Marchi di sicurezza e marcatura CE

di lettura
Il marchio di qualità non è obbligatorio, ma rappresenta un importante elemento di distinzione per individuare a prima vista i prodotti più affidabili.

Il marchio di sicurezza fornisce la garanzia che:

  • il prodotto è conforme ai requisiti di legge ed è stato sottoposto da un ente terzo alle prove necessarie per verificarne la conformità a tutti i requisiti di sicurezza prima dell'immissione sul mercato
  • l'azienda di produzione è stata sottoposta a controllo
  • la produzione è soggetta ad una periodica sorveglianza da parte dell'ente di certificazione per accertare il mantenimento dello standard qualitativo.

L'iter di certificazione

  • 1. L'approvazione del costruttore comporta un sopralluogo di tecnici dell'ente certificatore per verificare se lo stabilimento è fornito di mezzi di produzione, di prova e verifica, di personale ed attrezzature atti a garantire la qualità del prodotto.
  • 2. L'approvazione del singolo modello di prodotto prevede che su ogni prodotto da certificare si eseguano tutte le prove di laboratorio previste dalle norme relative al prodotto stesso. Ovviamente solo se tutte le prove vengono superate, il costruttore può apporre il marchio su quel modello di prodotto.
  • 3. La sorveglianza della produzione assicura che il produttore mantenga nel tempo, su tutti i prodotti che hanno ottenuto il marchio, la costante conformità alle norme. A tale scopo vengono effettuate, al 100% o su base statistica, alcune prove di controllo. L'ente di certificazione si accerta che tali prove vengano eseguite regolarmente e provvede a ripeterle periodicamente nei propri laboratori su esemplari prelevati a caso dalla produzione o sul mercato.

In Italia, per quanto riguarda i prodotti elettrici, il marchio di sicurezza più noto è l'IMQ rilasciato, ad oggi, ad oltre 120.000 prodotti. Accanto all'IMQ nel mondo esistono altri marchi rilasciati da enti europei corrispondenti, quali ad esempio il VDE in Germania, il BSI in Gran Bretagna, l'UL negli Stati Uniti.

Oltre a questi ci sono anche marchi di sicurezza europei, ossia riconosciuti validi da tutti i paesi dell'Unione, e contraddistinti da un numero a seconda dell'ente che li ha rilasciati. E così per il settore illuminazione esiste il marchio ENEC, contraddistinto dal numero 03 quando rilasciato da IMQ; per i cavi l'HAR, per gli elettrodomestici il Keymark, per il settore della compatibilità elettromagnetica il marchio CCA-EMC.

La marcatura CE

La marcatura CE non ha nulla a che vedere con un marchio di sicurezza. Resa obbligatoria da specifiche direttive europee per la maggior parte dei prodotti elettrici, la marcatura CE è un'indicazione obbligatoria, indirizzata alle Autorità preposte al controllo – e non al consumatore – attraverso cui il costruttore attesta il rispetto dei requisiti essenziali contenuti nelle direttive europee.

Questa dichiarazione sintetica del costruttore ha quindi la funzione di assicurare le autorità pubbliche dei paesi comunitari in merito al pieno soddisfacimento degli obblighi legislativi.
Trattandosi di un'autocertificazione, può non essere attendibile nel caso in cui il costruttore non sia serio e affidabile (non c'è una reale garanzia che il prodotto sia sicuro).

I prodotti marcati CE che hanno anche il marchio di sicurezza, essendo controllati da un ente terzo indipendente, di provata competenza e serietà, offrono quindi maggiori garanzie.

Ad esempio il marchio IMQ è riconosciuto in tutti i Paesi industrializzati, viene posto direttamente sul prodotto (è immediatamente riconoscibile dal consumatore) e viene rilasciato prima dell'immissione sul mercato.
E' anche una salvaguardia per i costruttori e per i rivenditori, in quanto in sede di giudizio per responsabilità da prodotto, un marchio di conformità alle norme tecniche, rilasciato da un ente terzo, può essere un utile mezzo di prova per l'esonero delle responsabilità del produttore.

Informazioni:
www.imq.it

Tag dell'informativa
Prodotti elettrici
Dogane
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio
Certificati di origine online: La nuova procedura di rilascio Lo scorso 18 marzo il Ministero per lo Sviluppo Economico ha diramato nuove disposizioni per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero, introducendo svariate novità, tra le quali l’obbligo della richiesta telematica.
Accordo di libero scambio UE-Giappone
Accordo di libero scambio UE-Giappone L’Unione Europea ha ratificato un maxi accordo di libero scambio con il Giappone, denominato EPA (Economic Partnership Agreement). E’ stato approvato con larga maggioranza ed è entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Emirati Arabi Uniti: I nuovi visti per investitori, imprenditori e talenti
Emirati Arabi: I nuovi visti per investitori e imprenditori Alla fine del 2018 gli Emirati Arabi Uniti hanno introdotto nuove regole per il rilascio di visti di residenza di lunga durata (10 e 5 anni) e da febbraio di quest’anno inizieranno ad accettare le richieste di visto.
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere
Italia - Svizzera: guida alle attività transfrontaliere Nel contesto di un’auspicata crescita dell’integrazione “transfrontaliera” la guida è stata concepita con il preciso intento di offrire agli operatori economici un utile strumento di orientamento verso scelte operative che tengano conto delle opportunità offerte dalla collaborazione Italo – Svizzera, specialmente all’interno delle aree di confine.
Guida all'origine preferenziale della merce
Guida all'origine preferenziale della merce L'origine preferenziale dà diritto a benefici tariffari (ingresso a dazio zero o a dazio ridotto) negli scambi tra paesi che hanno stipulato accordi di commercio preferenziale, perché la merce possa essere considerata di origine preferenziale devono essere soddisfatte alcune condizioni specifiche indicate nei protocolli di origine degli accordi di commercio preferenziale.
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.
Il nuovo Codice doganale dell’Unione: cogliere le opportunità del cambiamento
Il nuovo Codice doganale UE: opportunità del cambiamento Le dinamiche del commercio internazionale sono mutate nel tempo e hanno reso necessari strumenti doganali semplici, efficaci e fruibili attraverso sistemi informatici, in modo da facilitare il movimento delle merci e ottimizzare la catena di approvvigionamento.
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA Negli ultimi anni la Food & Drug Admnistration (FDA), Organismo statunitense preposto alla regolamentazione e al controllo dei prodotti alimentari e farmaceutici immessi sul mercato statunitense, sia di produzione locale sia importati da aziende ...