Giocattoli: marchio di conformità GCC

di lettura

A partire dal 2011, tutti i giocattoli importati nei paesi GCC (Gulf Cooperation Council) devono riportare il marchio di conformità GCC.  In mancanza di tale marchio i giocattoli in importazione non saranno sdoganati dalle autorità preposte.

Il marchio di conformità GCC, introdotto dall’Organizzazione di Standardizzazione (GSO) dei Paesi del Golfo, non è un marchio di qualità, ma piuttosto una marcatura che esprime la conformità dei prodotti agli essenziali criteri di tutela della salute, della sicurezza e dell’ambiente.

Un prodotto GCC è conforme a tutti i requisiti dettati dalle norme che deve rispettare e ha superato tutte le verifiche di conformità.

Il marchio di conformità GCC deve rispettare per forma e dimensione le relative norme tecniche: nel caso sia necessario aumentarne o diminuirne le dimensioni devono essere rispettati i rapporti illustrati nel diagramma.

Qualora le norme di un prodotto non prescrivano dimensioni precise del marchio di conformità GCC questo deve avere un’altezza minima di 5mm.

Chi può applicare questo marchio di conformità?

Il marchio di conformità GCC può essere applicato dal produttore o dal suo agente o legale rappresentante sul mercato dei Paesi del Golfo. Può essere affisso anche da chi distribuisce il prodotto sui mercati GCC, se questa alternativa è prevista dalle norme tecniche del prodotto.

Dove va applicato?

Il marchio di conformità GCC può essere applicato sul prodotto o stampato sull’etichetta del prodotto stesso. Qualora per la natura del giocattolo ciò non sia possibile, il marchio va applicato sull’imballo (se esistente) o sulla documentazione che accompagna il prodotto, se previsto dalle relative normative.

La marcatura deve essere applicata in modo chiaro, leggibile, permanente e non cancellabile. La marcatura va applicata al termine delle operazioni di controllo interno di qualità.

Procedure per la verifica di conformità

Per poter applicare il marchio di conformità GCC su un qualunque giocattolo, questo deve soddisfare uno dei seguenti moduli:

Opzione 1: Internal Production Control (Modulo A)

Questo modulo si riferisce al design e al monitoraggio in azienda dei prodotti e richiede la Dichiarazione di Conformità del Fornitore (Supplier Declaration of Conformity – SDOC).

Il produttore prepara la documentazione tecnica che permetterà la verifica di conformità del prodotto relativamente ai requisiti e alle norme GSO. Ciò comprende: analisi e verifica del rischio collegato al prodotto, specifica dei requisiti necessari, informazioni su design, manifattura e funzionamento del prodotto, etc. Il produttore deve inoltre assicurare che le modalità di produzione garantiscano la conformità del prodotto alla documentazione tecnica.

Il produttore garantisce e dichiara che un determinato prodotto è conforme alle normative GSO e applica il marchio di conformità GCC su ogni articolo. Il produttore dovrà inoltre redarre una dichiarazione di conformità per ogni modello e ne conserverà copia unitamente alla documentazione tecnica a disposizione delle autorità competenti. Gli obblighi del produttore relativamente alla marcatura di conformità e alla SDOC possono essere ottemperate da un rappresentante da lui autorizzato e comunque sotto la sua responsabilità.

Opzione 2: Type Approval Testing  for Design Phase (Modulo B) seguito da Conformity to Type for assessment of production phase (Modulo C)

Questa opzione si riferisce alle procedure di verifica di conformità effettuate da un notified body (ente certificatore) che esamina l’aspetto tecnico del prodotto e ne verifica e attesta la corrispondenza con i relativi requisiti tecnici  e normativi.

Il produttore dovrà predisporre la documentazione tecnica (come da Opzione 1) e sottoporre una richiesta di type approval testing a un singolo ente certificatore. L’ente certificatore dovrà:

  • esaminare l’adeguatezza della documentazione tecnica.
  • ispezionare e testare il/i campione/i a fronte della documentazione tecnica, verificandone la conformità ai requisiti GSO.
  • ad avvenuta verifica, emettere ilGulf States Council Model Test Certificate.  Copia del certificato e della documentazione tecnica dovrà essere mantenuta sia dal produttore sia dell’ente certificatore a disposizione delle autorità competenti.

Il produttore dovrà aggiornare l’ente certificatore di qualunque modifica apportata al prodotto approvato. Inoltre dovrà mettere in atto le azioni necessarie affinché le operazioni di produzione garantiscano la conformità dei prodotti ai modelli indicati sullo State Council Model Test Certificate. Il produttore, o il suo rappresentante autorizzato, applicherà il marchio di conformità su ogni prodotto e predisporrà la dichiarazione di conformità.

Possibili requisiti addizionali

Il produttore o un’altra entità da lui autorizzata farà testare il prodotto: tali test dovranno essere condotti dall’ente di certificazione prescelto e il produttore indicherà il numero ID dell’ente certificatore sulla produzione realizzata sotto la responsabilità del’ente certificatore stesso.

In alternativa, l’ente certificatore effettuerà i test a spot per verificare e  garantire la conformità ai requisiti GSO. Anche in questo caso il produttore dovrà apporre il numero ID dell’ente certificatore ai propri prodotti.

Per ulteriori dettagli si rimanda alle normative tecniche dei Paesi del Golfo: BD09100503 e BD070070502.

Informazioni:
SGS Gulf Ltd.
Governments & Institution Services
sithara.hatim@sgs.com

Dogane
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
Guida pratica: origine preferenziale delle merci La guida, realizzata da Unioncamere Lombardia, ha lo scopo di informare e fornire strumenti pratici alle imprese nell’ambito dell’origine preferenziale della merce. 
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione L’origine, da non confondere con la provenienza, è la nazionalità economica dei beni scambiati nel commercio internazionale. Esistono due tipi di origine: preferenziale/fiscale e non preferenziale/economica.
Le prove di cessione Intra Ue e il Reg. Ue 2018/1912
Le prove di cessione Intra Ue Che l’acquisizione e la gestione documentale delle prove delle cessioni Intra UE sia un problema ed una criticità nella vita di molte imprese italiane non è che una constatazione di fatto.
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Novità certificati EUR 1 EUR MED Nell'articolo un aggiornamento a seguito dell’entrata in vigore della Nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 200901 del 5 dicembre 2019.
Abolizione dei certificati EUR1 e ATR previdimati per l'esportatore autorizzato
Novità EUR1 e ATR: l’importanza della qualifica di esportatore autorizzato Ottenere la qualifica di esportatore autorizzato per l’impresa rivolta all’export diventa sempre più importante.
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali Nonostante siano passati già 3 anni dal referendum che ha dato avvio al processo Brexit, persiste tutt’ora un clima di incertezza per quanto riguarda le modalità di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.
Guida pratica per le operazioni di import export
Guida pratica per le operazioni di import export In un contesto di sempre crescente espansione e orientamento verso i mercati esteri, l’attività commerciale e produttiva delle aziende italiane richiede la conoscenza di normative e adempimenti che risultano di fondamentale importanza per la corretta gestione delle operazioni di natura internazionale.
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento Nell'articolo sono presentate le novità riguardanti la procedura per il rilascio dello status di Operatore Economico Autorizzato e i relativi benefici.
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.