Luogo Approvato e Digitalizzazione della procedurale doganale

di lettura

Intraprendere la procedura finalizzata all’ottenimento della qualifica di “Luogo Approvato”, significa evitare l’incombenza di svolgere le “pratiche doganali export” presso l’Ufficio doganale di riferimento, sdoganando la merce direttamente presso i locali dell’azienda e dando vita ad un processo di digitalizzazione delle procedure doganali.

Image

L’iter procedurale necessario al conferimento di tale status, consiste nella compilazione documentale di sdoganamento della merce, da inoltrare all’Agenzia delle Dogane competente per territorio in formato digitale; la documentazione può essere redatta dall’azienda o tramite un Centro di Assistenza Doganale (CAD) di riferimento (casistica esaminata in questo articolo).

I vantaggi collegati a tale procedura, risultano essere a oggi agevolati dalla circolare n. 49 del 17/12/2020 dell’ADM, che ha snellito il conferimento evitandone, data l’emergenza pandemica, il sopralluogo fisico da parte dell’ente adibito al rilascio.

Esaminiamo i vantaggi fra l’utilizzo del termine di resa EXW Incoterms® 2020 e il termine di resa FCA Incoterms® 2020 tramite Luogo Approvato.

Si ricorda che:

  • con il termine di resa “EXW Incoterms® 2020” il cedente mette a disposizione la merce, non caricata, presso un punto concordato con il cessionario (es. magazzino del cedente) e quest’ultimo si assume tutti i costi e i rischi del trasporto, oltre a occuparsi delle formalità doganali di esportazione
  • con il termine di resa “FCA Inoterms® 2020”, invece, il cedente avrà l’incarico di effettuare la caricazione della merce (sul mezzo messo a disposizione dal cessionario) e di produrne la documentazione doganale atta allo sdoganamento della stessa (restano invariati i costi ed i rischi del trasporto in capo al cessionario).

Il predetto onere documentale, sebbene comporti un impegno ulteriore per il cedente, gli permetterebbe di mantenere la gestione relativa all’emissione dei DAU (le bollette doganali) nel territorio dello Stato e, di conseguenza, di beneficiare di un agevole appuramento del codice MRN (Movement Reference Number), il tutto in modalità digitale. Si ricorda che l’appuramento del codice menzionato risulta necessario per testimoniare la corretta applicazione della non imponibilità IVA, art. 8 DPR 633/72, in fase di cessione all’esportazione

Una delle problematiche maggiori dell’Incoterms® EXW, è la facoltà del vettore incaricato dal cessionario di espletare le formalità doganali di export in un qualsiasi ufficio doganale comunitario, impedendo così un facile appuramento del codice MRN da parte del cedente.

La digitalizzazione tramite il Luogo Approvato, può quindi evitare di far transitare la merce fisicamente in dogana decongestionando il settore logistico dell’azienda, e di condividere, tra i soggetti coinvolti, la relativa documentazione necessaria allo sdoganamento della merce, senza il bisogno di doverla far transitare fisicamente presso l’ufficio doganale.

Oltre a ciò, sarà possibile fare affidamento su una documentazione di esportazione sempre corretta e puntuale poiché redatta da un Centro di Assistenza Doganale di fiducia.

Mattia Carbognani, Anna Miglioli

Dogane
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).