Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India

di lettura

Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica per il mercato indiano ed eventualmente a chi rivolgerci per ottenerla?

Image

L’autorità doganale indiana incaricata del controllo delle importazioni di merci è il Central Board of Accise and Customs. Le operazioni di sdoganamento sono piuttosto lente e richiedono normalmente dai 20 ai 25 giorni.

In India, in base al regime della Open General Licence (OGL), vige il principio di libera importazione / esportazione delle merci, salvo per quelle indicate nella Negative List.

La dichiarazione in dogana deve essere presentata dall'importatore o da un suo rappresentante (agent). Ci sono due forme per la presentazione della dichiarazione:

  • dichiarazione di entrata (Bill of Entry) in forma cartacea redatta in più copie e con colori differenti, a seconda della destinazione doganale della merce ("Bill of Entry for home consumption¨ utilizzato nel caso di importazione definitiva e quindi per l’immissione in consumo della merce in India, con pagamento dei relativi diritti
  • dichiarazione informatica (cargo declaration) dal contenuto, in gran parte, simile a quello della Bill of Entry.

Per le merci originarie della Ue (come attestato dal certificato di origine comune o non preferenziale), l'India applica la clausola della nazione più favorita (Most Favoured Nation).

Documenti richiesti

  • Fattura commerciale in 3 esemplari, redatta in inglese che deve indicare il numero e la data della licenza di importazione indiana e il paese di origine della merce
  • Certificato di origine - su richiesta dell’importatore - redatto sul formulario comunitario e vistato dalla CCIAA competente
  • Certificato di qualità  di un ente terzo (es. SGS) se richiesto dall’importatore.

Documenti aggiuntivi possono essere richiesti per particolari tipologie di prodotti agroalimentari.

Le casse di legno, gabbie, pallets destinati all’India devono essere esposti alla fumigazione di Bromuro di Metile e marchiati secondo la normativa NIMP 15.

Normative settore agroalimentare

Il sistema indiano relativo alla sicurezza dei metodi di certificazione dei prodotti è molto complesso in quanto ci sono diverse fonti normative (a volte in contraddizione tra loro).

Per i prodotti alimentari l’ente di riferimento in materia di sicurezza è l’AGMARK https://dmi.gov.in/GradesStandard.aspx  in collaborazione con il Bureau of Indian Standards (BIS).

Il sistema di controllo adottato da tali enti è denominato "Hazard Analysis and Critical Control Point “(HACCP) ed è volto a identificare e a prevenire la presenza di microorganismi e altri organismi nocivi negli alimenti. Inoltre, essendo l’India uno stato Federale, a livello di ogni singolo Stato possono essere emesse, in tema alimentare, normative specifiche che rendono ancora più difficoltoso orientarsi sulle certificazioni e normative richieste.

A marzo 2021 il FSSAI indiano ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale un nuovo Standard per la gestione delle attività  di importazione di alimenti. Lo scopo principale della normativa è quello di migliorare la sicurezza degli alimenti importati. Lo Standard, piuttosto corposo, contiene disposizioni normative relative alla procedura di sdoganamento dei prodotti alimentari importati in India, ma anche disposizioni relative alla concessione di licenze degli importatori alimentari, alla conservazione, all'ispezione e al campionamento dei prodotti alimentari importati, alle analisi di laboratorio di campioni, al divieto e alla restrizione di specifiche importazioni alimentari, alle disposizioni di etichettatura degli alimenti per facilitare gli scambi commerciali.

Suggeriamo di collaborare con l’importatore al fine di individuare correttamente gli standard per i vostri specifici prodotti https://www.fssai.gov.in/cms/food-safety-and-standards-regulations.php

Etichettatura

Le indicazioni in merito all’etichettatura degli alimenti sono definite dal Food Safety and Standards Authority of India (FSSAI). L'hindi è la lingua ufficiale nazionale, ma per l’etichettatura dei prodotti alimentari è sufficiente l’utilizzo della sola lingua inglese.

La normativa sull’etichettatura è molto complessa, tenendo anche conto che sono definite etichette specifiche in relazione al tipo di prodotto, e che ogni Stato può legiferare in modo autonomo.

Di seguito indichiamo i contenuti basilari:

  • nome e indirizzo del produttore
  • nome e indirizzo dell’importatore
  • denominazione esatta del prodotto
  • composizione degli ingredienti compresi additivi, conservanti e coloranti
  • composizione degli elementi nutritivi
  • contenuto netto, volume o qualità  (e peso sgocciolato per i prodotti in un liquido)
  • informazioni nutrizionali
  • numero del lotto
  • logo del cibo vegetariano o non vegetariano
  • istruzioni per la conservazione
  • data di produzione e di scadenza
  • paese d'origine.

 Fonte: Infoexport

Infoexport

Dogane
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Le imprese si ritrovano sempre più spesso a fare i conti con misure restrittive sanzionatorie implementate contro alcuni stati che minacciano la pace e la sicurezza internazionale (Iran, Siria, Russia, Iraq, Corea del Nord).
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Effettuiamo esportazioni tramite corrieri che ci fanno pervenire il numero MRN necessario per verificare l'avvenuta esportazione. Ho chiesto se mi potevano rendere la bolla doganale, ma mi hanno risposto che non sono tenuti a rendere la bolla (che ...
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
A un anno dalla Brexit, le relazioni commerciali tra il Regno Unito e l'UE sono ancora in evoluzione.
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Stiamo per esportare vino in Svizzera a cliente finale, ristoratore. Vorremmo informazioni su: documentazione necessaria, iter da seguire, imposte e dazi a nostro carico.
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
La vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di molteplici beni e tecnologie a qualsiasi persona, o organismo iraniani, o per un uso in Iran, sono soggetti ad autorizzazione preventiva.
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Il processo di digitalizzazione e modernizzazione consentirà una notevole semplificazione delle procedure doganali: un’ora per il controllo documentale, 5 ore per il controllo merci.