Esportare vino in Giappone

di lettura

Il sistema di accesso al mercato non è semplice e l’importatore gioca un ruolo fondamentale in quanto la legislazione giapponese lo considera garante del rispetto della normativa da parte del produttore.

 

Esportare vino in Giappone

Il mercato giapponese dei prodotti food è maturo e molto sofisticato. I prodotti italiani di punta della nostra tradizione eno-gastronomica sono apprezzati anche grazie alla ristorazione italiana che ha favorito negli anni la conoscenza della nostro cultura culinaria.

Nella maggior parte dei casi, il sistema giapponese non riconosce le certificazioni ottenute da un prodotto nel Paese di origine, e prevede - prima dell’ingresso definitivo della merce in Giappone - l’effettuazione, a spese dell’importatore e da parte delle autorità locali giapponesi, di controlli prevalentemente di tipo sanitario.

Nel caso di prodotto importato per la prima volta l’importatore deve presentare ai rappresentanti del Ministero prima della spedizione:

  • dichiarazione che il prodotto soddisfi le norme vigenti nel Paese da cui proviene la merce
  • lista degli ingredienti
  • descrizione dei processi produttivi
  • campionatura
  • eventuali risultati analitici ottenuti in un laboratorio sito nel Paese di origine riconosciuto dal Ministero; in tal caso i test devono dimostrare il rispetto dei parametri fissati dalla normativa giapponese.

A seguito dell’esito positivo del controllo l’importatore può procedere ad effettuare la Notifica d’Importazione (import notification).

Nel caso di merce già importata, l’importatore presenta la Notifica d’Importazione a una delle Food Quarantine Stations che operano nei luoghi di ingresso della merce, porti e aeroporti. Esaminati i documenti ed effettuati i controlli le Food Quarantine Stations emettono il Certificate of Notification.

Documenti per la spedizione

  • Dichiarazione doganale
  • packing list
  • fattura commerciale: triplice copia in lingua inglese o giapponese; non è previsto un format specifico ma devono essere presenti i dati identificativi della merce, del corrispettivo economico e della consegna
  • polizza di carico
  • certificato d’origine: può essere eventualmente richiesto dall’importatore e consegnato in originale
  • certificato di analisi: l’elenco dei parametri oggetto di controllo e i relativi limiti di accettabilità sono riportati nel sito dell’organizzazione giapponese per il commercio estero JETRO

In merito al trasporto è necessario che i container contenenti i prodotti da esportare siano sigillati qualora il trasporto tra Italia e Giappone preveda delle tappe intermedie.

Etichettatura Vino

Per il vino  e le bevande alcoliche in generale l’etichetta deve riportare:

  • nome del prodotto
  • elenco degli additivi alimentari usati
  • titolo alcolometrico espresso in volume
  • indicazione nel caso di bevanda effervescente
  • nome e indirizzo dell’importatore
  • nome e l’indirizzo del distributore
  • avvertimento che la bevanda non deve essere consumata da minorenni
  • riferimento all’origine e standard di qualità del prodotto.

In alcuni testi viene specificato che si consiglia l’utilizzo di bottiglie in vetro incolori per evitare problematiche relative al riciclaggio.

Per quanto riguarda l’imballaggio primario, sull’etichetta o sul contenitore della bevanda devono essere riportati obbligatoriamente i marchi giapponesi (JIS), che specificano il materiale del tappo, del contenitore e dell’etichetta .

Disciplina dei vini biologici

La tematica del biologico è particolarmente attuale in Giappone, non solo per motivi tradizionali, ma anche a seguito degli incidenti avvenuti nel Paese.

La disciplina dei prodotti alcolici è gestita dal Ministero delle Finanze: la normativa per la certificazione del vino biologico non è, pertanto, soggetta al sistema JAS Bio, (Japanese Agricultural Standard),  che regola invece la normativa per i prodotti alimentari biologici in Giappone.

Sull’etichetta è possibile soltanto indicare che le materia prime utilizzate sono certificate JAS Bio; non è ammessa la dicitura in lingua inglese “organic” o il termine giapponese equivalente, ma è, invece, possibile utilizzare la scritta (in lingua italiana o altra lingua con l’esclusione di quanto indicato) “vino biologico” o “vino prodotto con uve biologiche”.

Approfondimenti

Tag dell'informativa
Dogane
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Pagamenti in dogana differiti, sospensione delle attività di riscossione e calendarizzazione delle verifiche e degli accertamenti per non gravare sugli operatori, sempre però in ossequio al principio per cui i dazi doganali, in quanto risorse proprie, non sono tributi disponibili.
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Il quadro attuale del mondo imprenditoriale offre una continua successione di difficoltà, dalla interruzione totale o parziale di fabbriche e uffici, alle interruzioni delle differenti catene di approvvigionamento e dei trasporti, fino al blocco effettivo degli scambi commerciali in alcune aree del globo.
Il ruolo della voce doganale
Il ruolo della voce doganale
Con il termine voce doganale, nomenclatura combinata o custom tariff, si intende il codice numerico che dal punto di vista doganale identifica i beni oggetto della transazione sia intracomunitaria sia di importazione o di esportazione.
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
La guida, realizzata da Unioncamere Lombardia, ha lo scopo di informare e fornire strumenti pratici alle imprese nell’ambito dell’origine preferenziale della merce. 
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
L’origine, da non confondere con la provenienza, è la nazionalità economica dei beni scambiati nel commercio internazionale. Esistono due tipi di origine: preferenziale/fiscale e non preferenziale/economica.
Le prove di cessione Intra Ue e il Reg. Ue 2018/1912
Le prove di cessione Intra Ue
Che l’acquisizione e la gestione documentale delle prove delle cessioni Intra UE sia un problema ed una criticità nella vita di molte imprese italiane non è che una constatazione di fatto.
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Nell'articolo un aggiornamento a seguito dell’entrata in vigore della Nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 200901 del 5 dicembre 2019.
Abolizione dei certificati EUR1 e ATR previdimati per l'esportatore autorizzato
Novità EUR1 e ATR: l’importanza della qualifica di esportatore autorizzato
Ottenere la qualifica di esportatore autorizzato per l’impresa rivolta all’export diventa sempre più importante.
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Nonostante siano passati già 3 anni dal referendum che ha dato avvio al processo Brexit, persiste tutt’ora un clima di incertezza per quanto riguarda le modalità di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.