La Direttiva RoHS

di lettura
Dal primo luglio 2006 non sarà più possibile commercializzare apparecchiature elettriche ed elettroniche che non siano conformi alla Direttiva europea in tema di eco-compatibilità RoHS (2002/95/CE).

La RoHS (Restriction of the use of certain Hazardous Substances) e la direttiva RAEE relativa ai Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, in pochi anni cambieranno lo scenario operativo per l'intera filiera e per le aziende produttrici* di beni dell'elettronica e dell'elettrotecnica (elettrodomestici, hardware, apparecchi di illuminazione, ecc.) che dovranno limitare l'utilizzo di alcune sostanze dannose per l'ambiente: piombo, mercurio, cadmio, cromo esavalente ed alcuni ritardanti di fiamma, quali PBB e PBDE.

La direttiva prevede però alcune deroghe relative ad applicazioni per le quali non esiste alternativa tecnologicamente valida, oppure non conveniente in termini di rapporto costi/benefici.

Quali responsabili dei prodotti commercializzati, i produttori avranno il compito di:

  • convertire i prodotti non RoHS in RoHS compliant anche attraverso la riprogettazione degli stessi
  • assicurarsi che i componenti acquistati dai fornitori siano conformi alla Direttiva in quanto la responsabilità non può essere trasferita dal produttore ai fornitori.

Prodotti interessati

Apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) che dipendono, per un corretto funzionamento, da correnti elettriche o campi elettromagnetici, e apparecchiature di generazione, trasferimento e misura di queste correnti e campi, progettate per essere usate con una tensione non superiore a 1000 V CA o 1500 V CC.

In particolare: grandi e piccoli elettrodomestici, apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni, apparecchiature di consumo (TV, radio, videocamere etc.), apparecchiature di illuminazione, strumenti elettrici ed elettronici (trapani, seghe, macchine per cucire, torni) ad eccezione di utensili industriali fissi di grandi dimensioni, giocattoli e apparecchiature per lo sport e il tempo libero, distributori automatici, sorgenti luminose ad incandescenza.

Come procedere?

  • 1. Come prima cosa bisogna verificare il campo di applicazione (il prodotto deve essere conforme alla direttiva RoHS?). A tale scopo è fondamentale identificare le potenziali esenzioni, consultare l'allegato 5 del Decreto e monitorare costantemente i lavori in corso delle commissioni competenti (TAC)
  • 2. In secondo luogo vanno individuate, nell'ambito della propria produzione, le applicazioni che contengono le sostanze bandite che devono essere sostituite (oggetto della direttiva sono i prodotti finiti, non i componenti, assiemi o sottoassiemi).
  • 3. Va poi richiesta ai fornitori una dichiarazione di conformità alla direttiva dei prodotti approvvigionati (per avere la massima sicurezza è buona norma far eseguire le analisi chimiche sui materiali da un laboratorio di propria fiducia)
  • 4. La richiesta di conformità alla RoHS va inserita nell'ordine di acquisto tra le condizioni di fornitura e con le modalità che ogni costruttore riterrà più adeguate.
  • 5. Sia i costruttori di componenti che desiderino fornire evidenza di conformità ai propri clienti, sia i produttori di AEE che ritengano di verificare l'affidabilità delle dichiarazioni dei propri fornitori di componenti ritenuti "critici", possono fare eseguire delle prove su materiali
  • 6. Inoltre è utile predisporre la documentazione da fornire ai clienti per garantire l'idoneità del prodotto.
  • 7. Vanno infine attivate eventuali procedure per la riprogettazione e riqualificazione del prodotto.

IMQ può aiutare i produttori a: applicare la direttiva RoHS, individuare i componenti critici, verificare le esenzioni, pianificare i test, valutare le dichiarazioni di conformità dei fornitori, identificare soluzioni alternative - sia da un punto di vista tecnologico sia gestionale - nel caso di componenti non conformi, eseguire prove su materiali (analisi chimica, caratterizzazione fisico meccanica dei materiali).

* Produttore inteso ai sensi della direttiva: chi costruisce e vende apparecchiature elettriche ed elettroniche con il proprio marchio; chi rivende con il proprio marchio apparecchiature prodotte da altri fornitori; chi importa o esporta apparecchiature elettriche ed elettroniche in uno stato membro dell'Unione europea.

Tag dell'informativa
In vigore dal primo luglio 2006
Dogane
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia L’Italia è il sesto paese per volumi di scambi con la Russia e il secondo più grande importatore di gas russo in Europa. Negli ultimi dieci anni il numero di imprese italiane che ha approcciato il mercato russo è aumentato costantemente.
Customs decisions system: strumenti informatici doganali
Customs decisions system: strumenti informatici doganali Il Customs Decisions System (“CDS”) è un sistema che consente agli operatori stabiliti nell’Unione europea e in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale (“EU Trade Portal- EU TP”) condiviso a livello unionale, al quale si accede previo specifico accreditamento.
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti
Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere Nel contesto di un’auspicata crescita dell’integrazione “transfrontaliera” la guida è stata concepita con il preciso intento di offrire agli operatori economici un utile strumento di orientamento verso scelte operative che tengano conto delle opportunità offerte dalla collaborazione Italo – Svizzera, specialmente all’interno delle aree di confine.
Guida all'origine preferenziale della merce
Guida all'origine preferenziale della merce L'origine preferenziale dà diritto a benefici tariffari (ingresso a dazio zero o a dazio ridotto) negli scambi tra paesi che hanno stipulato accordi di commercio preferenziale, perché la merce possa essere considerata di origine preferenziale devono essere soddisfatte alcune condizioni specifiche indicate nei protocolli di origine degli accordi di commercio preferenziale.
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.