responsabili dei prodotti commercializzati, i produttori avranno il compito di:

  • convertire i prodotti non RoHS in RoHS compliant anche attraverso la riprogettazione degli stessi
  • assicurarsi che i componenti acquistati dai fornitori siano conformi alla Direttiva in quanto la responsabilità non può essere trasferita dal produttore ai fornitori.

Prodotti interessati

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) che dipendono, per un corretto funzionamento, da correnti elettriche o campi elettromagnetici, e apparecchiature di generazione, trasferimento e misura di queste correnti e campi, progettate per essere usate con una tensione non superiore a 1000 V CA o 1500 V CC.

In particolare: grandi e piccoli elettrodomestici, apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni, apparecchiature di consumo (TV, radio, videocamere etc.), apparecchiature di illuminazione, strumenti elettrici ed elettronici (trapani, seghe, macchine per cucire, torni) ad eccezione di utensili industriali fissi di grandi dimensioni, giocattoli e apparecchiature per lo sport e il tempo libero, distributori automatici, sorgenti luminose ad incandescenza.

Come procedere?

  • 1. Come prima cosa bisogna verificare il campo di applicazione (il prodotto deve essere conforme alla direttiva RoHS?). A tale scopo è fondamentale identificare le potenziali esenzioni, consultare l'allegato 5 del Decreto e monitorare costantemente i lavori in corso delle commissioni competenti (TAC)
  • 2. In secondo luogo vanno individuate, nell'ambito della propria produzione, le applicazioni che contengono le sostanze bandite che devono essere sostituite (oggetto della direttiva sono i prodotti finiti, non i componenti, assiemi o sottoassiemi).
  • 3. Va poi richiesta ai fornitori una dichiarazione di conformità alla direttiva dei prodotti approvvigionati (per avere la massima sicurezza è buona norma far eseguire le analisi chimiche sui materiali da un laboratorio di propria fiducia)
  • 4. La richiesta di conformità alla RoHS va inserita nell'ordine di acquisto tra le condizioni di fornitura e con le modalità che ogni costruttore riterrà più adeguate.
  • 5. Sia i costruttori di componenti che desiderino fornire evidenza di conformità ai propri clienti, sia i produttori di AEE che ritengano di verificare l'affidabilità delle dichiarazioni dei propri fornitori di componenti ritenuti "critici", possono fare eseguire delle prove su materiali
  • 6. Inoltre è utile predisporre la documentazione da fornire ai clienti per garantire l'idoneità del prodotto.
  • 7. Vanno infine attivate eventuali procedure per la riprogettazione e riqualificazione del prodotto.

IMQ può aiutare i produttori a: applicare la direttiva RoHS, individuare i componenti critici, verificare le esenzioni, pianificare i test, valutare le dichiarazioni di conformità dei fornitori, identificare soluzioni alternative - sia da un punto di vista tecnologico sia gestionale - nel caso di componenti non conformi, eseguire prove su materiali (analisi chimica, caratterizzazione fisico meccanica dei materiali).

* Produttore inteso ai sensi della direttiva: chi costruisce e vende apparecchiature elettriche ed elettroniche con il proprio marchio; chi rivende con il proprio marchio apparecchiature prodotte da altri fornitori; chi importa o esporta apparecchiature elettriche ed elettroniche in uno stato membro dell'Unione europea.

Tag dell'informativa
In vigore dal primo luglio 2006

Dogane
Obbligo di compilazione del campo 2 del DAU di importazione
Obbligo di compilazione del campo 2 del DAU di importazione
In Lombardia ed Emilia Romagna è stata posticipata al 31 luglio 2020 l’obbligatoria indicazione nel campo 2 del DAU di importazione del soggetto speditore/esportatore in vigore dal 5 maggio 2020 .  
Emergenza covid 19 - Agenzia delle dogane  soggetto attuatore
Emergenza covid 19 - Agenzia delle dogane soggetto attuatore
Con l’ordinanza n. 01/2020 il commissario straordinario per l’emergenza covid-19 ha nominato adm (agenzia delle dogane e dei monopoli) “soggetto attuatore” delle requisizioni dei presidi sanitari e medico-chirurgici nonché dei beni mobili di qualsiasi genere occorrenti per fronteggiare la situazione emergenziale in corso.
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Pagamenti in dogana differiti, sospensione delle attività di riscossione e calendarizzazione delle verifiche e degli accertamenti per non gravare sugli operatori, sempre però in ossequio al principio per cui i dazi doganali, in quanto risorse proprie, non sono tributi disponibili.
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Il quadro attuale del mondo imprenditoriale offre una continua successione di difficoltà, dalla interruzione totale o parziale di fabbriche e uffici, alle interruzioni delle differenti catene di approvvigionamento e dei trasporti, fino al blocco effettivo degli scambi commerciali in alcune aree del globo.
Il ruolo della voce doganale
Il ruolo della voce doganale
Con il termine voce doganale, nomenclatura combinata o custom tariff, si intende il codice numerico che dal punto di vista doganale identifica i beni oggetto della transazione sia intracomunitaria sia di importazione o di esportazione.
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
La guida, realizzata da Unioncamere Lombardia, ha lo scopo di informare e fornire strumenti pratici alle imprese nell’ambito dell’origine preferenziale della merce. 
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
L’origine, da non confondere con la provenienza, è la nazionalità economica dei beni scambiati nel commercio internazionale. Esistono due tipi di origine: preferenziale/fiscale e non preferenziale/economica. 
Le prove di cessione Intra Ue e il Reg. Ue 2018/1912
Le prove di cessione Intra Ue
Che l’acquisizione e la gestione documentale delle prove delle cessioni Intra UE sia un problema ed una criticità nella vita di molte imprese italiane non è che una constatazione di fatto.
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Nell'articolo un aggiornamento a seguito dell’entrata in vigore della Nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 200901 del 5 dicembre 2019.