Egitto: dal 1° ottobre Dichiarazione anticipata di informazioni sul carico

di lettura

Le informazioni anticipate sul carico (ACI) stanno diventando obbligatorie per tutte le spedizioni di importazione dall'Egitto.

Image

Le spedizioni destinate all’Egitto devono rispettare la nuova normativa doganale egiziana #207 entrata in vigore nel novembre 2020 e successivi decreti correlati.

In conformità con la nuova legge doganale egiziana, la comunicazione anticipata delle spedizioni (ACI - Advance Cargo Information) è strettamente obbligatoria per tutte le spedizioni di importazione dall'Egitto a partire dal 1 ottobre 2021 (data di arrivo).

Il nuovo sistema richiede che i dati delle spedizioni e i relativi documenti siano forniti alla dogana egiziana entro 48 ore prima della partenza della nave dal porto di carico (POL – Port of loading).

In base al sistema ACI, l'importatore deve richiedere sul portale doganale egiziano un numero univoco di 19 cifre chiamato ACID (Advance Cargo Information Statement) che identifica ogni spedizione.

Prima di inoltrare la richiesta, l’esportatore è tenuto a registrarsi sulla piattaforma CARGOX. CargoX è la piattaforma supportata da blockchain, scelta dal governo egiziano per gestire tutte le richieste ACI.

Dopo tale operazione, l’esportatore è tenuto al pagamento di USD 150 al fine di procedere al processo di verifica.  A tale compenso andranno sommati USD 3 per ogni documento trasferito.

Procedura per inviare una nuova richiesta

  1. Esportatore/importatore si registra alla piattaforma CargoX e procede con il pagamento al fine di ottenere la verifica del proprio account.
  2. Una volta registrato, l'esportatore può creare e inviare una busta (envelope) ACI. Nel momento di creazione della busta si deve inserire il numero ACID - Advance Cargo Information Declaration. Questo è il numero che l'esportatore riceve dal suo importatore egiziano (ottenuto dal portale doganale egiziano una volta registrata la spedizione di importazione).
  3. Successivamente, i documenti di spedizione devono essere caricati in CargoX (Fattura commerciale, Packing list, bozza/copia della polizza di carico, certificato di origine) e contrassegnati correttamente. Questo dovrebbe essere fatto almeno 48 ore prima dell'arrivo della nave. Il caricamento dei documenti è a pagamento (USD 3 per documento).
  4. Una volta completato questo processo, la busta ACI può essere sigillata e trasferita alla blockchain.
  5. Inviare alla compagnia di navigazione (tramite lo spedizioniere o  agente marittimo), in fase di prenotazione o al più tardi quando si forniscono le istruzioni per la spedizione:
  6. Numero ACID che identifica in modo univoco la spedizione ACI
  7. Codice fiscale dell'importatore: un numero di 9 cifre rilasciato dall'autorità fiscale egiziana che identifica in modo univoco tutte le società registrate in Egitto
  8. Numero di identificazione dell'esportatore: il numero di identificazione dell'esportatore rilasciato dall'autorità competente, che sia la registrazione o il numero di partita IVA

Conclusioni per gli esportatori

  • Verificare i maggiori costi dovuti alla nuove obbligazioni per l’importazione in Egitto.
  • Porre attenzione alle tempistiche necessarie, come accennato il caricamento dei documenti dovrebbe essere fatto almeno 48 ore prima.
  • Migliorare la comunicazione e ridurre le tempistiche con i soggetti coinvolti nella spedizione per concludere correttamente il processo.

Marco Bertozzi

Dogane
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).