Etichetta alimentare: nuove indicazioni obbligatorie

di lettura

Il Regolamento n. 1169/2011, e s.m.i., assorbe fonti legislative diverse e stratificate nel tempo e sostituisce le direttive 2000/13/CE e 90/496/CEE. In Italia, detto Regolamento va integrato con le disposizioni del D.Lgs. 109/92 e con altre disposizioni vigenti per alcuni prodotti. 

Etichetta alimentare: nuove indicazioni obbligatorie

 Il regolamento si applica dal 13 dicembre 2014 (ad eccezione di alcuni requisiti per le carni macinate, in vigore da gennaio 2014, e della dichiarazione nutrizionale, obbligatoria dal 13 dicembre 2016).

L’etichetta alimentare serve a tutelare il consumatore sia da punto di vista della salute che da punto di vista economico, aiutandolo a confrontare i prodotti in commercio e a compiere acquisti consapevoli.

Principali novità

Diciture obbligatorie e leggibilità delle informazioni (art. 9 e art. 13)

Le diciture obbligatorie sulle etichette devono essere apposte in maniera chiara, visibile, leggibile, indelebile. Il Regolamento stabilisce l’altezza minima dei caratteri pari a 1,2 mm, per imballaggi la cui superficie maggiore misura più di 80 cmq; per le confezioni più piccole, l’altezza minima dei  caratteri è stabilita in 0,9 mm.

Responsabilità (art. 8)

Il Regolamento stabilisce che la responsabilità relativa alle informazioni fornite sui prodotti alimentari è in capo all’operatore con il cui nome o con la cui ragione sociale è commercializzato il prodotto o, se tale operatore non è stabilito nella UE, all’importatore nella UE.

Allergeni (art. 9, par. 1, lett. c e art. 21)

Le etichette dei prodotti preconfezionati devono riportare obbligatoriamente l’eventuale presenza di qualsiasi ingrediente o coadiuvante tecnologico che provochi allergie o intolleranze, usato nella fabbricazione o nella preparazione di un alimento e ancora presente nel prodotto finito, anche se in forma alterata (cereali con glutine, crostacei, uova, arachidi, latte, molluschi, solfiti, etc.).

In etichetta va apposto un riferimento chiaro alla denominazione della sostanza definita come allergene, da evidenziare in modo distinto rispetto alle restanti indicazioni, per dimensioni, stile o colore di sfondo. Per elenco dettagliato degli allergeni si veda Allegato II.

Vendita a distanza (art. 14)

L’obbligo di etichettatura si applica anche ai canali di vendita a distanza, ad es. tramite Internet. Le indicazioni obbligatorie, ad eccezione del termine minimo di conservazione o la data di scadenza, dovranno essere disponibili prima della conclusione dell’acquisto.

Lingua (art. 15)

L’etichetta serve principalmente ad informare il consumatore finale, quindi va redatta in una lingua a lui comprensibile (lingua ufficiale del Paese di commercializzazione).

Termine di scadenza e conservazione (art. 24)

Invariate le modalità di indicazione del termine minimo di conservazione o TMC (da consumarsi preferibilmente entro…). La data di scadenza (da consumarsi entro…) dovrà invece essere indicata su ogni porzione della confezione; tale indicazione diviene la data limite di consumo oltre la quale il prodotto è considerato a rischio.

Per consentire una conservazione e un’utilizzazione adeguata degli alimenti dopo l’apertura della confezione, devono essere indicate le condizioni di conservazione e/o il periodo di consumo.
L’indicazione del lotto di produzione era già obbligatoria in virtù della direttiva UE n. 91 del dicembre 2011.

Indicazione di origine (art. 26)

Il Regolamento estende l’obbligo di indicare il Paese d'origine o il luogo di provenienza, già vigente per carni bovine fresche, miele, olio di oliva, frutta e verdura, anche alle carni suine, ovine, caprine e di volatili. Tali indicazioni vanno sempre apposte quando la loro omissione possa indurre in errore il consumatore in merito al Paese di origine o al luogo di provenienza dell’alimento.

Etichettatura nutrizionale (art. 29)

Dal 13 dicembre 2016, per determinati alimenti preconfezionati diverrà obbligatoria la tabella nutrizionale, i cui valori medi andranno rapportati a 100 g o 100 ml di prodotto. Le indicazioni riguarderanno nell’ordine: valore energetico, grassi, grassi saturi, carboidrati, zuccheri, proteine e sale (non più sodio).
La tabella nutrizionale dovrà essere conforme allo schema di cui all’Allegato XV del Regolamento n. 1169/2011. Non si applica ai prodotti di cui all’Allegato V.

Informazioni complementari (All.III)

Alcuni alimenti vanno etichettati con informazioni complementari (ad es., se contenenti edulcoranti, caffeina, liquirizia o steroli vegetali, etc.).

Informazioni volontarie (art. 36)

Altre informazioni possono essere aggiunte volontariamente (es., glutine). I singoli Stati nazionali possono decidere schemi informativi aggiuntivi, se autorizzati dall’UE, sempreché che tali requisiti non creino ostacoli alla libera circolazione delle merci e non discrimino alimenti provenienti da altri Paesi UE.

Oli e grassi vegetali (all.vii)

Il Regolamento prevede l’obbligo di indicare l’origine vegetale specifica di oli e grassi vegetali, anche, se del caso, con la dicitura “in proporzione variabile” e con l’espressione “totalmente o parzialmente idrogenato”.

Contenuto di acqua (all. vi)

Non è obbligatorio indicare l’acqua aggiunta a un alimento se nel prodotto finale residua in quantità non superiore al 5%, fatta eccezione per la carne, le preparazioni di carne e prodotti della pesca e molluschi bivalvi non trasformati.

Alimenti congelati e surgelati (All.ti III e  VI)

Un alimento congelato/surgelato venduto scongelato dovrà riportare sull’etichetta il termine “decongelato”; diventa obbligatorio indicare la data di congelamento o di primo congelamento per i prodotti che sono stati congelati più di una volta, nella carne e nelle preparazioni a base di carne e nei prodotti non trasformati a base di pesce congelati.

Alimenti ricomposti (All. VI)

I prodotti e le preparazioni a base di carne e i prodotti della pesca che sono frutto dell’unione di diverse parti, attuata con altri ingredienti come additivi ed enzimi alimentari, o con sistemi diversi, devono recare l’indicazione “carne ricomposta” o “pesce ricomposto”.

Campo di applicazione

Il Regolamento n. 1169 si applica ai prodotti alimentari preconfezionati e ai prodotti alimentari venduti sfusi.

Etichettatura prodotti preconfezionati

Gli alimenti preconfezionati, con le eccezioni di cui all’art. 19,  vanno quindi etichettati con le seguenti informazioni obbligatorie:

  • a) denominazione dell’alimento, accompagnata dall’indicazione dello stato fisico in cui si trova il prodotto o dello specifico trattamento che ha subito (in polvere, liofilizzato, surgelato, etc.)
  • b) elenco degli ingredienti, in ordine decrescente di peso; i nano materiali vanno indicati con il nome dell’ingrediente preceduto da “nano”
  • c) allergeni, preceduti da “Contiene:”
  • d) quantità di taluni ingredienti o categorie di ingredienti (cd. QUID)
  • e) quantità netta dell’alimento
  • f) termine minimo di conservazione o la data di scadenza
  • g) condizioni particolari di conservazione e/o le condizioni d’impiego
  • h) nome o ragione sociale e indirizzo dell’operatore che commercializza/distribuisce il prodotto
  • i) Paese d’origine o il luogo di provenienza
  • j) istruzioni per l’uso, quando la loro omissione renderebbe difficile un uso adeguato dell’alimento
  • k) per bevande che contengono più di 1,2 % di alcol in volume, titolo alcolometrico volumico effettivo
  • l) dichiarazione nutrizionale.

Nel caso di alimenti confezionati con superficie di etichettatura massima di 10 cmq, la lista degli ingredienti può essere omessa, ma non la lista delle sostanze allergizzanti, da indicare sempre.

Etichettatura prodotti venduti sfusi

Occorre apporre un cartello, indicando le informazioni di cui alle lettere a), b) c), d), k) sopra indicate. Inoltre, vanno aggiunte:

  • modalità di conservazione e di utilizzo, qualora siano necessarie per l'adozione di particolari accorgimenti, in base al prodotto
  • data di scadenza, per paste fresche, anche con ripieno
  • percentuale di glassatura, considerata tara, per i prodotti congelati glassati.

Cristina Piangatello

Fonte: REGOLAMENTO (UE) N. 1169/2011

Dogane
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia
Quadro giuridico e doganale per operare con la Russia L’Italia è il sesto paese per volumi di scambi con la Russia e il secondo più grande importatore di gas russo in Europa. Negli ultimi dieci anni il numero di imprese italiane che ha approcciato il mercato russo è aumentato costantemente.
Customs decisions system: strumenti informatici doganali
Customs decisions system: strumenti informatici doganali Il Customs Decisions System (“CDS”) è un sistema che consente agli operatori stabiliti nell’Unione europea e in possesso di un codice EORI di richiedere e gestire le decisioni doganali per via elettronica attraverso un unico portale (“EU Trade Portal- EU TP”) condiviso a livello unionale, al quale si accede previo specifico accreditamento.
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti
Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere Nel contesto di un’auspicata crescita dell’integrazione “transfrontaliera” la guida è stata concepita con il preciso intento di offrire agli operatori economici un utile strumento di orientamento verso scelte operative che tengano conto delle opportunità offerte dalla collaborazione Italo – Svizzera, specialmente all’interno delle aree di confine.
Guida all'origine preferenziale della merce
Guida all'origine preferenziale della merce L'origine preferenziale dà diritto a benefici tariffari (ingresso a dazio zero o a dazio ridotto) negli scambi tra paesi che hanno stipulato accordi di commercio preferenziale, perché la merce possa essere considerata di origine preferenziale devono essere soddisfatte alcune condizioni specifiche indicate nei protocolli di origine degli accordi di commercio preferenziale.
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.