Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio

di lettura

In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.

Image

La verifica di conformità deve avvenire prima della partenza della merce nel Paese esportatore (in alcuni casi, all’arrivo in Marocco). Il certificato di conformità, necessario per lo sdoganamento delle merci , deve essere emesso da un Ente riconosciuto dal Governo marocchino. Gli standard applicabili sono i regolamenti tecnici adottati dal MICEVN, Ministère del’Industrie, du Commerce, de l’Economie Verte et Numérique.

Il Ministero dell'Industria, del Commercio, degli Investimenti e dell'Economia Digitale del Marocco ha notificato presso l'OMC la decisione del governo marocchino di esternalizzare i controlli di conformità per un'estesa varietà di prodotti industriali (ad eccezione di quelli alimentari e farmaceutici).

E’partito il 1 febbraio 2020, infatti, il periodo transitorio che permetterà la coesistenza del vecchio e del nuovo sistema fino alla data del 19 aprile p.v.. In questo periodo la quasi totalità dei prodotti industriali importati nel Paese dovranno essere accompagnati da certificati di conformità rilasciati nel Paese di origine del prodotto stesso da una delle seguenti tre società selezionate dal governo marocchino: la francese Bureau Veritas, la tedesca TUV Rheinland e la spagnola Applus+ Fomento Contrôle.

All'ingresso nel Paese, la merce dovrà quindi essere accompagnata, oltre che dalla documentazione necessaria per l'espletamento delle pratiche doganali, anche dal certificato di conformità e dall'indicazione della società o del laboratorio che l'ha emesso.
Saranno dispensate dall'obbligo di certificazione di conformità le imprese che importano merce per trasformarla in prodotto finito in Marocco. Per tali prodotti la certificazione verrà effettuata nel Paese al termine del ciclo produttivo. Sono altresì escluse dal nuovo sistema le società che producono pezzi di ricambio per automobili già certificate "Salamatouna" (sistema nazionale di etichettatura dedicato al settore automotive).

Il Programma di Verifica di Conformità (VoC) deve essere applicato a prodotti importati nel Regno del Marocco, ai sensi della legge 24-09 relativa alla sicurezza dei prodotti e servizi, integrata dal decreto n. 02-212 e decreto n. 3873-13.Questa modifica della normativa mira a migliorare la sicurezza e la qualità dei prodotti, proteggere i consumatori e l’ambiente da prodotti non conformi e il commercio dalla concorrenza sleale e dalla contraffazione.
Rappresenta inoltre un passo in avanti importante dal momento che tutti i prodotti regolamentati sono soggetti a verifica e devono essere accompagnati da un certificato di conformità per lo sdoganamento nel Regno del Marocco.

I prodotti soggetti a verifica sono:

  • Prodotti Elettrici
  • Materiali da Costruzione
  • Apparecchiature Gas e Petrolio per uso domestico
  • Giochi e Giocattoli per Bambino
  • Tessuti, Scarpe, DPI e Caschi da moto
  • Detersivi, Imballaggi e Sacchetti di plastica
  • Articoli da cucina e Stoviglie
  • Fiammiferi e Accendini
  • Vernici e Bitume
  • Pannolini
  • Pneumatici e Componenti per Automobili

Pertanto invitiamo le imprese che operano o che intendono operare con il Marocco a verificare preventivamente se i propri prodotti rientrano tra quelli sottoposti a emissione certificato di conformità. In tal caso sarà necessario attivarsi al fine di poter ottenere quanto richiesto dalle autorità doganali marocchine al fine di evitare di vedersi bloccata la merce in fase di import in Marocco.

Prof. Dr. Giuseppe De Marinis

Dogane
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nuovo corridoio ferroviario veloce per il trasporto di merci in container tra Gioia Tauro e Bologna
Nasce il Fast Corridor ferroviario per ottimizzare lo spostamento delle merci containerizzate dal magazzino di temporanea custodia di Gioia Tauro al magazzino di Bologna Interporto.
CETA: i benefici per le imprese italiane
CETA: i benefici per le imprese italiane
A cinque anni dall’entrata in vigore del Comprehensive Economic and Trade Agreement (CETA) tra Canada e Unione Europea, SACE traccia un primo bilancio.
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
Esportazione di merce vietata in Russia: rischi, sanzioni e strategie difensive
L’introduzione in Unione Europea dei Regolamenti n. 263/2022 e 576/2022 ha determinato importanti restrizioni sul commercio internazionale verso la Russia e la Bielorussia.
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Nuovi termini di presentazione elenchi Intrastat
Con riferimento all’obbligo che ricade sugli operatori di comunicare in dogana le operazioni intracomunitarie, sono intervenute modifiche in merito alla scadenza di presentazione degli elenchi riepilogativi Intrastat.
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Dichiarazioni di origine preferenziale: tra presente e futuro
Per dichiarare il carattere preferenziale delle merci oggetto di esportazione (verso i Paesi firmatari di accordi di origine preferenziale con l’UE) i fornitori devono fornire indicazioni di origine preferenziale agli esportatori in merito alla materie prime, semilavorati o prodotti finiti che vengono a loro ceduti.
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Digitalizzazione delle dichiarazioni doganali di importazione e prospetto di riepilogo ai fini contabili
Dal 9 giugno è entrato in vigore il nuovo sistema di presentazione delle dichiarazioni doganali all’importazione (mod. H1-H5), che trasforma la bolletta doganale in un data set immateriale.
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).