Esportare vino in Cina: norme etichettatura

di lettura

Dobbiamo effettuare una cessione di vino in Cina. Il nostro cliente sostiene che, una volta giunta la merce in dogana, provvederà lui stesso a incollare le etichette in lingua cinese da lui stampate. Ci richiede inoltre il certificato sanitario, ma la nostra società è esonerata da tempo per queste certificazioni (possiamo ovviamente fornire le analisi).

Esportare vino in Cina: norme etichettatura

Oltre all’etichetta originale del paese di esportazione, per commercializzare vino in Cina è necessaria un’etichetta posteriore aggiuntiva in caratteri cinesi, normalmente predisposta dall’importatore.

Documenti richiesti

  • 5 originali della lista di carico
  • 5 originali della fattura proforma, con il timbro e la firma
  • un originale del certificato sanitario o di analisi relativo alla spedizione in corso
  • 5 originali dell’etichetta frontale e posteriore
  • un originale della traduzione in cinese dell’etichetta frontale
  • un originale e una copia della licenza di produzione e la sua traduzione in cinese
  • un originale e una copia del certificato sanitario del produttore e la sua traduzione in  cinese
  • un originale e una copia del processo di produzione del vino e la sua traduzione in cinese (processo produttivo vitivinicolo semplice, con il timbro dell’azienda e la firma di un soggetto autorizzato).

Requisiti dell’etichetta posteriore cinese

  • Il formato dell’etichetta non può avere un’altezza inferiore ai 10 cme una larghezza inferiore ai 7 cm
  • la dimensione dei caratteri cinesi non può essere inferiore ai 2mm; le diciture “peso netto” e “nome del vino” devono essere indicate sulle etichette in caratteri le cui dimensioni non possono essere inferiori ai 4 mm
  • sull’etichetta deve essere stampato il codice a barre.

Le indicazioni che devono essere incluse nell’etichetta includono:

  • nome del vino in cinese ed inglese (o in italiano)
  • tipo di vino (secco, amabile o altre tipologie)
  • materia prima: 100% succo d’uva
  • regione d’origine
  • paese d’origine
  • data di scadenza o indicazioni del periodo di longevità garantito
  • data di imbottigliamento
  • anno dell’uva
  • gradazione alcolica
  • condizioni di conservazione
  • produttore
  • distributore
  • indirizzo del distributore
  • peso netto.

È preferibile predisporre l’etichetta posteriore secondo un modello reso disponibile dalle autorità doganali cinesi.

Non è più prevista la procedura di approvazione dell’etichetta da parte della Chinese Inspection and Quarantine Bureau (CIQ), che tuttavia procede ancora ad effettuare l’ispezione di qualità del prodotto, che viene fatta contestualmente allo sdoganamento. Le merci saranno rilasciate dalla Dogana in seguito all’emissione del certificato di autorizzazione da parte del CIQ.

I controlli effettuati dal CIQ includono:

  • l’esame dei documenti relativi alle merci, incluso il certificato sanitario, il certificato di origine, il certificato di qualità, ecc. emessi dal paese esportatore
  • la verifica che l’imballaggio sia conforme agli standard ammessi
  • la verifica che le merci abbiano seguito tutte le procedure formali per la  registrazione in Cina
  • l’ispezione a campione. Per verificare che le merci siano in conformità con gli standard sanitari della RPC previsti per l’importazione di vino, per ogni spedizione sono selezionate da 4 a 6 bottiglie per ciascuna etichetta. L’intero processo di ispezione richiede circa una settimana.

Per la spedizione, si consiglia l'utilizzo di imballaggi in legno sani e trattati in conformità allo standard ISPM15; in mancanza, occorre allegare un certificato fitosanitario.

Una novità recente per esportare in Cina consiste nell’obbligo di registrazione dell’esportatore di prodotti agroalimentari presso l’AQSIQ, l’autorità cinese per la qualità.

Certificato

Il certificato sanitario o di analisi spesso si equivalgono, per le autorità  cinesi, per cui il vino può essere accompagnato da un certificato di analisi, anziché da un certificato sanitario rilasciato da un laboratorio accreditato che attesti che nel Paese di origine sono state fatte analisi microbiologiche e fisico-chimiche. Le autorità  cinesi accettano i certificati rilasciati da un laboratorio accreditato nel Paese d'origine della merce. Le informazioni richieste in cinese o in inglese e devono avere il seguente contenuto minimo:

  • Data delle analisi
  • Nome, indirizzo e timbro del laboratorio che ha effettuato le analisi
  • Nome, il nome commerciale e la descrizione dei campioni e delle loro caratteristiche, tra cui numeri di lotto, se del caso
  • Metodi di prova e livelli massimi consentiti
  • Risultati delle analisi chimico-fisiche
  • Risultati dei test microbiologici, se del caso
  • Nome e firma del funzionario responsabile del laboratorio accreditato.

Si segnala che nel certificato di analisi occorre evidenziare l’eventuale presenza e contenuto di ftalati, in quanto la Cina ha stabilito limiti rigorosi.

In collaborazione con Infoexport

Dogane
Abolizione dei certificati EUR1 e ATR previdimati per l'esportatore autorizzato
Novità EUR1 e ATR: l’importanza della qualifica di esportatore autorizzato Ottenere la qualifica di esportatore autorizzato per l’impresa rivolta all’export diventa sempre più importante.
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali Nonostante siano passati già 3 anni dal referendum che ha dato avvio al processo Brexit, persiste tutt’ora un clima di incertezza per quanto riguarda le modalità di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.
Guida pratica per le operazioni di import export
Guida pratica per le operazioni di import export In un contesto di sempre crescente espansione e orientamento verso i mercati esteri, l’attività commerciale e produttiva delle aziende italiane richiede la conoscenza di normative e adempimenti che risultano di fondamentale importanza per la corretta gestione delle operazioni di natura internazionale.
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento Nell'articolo sono presentate le novità riguardanti la procedura per il rilascio dello status di Operatore Economico Autorizzato e i relativi benefici.
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia L’Italia è il sesto paese per volumi di scambi con la Russia e il secondo più grande importatore di gas russo in Europa. Negli ultimi dieci anni il numero di imprese italiane che ha approcciato il mercato russo è aumentato costantemente.
Customs decisions system: strumenti informatici doganali
Customs decisions system: strumenti informatici doganali Il Customs Decisions System (“CDS”) è un sistema che consente agli operatori stabiliti nell’Unione europea e in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale (“EU Trade Portal- EU TP”) condiviso a livello unionale, al quale si accede previo specifico accreditamento.
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.