Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio

di lettura

In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.

Image

La verifica di conformità deve avvenire prima della partenza della merce nel Paese esportatore (in alcuni casi, all’arrivo in Marocco). Il certificato di conformità, necessario per lo sdoganamento delle merci , deve essere emesso da un Ente riconosciuto dal Governo marocchino. Gli standard applicabili sono i regolamenti tecnici adottati dal MICEVN, Ministère del’Industrie, du Commerce, de l’Economie Verte et Numérique.

Il Ministero dell'Industria, del Commercio, degli Investimenti e dell'Economia Digitale del Marocco ha notificato presso l'OMC la decisione del governo marocchino di esternalizzare i controlli di conformità per un'estesa varietà di prodotti industriali (ad eccezione di quelli alimentari e farmaceutici).

E’partito il 1 febbraio 2020, infatti, il periodo transitorio che permetterà la coesistenza del vecchio e del nuovo sistema fino alla data del 19 aprile p.v.. In questo periodo la quasi totalità dei prodotti industriali importati nel Paese dovranno essere accompagnati da certificati di conformità rilasciati nel Paese di origine del prodotto stesso da una delle seguenti tre società selezionate dal governo marocchino: la francese Bureau Veritas, la tedesca TUV Rheinland e la spagnola Applus+ Fomento Contrôle.

All'ingresso nel Paese, la merce dovrà quindi essere accompagnata, oltre che dalla documentazione necessaria per l'espletamento delle pratiche doganali, anche dal certificato di conformità e dall'indicazione della società o del laboratorio che l'ha emesso.
Saranno dispensate dall'obbligo di certificazione di conformità le imprese che importano merce per trasformarla in prodotto finito in Marocco. Per tali prodotti la certificazione verrà effettuata nel Paese al termine del ciclo produttivo. Sono altresì escluse dal nuovo sistema le società che producono pezzi di ricambio per automobili già certificate "Salamatouna" (sistema nazionale di etichettatura dedicato al settore automotive).

Il Programma di Verifica di Conformità (VoC) deve essere applicato a prodotti importati nel Regno del Marocco, ai sensi della legge 24-09 relativa alla sicurezza dei prodotti e servizi, integrata dal decreto n. 02-212 e decreto n. 3873-13.Questa modifica della normativa mira a migliorare la sicurezza e la qualità dei prodotti, proteggere i consumatori e l’ambiente da prodotti non conformi e il commercio dalla concorrenza sleale e dalla contraffazione.
Rappresenta inoltre un passo in avanti importante dal momento che tutti i prodotti regolamentati sono soggetti a verifica e devono essere accompagnati da un certificato di conformità per lo sdoganamento nel Regno del Marocco.

I prodotti soggetti a verifica sono:

  • Prodotti Elettrici
  • Materiali da Costruzione
  • Apparecchiature Gas e Petrolio per uso domestico
  • Giochi e Giocattoli per Bambino
  • Tessuti, Scarpe, DPI e Caschi da moto
  • Detersivi, Imballaggi e Sacchetti di plastica
  • Articoli da cucina e Stoviglie
  • Fiammiferi e Accendini
  • Vernici e Bitume
  • Pannolini
  • Pneumatici e Componenti per Automobili

Pertanto invitiamo le imprese che operano o che intendono operare con il Marocco a verificare preventivamente se i propri prodotti rientrano tra quelli sottoposti a emissione certificato di conformità. In tal caso sarà necessario attivarsi al fine di poter ottenere quanto richiesto dalle autorità doganali marocchine al fine di evitare di vedersi bloccata la merce in fase di import in Marocco.

Prof. Dr. Giuseppe De Marinis

Dogane
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale Ue dell’11 giugno 2021 il Regolamento (Ue) 2021/821 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 maggio 2021 che istituisce un regime dell’Unione di controllo dei prodotti a duplice uso. ...
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Pubblichiamo un riassunto delle linee guida fornite dalla Commissione Europea in materia di origine non preferenziale (Made in).
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Egitto: nuovi adempimenti per gli esportatori comunitari dal primo luglio 2021
Il nuovo sistema di preregistrazione delle importazioni in Egitto entrerà in vigore in via definitiva dal 1° luglio 2021 unicamente per spedizioni in arrivo ai porti marittimi egiziani.
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) ha implementato una procedura digitale per la richiesta dei certificati EUR.1, EUR-MED e A.TR.
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.