Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio

di lettura

In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.

Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio

La verifica di conformità deve avvenire prima della partenza della merce nel Paese esportatore (in alcuni casi, all’arrivo in Marocco). Il certificato di conformità, necessario per lo sdoganamento delle merci , deve essere emesso da un Ente riconosciuto dal Governo marocchino. Gli standard applicabili sono i regolamenti tecnici adottati dal MICEVN, Ministère del’Industrie, du Commerce, de l’Economie Verte et Numérique.

Il Ministero dell'Industria, del Commercio, degli Investimenti e dell'Economia Digitale del Marocco ha notificato presso l'OMC la decisione del governo marocchino di esternalizzare i controlli di conformità per un'estesa varietà di prodotti industriali (ad eccezione di quelli alimentari e farmaceutici).

E’partito il 1 febbraio 2020, infatti, il periodo transitorio che permetterà la coesistenza del vecchio e del nuovo sistema fino alla data del 19 aprile p.v.. In questo periodo la quasi totalità dei prodotti industriali importati nel Paese dovranno essere accompagnati da certificati di conformità rilasciati nel Paese di origine del prodotto stesso da una delle seguenti tre società selezionate dal governo marocchino: la francese Bureau Veritas, la tedesca TUV Rheinland e la spagnola Applus+ Fomento Contrôle.

All'ingresso nel Paese, la merce dovrà quindi essere accompagnata, oltre che dalla documentazione necessaria per l'espletamento delle pratiche doganali, anche dal certificato di conformità e dall'indicazione della società o del laboratorio che l'ha emesso.
Saranno dispensate dall'obbligo di certificazione di conformità le imprese che importano merce per trasformarla in prodotto finito in Marocco. Per tali prodotti la certificazione verrà effettuata nel Paese al termine del ciclo produttivo. Sono altresì escluse dal nuovo sistema le società che producono pezzi di ricambio per automobili già certificate "Salamatouna" (sistema nazionale di etichettatura dedicato al settore automotive).

Il Programma di Verifica di Conformità (VoC) deve essere applicato a prodotti importati nel Regno del Marocco, ai sensi della legge 24-09 relativa alla sicurezza dei prodotti e servizi, integrata dal decreto n. 02-212 e decreto n. 3873-13.Questa modifica della normativa mira a migliorare la sicurezza e la qualità dei prodotti, proteggere i consumatori e l’ambiente da prodotti non conformi e il commercio dalla concorrenza sleale e dalla contraffazione.
Rappresenta inoltre un passo in avanti importante dal momento che tutti i prodotti regolamentati sono soggetti a verifica e devono essere accompagnati da un certificato di conformità per lo sdoganamento nel Regno del Marocco.

I prodotti soggetti a verifica sono:

  • Prodotti Elettrici
  • Materiali da Costruzione
  • Apparecchiature Gas e Petrolio per uso domestico
  • Giochi e Giocattoli per Bambino
  • Tessuti, Scarpe, DPI e Caschi da moto
  • Detersivi, Imballaggi e Sacchetti di plastica
  • Articoli da cucina e Stoviglie
  • Fiammiferi e Accendini
  • Vernici e Bitume
  • Pannolini
  • Pneumatici e Componenti per Automobili

Pertanto invitiamo le imprese che operano o che intendono operare con il Marocco a verificare preventivamente se i propri prodotti rientrano tra quelli sottoposti a emissione certificato di conformità. In tal caso sarà necessario attivarsi al fine di poter ottenere quanto richiesto dalle autorità doganali marocchine al fine di evitare di vedersi bloccata la merce in fase di import in Marocco.

Prof. Dr. Giuseppe De Marinis

Dogane
Corretto utilizzo dei termini Cuoio, Pelle e Pelliccia
Corretto utilizzo dei termini Cuoio, Pelle e Pelliccia
Il 24 ottobre 2020 è entrato in vigore il Decreto Legislativo n. 68 del 09.06.2020 sulle nuove disposizioni in materia di utilizzo dei termini  “cuoio”, “pelle” e “pelliccia”.
Controlli e licenze sulle esportazioni e importazioni UE – UK
Controlli e licenze sulle esportazioni e importazioni UE – UK
Regno Unito e UE: controlli sulle esportazioni e importazioni beni a duplice uso alla luce della eventuale “No deal Brexit”.
Infoexport: esportazione di beni in conto visione
Infoexport: esportazione di beni in conto visione
Dovremmo  effettuare una esportazione a un potenziale cliente USA inviando del materiale da visionare. Il materiale verrà  inviato con una Proforma e con il valore ai fini doganali (valore reale della merce) in esportazione definitiva.
Accordo UE-Canada (CETA)
Accordo UE-Canada (CETA)
L’accordo economico e commerciale CETA tra UE e Canada è entrato in applicazione provvisoria il 21 settembre 2017, per le materie che rientrano nella competenza UE.
Guida alle semplificazioni doganali
Guida alle semplificazioni doganali
La guida alle semplificazioni doganali, realizzata da Sace - Simest in collaborazione con Easyfrontier, è aggiornata ad agosto 2020.
Libro blu dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
Libro blu dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli
Pubblicato il Libro blu dell'Agenzia delle Dogane e Monopoli con la sintesi dei risultati del 2019.
E-commerce e progetto Easy free back: semplificazioni per la reintroduzione delle merci in esenzione dai dazi
E-commerce e progetto Easy free back: semplificazioni per la reintroduzione delle merci in esenzione dai dazi
L’Agenzia Dogane Monopoli apre alla possibilità di avere una autorizzazione unica e una sostanziale riduzione dei controlli per tutte le operazioni di reso della merce, sgravando l’operatività quotidiana di processi amministrativi spesso assai lenti e complessi.
Accordo di libero scambio UE - Vietnam
Accordo di libero scambio UE - Vietnam
Lo scorso 12 giugno 2020 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell’UE (L 186/3 del 12 giugno 2020) il testo definitivo dell’Accordo di libero scambio tra l’Unione europea e la Repubblica socialista del Vietnam.
I dazi USA non colpiscono i vini italiani
I dazi USA non colpiscono i vini italiani
L’United States Trade Representative (Ustr) ha aggiornato ad agosto l’elenco dei prodotti colpiti dai dazi USA: i vini italiani non subiscono ritorsioni.
Procedura semplificata per il rilascio dei certificati di circolazione A.TR.
Procedura semplificata per il rilascio dei certificati di circolazione A.TR.
Il 26 maggio 2020 è stata pubblicata la Nota Prot. 151838/RU del 22 maggio, con la quale l’Agenzia delle Dogane - allo scopo di contrastare i rallentamenti burocratici e logistici causati dall’emergenza COVID-19 - ha fornito chiarimenti sulle procedure di rilascio dei certificati di circolazione A.