Giocattoli: marchio di conformità GCC

di lettura

A partire dal 2011, tutti i giocattoli importati nei paesi GCC (Gulf Cooperation Council) devono riportare il marchio di conformità GCC.  In mancanza di tale marchio i giocattoli in importazione non saranno sdoganati dalle autorità preposte.

Il marchio di conformità GCC, introdotto dall’Organizzazione di Standardizzazione (GSO) dei Paesi del Golfo, non è un marchio di qualità, ma piuttosto una marcatura che esprime la conformità dei prodotti agli essenziali criteri di tutela della salute, della sicurezza e dell’ambiente.

Un prodotto GCC è conforme a tutti i requisiti dettati dalle norme che deve rispettare e ha superato tutte le verifiche di conformità.

Il marchio di conformità GCC deve rispettare per forma e dimensione le relative norme tecniche: nel caso sia necessario aumentarne o diminuirne le dimensioni devono essere rispettati i rapporti illustrati nel diagramma.

Qualora le norme di un prodotto non prescrivano dimensioni precise del marchio di conformità GCC questo deve avere un’altezza minima di 5mm.

Chi può applicare questo marchio di conformità?

Il marchio di conformità GCC può essere applicato dal produttore o dal suo agente o legale rappresentante sul mercato dei Paesi del Golfo. Può essere affisso anche da chi distribuisce il prodotto sui mercati GCC, se questa alternativa è prevista dalle norme tecniche del prodotto.

Dove va applicato?

Il marchio di conformità GCC può essere applicato sul prodotto o stampato sull’etichetta del prodotto stesso. Qualora per la natura del giocattolo ciò non sia possibile, il marchio va applicato sull’imballo (se esistente) o sulla documentazione che accompagna il prodotto, se previsto dalle relative normative.

La marcatura deve essere applicata in modo chiaro, leggibile, permanente e non cancellabile. La marcatura va applicata al termine delle operazioni di controllo interno di qualità.

Procedure per la verifica di conformità

Per poter applicare il marchio di conformità GCC su un qualunque giocattolo, questo deve soddisfare uno dei seguenti moduli:

Opzione 1: Internal Production Control (Modulo A)

Questo modulo si riferisce al design e al monitoraggio in azienda dei prodotti e richiede la Dichiarazione di Conformità del Fornitore (Supplier Declaration of Conformity – SDOC).

Il produttore prepara la documentazione tecnica che permetterà la verifica di conformità del prodotto relativamente ai requisiti e alle norme GSO. Ciò comprende: analisi e verifica del rischio collegato al prodotto, specifica dei requisiti necessari, informazioni su design, manifattura e funzionamento del prodotto, etc. Il produttore deve inoltre assicurare che le modalità di produzione garantiscano la conformità del prodotto alla documentazione tecnica.

Il produttore garantisce e dichiara che un determinato prodotto è conforme alle normative GSO e applica il marchio di conformità GCC su ogni articolo. Il produttore dovrà inoltre redarre una dichiarazione di conformità per ogni modello e ne conserverà copia unitamente alla documentazione tecnica a disposizione delle autorità competenti. Gli obblighi del produttore relativamente alla marcatura di conformità e alla SDOC possono essere ottemperate da un rappresentante da lui autorizzato e comunque sotto la sua responsabilità.

Opzione 2: Type Approval Testing  for Design Phase (Modulo B) seguito da Conformity to Type for assessment of production phase (Modulo C)

Questa opzione si riferisce alle procedure di verifica di conformità effettuate da un notified body (ente certificatore) che esamina l’aspetto tecnico del prodotto e ne verifica e attesta la corrispondenza con i relativi requisiti tecnici  e normativi.

Il produttore dovrà predisporre la documentazione tecnica (come da Opzione 1) e sottoporre una richiesta di type approval testing a un singolo ente certificatore. L’ente certificatore dovrà:

  • esaminare l’adeguatezza della documentazione tecnica.
  • ispezionare e testare il/i campione/i a fronte della documentazione tecnica, verificandone la conformità ai requisiti GSO.
  • ad avvenuta verifica, emettere ilGulf States Council Model Test Certificate.  Copia del certificato e della documentazione tecnica dovrà essere mantenuta sia dal produttore sia dell’ente certificatore a disposizione delle autorità competenti.

Il produttore dovrà aggiornare l’ente certificatore di qualunque modifica apportata al prodotto approvato. Inoltre dovrà mettere in atto le azioni necessarie affinché le operazioni di produzione garantiscano la conformità dei prodotti ai modelli indicati sullo State Council Model Test Certificate. Il produttore, o il suo rappresentante autorizzato, applicherà il marchio di conformità su ogni prodotto e predisporrà la dichiarazione di conformità.

Possibili requisiti addizionali

Il produttore o un’altra entità da lui autorizzata farà testare il prodotto: tali test dovranno essere condotti dall’ente di certificazione prescelto e il produttore indicherà il numero ID dell’ente certificatore sulla produzione realizzata sotto la responsabilità del’ente certificatore stesso.

In alternativa, l’ente certificatore effettuerà i test a spot per verificare e  garantire la conformità ai requisiti GSO. Anche in questo caso il produttore dovrà apporre il numero ID dell’ente certificatore ai propri prodotti.

Per ulteriori dettagli si rimanda alle normative tecniche dei Paesi del Golfo: BD09100503 e BD070070502.

Informazioni:
SGS Gulf Ltd.
Governments & Institution Services
sithara.hatim@sgs.com

Dogane
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Dal 1 gennaio 2021 il Regno Unito non più parte del mercato unico e ha  lasciato l'unione doganale UE insieme a tutte le politiche dell'Unione europea e agli accordi internazionali. 
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
L’art. 154 del Codice Doganale dell’Unione stabilisce che, tutte le merci in libera pratica nell’Unione, che godono dello status di merci unionali,  perdono detta posizione doganale qualora escano in esportazione dal territorio doganale della UE.