Esportare vino in Cina: norme etichettatura

Dobbiamo effettuare una cessione di vino in Cina. Il nostro cliente sostiene che, una volta giunta la merce in dogana, provvederà lui stesso a incollare le etichette in lingua cinese da lui stampate. Ci richiede inoltre il certificato sanitario, ma la nostra società è esonerata da tempo per queste certificazioni (possiamo ovviamente fornire le analisi).

Esportare vino in Cina: norme etichettatura

Oltre all’etichetta originale del paese di esportazione, per commercializzare vino in Cina è necessaria un’etichetta posteriore aggiuntiva in caratteri cinesi, normalmente predisposta dall’importatore.

Documenti richiesti

  • 5 originali della lista di carico
  • 5 originali della fattura proforma, con il timbro e la firma
  • un originale del certificato sanitario o di analisi relativo alla spedizione in corso
  • 5 originali dell’etichetta frontale e posteriore
  • un originale della traduzione in cinese dell’etichetta frontale
  • un originale e una copia della licenza di produzione e la sua traduzione in cinese
  • un originale e una copia del certificato sanitario del produttore e la sua traduzione in  cinese
  • un originale e una copia del processo di produzione del vino e la sua traduzione in cinese (processo produttivo vitivinicolo semplice, con il timbro dell’azienda e la firma di un soggetto autorizzato).

Requisiti dell’etichetta posteriore cinese

  • Il formato dell’etichetta non può avere un’altezza inferiore ai 10 cme una larghezza inferiore ai 7 cm
  • la dimensione dei caratteri cinesi non può essere inferiore ai 2mm; le diciture “peso netto” e “nome del vino” devono essere indicate sulle etichette in caratteri le cui dimensioni non possono essere inferiori ai 4 mm
  • sull’etichetta deve essere stampato il codice a barre.

Le indicazioni che devono essere incluse nell’etichetta includono:

  • nome del vino in cinese ed inglese (o in italiano)
  • tipo di vino (secco, amabile o altre tipologie)
  • materia prima: 100% succo d’uva
  • regione d’origine
  • paese d’origine
  • data di scadenza o indicazioni del periodo di longevità garantito
  • data di imbottigliamento
  • anno dell’uva
  • gradazione alcolica
  • condizioni di conservazione
  • produttore
  • distributore
  • indirizzo del distributore
  • peso netto.

È preferibile predisporre l’etichetta posteriore secondo un modello reso disponibile dalle autorità doganali cinesi.

Non è più prevista la procedura di approvazione dell’etichetta da parte della Chinese Inspection and Quarantine Bureau (CIQ), che tuttavia procede ancora ad effettuare l’ispezione di qualità del prodotto, che viene fatta contestualmente allo sdoganamento. Le merci saranno rilasciate dalla Dogana in seguito all’emissione del certificato di autorizzazione da parte del CIQ.

I controlli effettuati dal CIQ includono:

  • l’esame dei documenti relativi alle merci, incluso il certificato sanitario, il certificato di origine, il certificato di qualità, ecc. emessi dal paese esportatore
  • la verifica che l’imballaggio sia conforme agli standard ammessi
  • la verifica che le merci abbiano seguito tutte le procedure formali per la  registrazione in Cina
  • l’ispezione a campione. Per verificare che le merci siano in conformità con gli standard sanitari della RPC previsti per l’importazione di vino, per ogni spedizione sono selezionate da 4 a 6 bottiglie per ciascuna etichetta. L’intero processo di ispezione richiede circa una settimana.

Per la spedizione, si consiglia l'utilizzo di imballaggi in legno sani e trattati in conformità allo standard ISPM15; in mancanza, occorre allegare un certificato fitosanitario.

Una novità recente per esportare in Cina consiste nell’obbligo di registrazione dell’esportatore di prodotti agroalimentari presso l’AQSIQ, l’autorità cinese per la qualità.

Certificato

Il certificato sanitario o di analisi spesso si equivalgono, per le autorità  cinesi, per cui il vino può essere accompagnato da un certificato di analisi, anziché da un certificato sanitario rilasciato da un laboratorio accreditato che attesti che nel Paese di origine sono state fatte analisi microbiologiche e fisico-chimiche. Le autorità  cinesi accettano i certificati rilasciati da un laboratorio accreditato nel Paese d'origine della merce. Le informazioni richieste in cinese o in inglese e devono avere il seguente contenuto minimo:

  • Data delle analisi
  • Nome, indirizzo e timbro del laboratorio che ha effettuato le analisi
  • Nome, il nome commerciale e la descrizione dei campioni e delle loro caratteristiche, tra cui numeri di lotto, se del caso
  • Metodi di prova e livelli massimi consentiti
  • Risultati delle analisi chimico-fisiche
  • Risultati dei test microbiologici, se del caso
  • Nome e firma del funzionario responsabile del laboratorio accreditato.

Si segnala che nel certificato di analisi occorre evidenziare l’eventuale presenza e contenuto di ftalati, in quanto la Cina ha stabilito limiti rigorosi.

In collaborazione con Infoexport

Dogane
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.
Il nuovo Codice doganale dell’Unione: cogliere le opportunità del cambiamento
Il nuovo Codice doganale UE: opportunità del cambiamento Le dinamiche del commercio internazionale sono mutate nel tempo e hanno reso necessari strumenti doganali semplici, efficaci e fruibili attraverso sistemi informatici, in modo da facilitare il movimento delle merci e ottimizzare la catena di approvvigionamento.
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA Negli ultimi anni la Food & Drug Admnistration (FDA), Organismo statunitense preposto alla regolamentazione e al controllo dei prodotti alimentari ...
Operazioni doganali… non in dogana
Operazioni doganali… non in dogana Nell’articolo una panoramica della normativa italiana ed europea relativa alla gestione delle operazioni doganali presso le sedi dell’operatore economico.
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med Nell’ambito degli Accordi commerciali di libero scambio tra l’Unione europea egli altri Paesi o gruppi di Paesi accordatari, il documento normalmente utilizzato come “prova di origine” preferenziale è il certificato di circolazione EUR.
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017 Con il termine dual use (duplice uso) si identificano quei beni e quelle tecnologie che, pur essendo principalmente utilizzati per scopi civili, possono essere adoperati nella fabbricazione e sviluppo di diverse tipologie di armamenti.
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità L’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del D. Lgs.
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione La Commissione europea ha introdotto importanti modifiche alle disposizioni di applicazione del Codice Doganale dell’Unione, con particolare riguardo agli adempimenti connessi alla gestione dell’origine delle merci.