Esportare vino in Cina: norme etichettatura

di lettura

Dobbiamo effettuare una cessione di vino in Cina. Il nostro cliente sostiene che, una volta giunta la merce in dogana, provvederà lui stesso a incollare le etichette in lingua cinese da lui stampate. Ci richiede inoltre il certificato sanitario, ma la nostra società è esonerata da tempo per queste certificazioni (possiamo ovviamente fornire le analisi).

Esportare vino in Cina: norme etichettatura

Oltre all’etichetta originale del paese di esportazione, per commercializzare vino in Cina è necessaria un’etichetta posteriore aggiuntiva in caratteri cinesi, normalmente predisposta dall’importatore.

Documenti richiesti

  • 5 originali della lista di carico
  • 5 originali della fattura proforma, con il timbro e la firma
  • un originale del certificato sanitario o di analisi relativo alla spedizione in corso
  • 5 originali dell’etichetta frontale e posteriore
  • un originale della traduzione in cinese dell’etichetta frontale
  • un originale e una copia della licenza di produzione e la sua traduzione in cinese
  • un originale e una copia del certificato sanitario del produttore e la sua traduzione in  cinese
  • un originale e una copia del processo di produzione del vino e la sua traduzione in cinese (processo produttivo vitivinicolo semplice, con il timbro dell’azienda e la firma di un soggetto autorizzato).

Requisiti dell’etichetta posteriore cinese

  • Il formato dell’etichetta non può avere un’altezza inferiore ai 10 cme una larghezza inferiore ai 7 cm
  • la dimensione dei caratteri cinesi non può essere inferiore ai 2mm; le diciture “peso netto” e “nome del vino” devono essere indicate sulle etichette in caratteri le cui dimensioni non possono essere inferiori ai 4 mm
  • sull’etichetta deve essere stampato il codice a barre.

Le indicazioni che devono essere incluse nell’etichetta includono:

  • nome del vino in cinese ed inglese (o in italiano)
  • tipo di vino (secco, amabile o altre tipologie)
  • materia prima: 100% succo d’uva
  • regione d’origine
  • paese d’origine
  • data di scadenza o indicazioni del periodo di longevità garantito
  • data di imbottigliamento
  • anno dell’uva
  • gradazione alcolica
  • condizioni di conservazione
  • produttore
  • distributore
  • indirizzo del distributore
  • peso netto.

È preferibile predisporre l’etichetta posteriore secondo un modello reso disponibile dalle autorità doganali cinesi.

Non è più prevista la procedura di approvazione dell’etichetta da parte della Chinese Inspection and Quarantine Bureau (CIQ), che tuttavia procede ancora ad effettuare l’ispezione di qualità del prodotto, che viene fatta contestualmente allo sdoganamento. Le merci saranno rilasciate dalla Dogana in seguito all’emissione del certificato di autorizzazione da parte del CIQ.

I controlli effettuati dal CIQ includono:

  • l’esame dei documenti relativi alle merci, incluso il certificato sanitario, il certificato di origine, il certificato di qualità, ecc. emessi dal paese esportatore
  • la verifica che l’imballaggio sia conforme agli standard ammessi
  • la verifica che le merci abbiano seguito tutte le procedure formali per la  registrazione in Cina
  • l’ispezione a campione. Per verificare che le merci siano in conformità con gli standard sanitari della RPC previsti per l’importazione di vino, per ogni spedizione sono selezionate da 4 a 6 bottiglie per ciascuna etichetta. L’intero processo di ispezione richiede circa una settimana.

Per la spedizione, si consiglia l'utilizzo di imballaggi in legno sani e trattati in conformità allo standard ISPM15; in mancanza, occorre allegare un certificato fitosanitario.

Una novità recente per esportare in Cina consiste nell’obbligo di registrazione dell’esportatore di prodotti agroalimentari presso l’AQSIQ, l’autorità cinese per la qualità.

Certificato

Il certificato sanitario o di analisi spesso si equivalgono, per le autorità  cinesi, per cui il vino può essere accompagnato da un certificato di analisi, anziché da un certificato sanitario rilasciato da un laboratorio accreditato che attesti che nel Paese di origine sono state fatte analisi microbiologiche e fisico-chimiche. Le autorità  cinesi accettano i certificati rilasciati da un laboratorio accreditato nel Paese d'origine della merce. Le informazioni richieste in cinese o in inglese e devono avere il seguente contenuto minimo:

  • Data delle analisi
  • Nome, indirizzo e timbro del laboratorio che ha effettuato le analisi
  • Nome, il nome commerciale e la descrizione dei campioni e delle loro caratteristiche, tra cui numeri di lotto, se del caso
  • Metodi di prova e livelli massimi consentiti
  • Risultati delle analisi chimico-fisiche
  • Risultati dei test microbiologici, se del caso
  • Nome e firma del funzionario responsabile del laboratorio accreditato.

Si segnala che nel certificato di analisi occorre evidenziare l’eventuale presenza e contenuto di ftalati, in quanto la Cina ha stabilito limiti rigorosi.

In collaborazione con Infoexport

Dogane
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) ha implementato una procedura digitale per la richiesta dei certificati EUR.1, EUR-MED e A.TR.
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Dal 1 gennaio 2021 il Regno Unito non più parte del mercato unico e ha  lasciato l'unione doganale UE insieme a tutte le politiche dell'Unione europea e agli accordi internazionali. 
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.