Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio

di lettura

In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.

Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio

La verifica di conformità deve avvenire prima della partenza della merce nel Paese esportatore (in alcuni casi, all’arrivo in Marocco). Il certificato di conformità, necessario per lo sdoganamento delle merci , deve essere emesso da un Ente riconosciuto dal Governo marocchino. Gli standard applicabili sono i regolamenti tecnici adottati dal MICEVN, Ministère del’Industrie, du Commerce, de l’Economie Verte et Numérique.

Il Ministero dell'Industria, del Commercio, degli Investimenti e dell'Economia Digitale del Marocco ha notificato presso l'OMC la decisione del governo marocchino di esternalizzare i controlli di conformità per un'estesa varietà di prodotti industriali (ad eccezione di quelli alimentari e farmaceutici).

E’partito il 1 febbraio 2020, infatti, il periodo transitorio che permetterà la coesistenza del vecchio e del nuovo sistema fino alla data del 19 aprile p.v.. In questo periodo la quasi totalità dei prodotti industriali importati nel Paese dovranno essere accompagnati da certificati di conformità rilasciati nel Paese di origine del prodotto stesso da una delle seguenti tre società selezionate dal governo marocchino: la francese Bureau Veritas, la tedesca TUV Rheinland e la spagnola Applus+ Fomento Contrôle.

All'ingresso nel Paese, la merce dovrà quindi essere accompagnata, oltre che dalla documentazione necessaria per l'espletamento delle pratiche doganali, anche dal certificato di conformità e dall'indicazione della società o del laboratorio che l'ha emesso.
Saranno dispensate dall'obbligo di certificazione di conformità le imprese che importano merce per trasformarla in prodotto finito in Marocco. Per tali prodotti la certificazione verrà effettuata nel Paese al termine del ciclo produttivo. Sono altresì escluse dal nuovo sistema le società che producono pezzi di ricambio per automobili già certificate "Salamatouna" (sistema nazionale di etichettatura dedicato al settore automotive).

Il Programma di Verifica di Conformità (VoC) deve essere applicato a prodotti importati nel Regno del Marocco, ai sensi della legge 24-09 relativa alla sicurezza dei prodotti e servizi, integrata dal decreto n. 02-212 e decreto n. 3873-13.Questa modifica della normativa mira a migliorare la sicurezza e la qualità dei prodotti, proteggere i consumatori e l’ambiente da prodotti non conformi e il commercio dalla concorrenza sleale e dalla contraffazione.
Rappresenta inoltre un passo in avanti importante dal momento che tutti i prodotti regolamentati sono soggetti a verifica e devono essere accompagnati da un certificato di conformità per lo sdoganamento nel Regno del Marocco.

I prodotti soggetti a verifica sono:

  • Prodotti Elettrici
  • Materiali da Costruzione
  • Apparecchiature Gas e Petrolio per uso domestico
  • Giochi e Giocattoli per Bambino
  • Tessuti, Scarpe, DPI e Caschi da moto
  • Detersivi, Imballaggi e Sacchetti di plastica
  • Articoli da cucina e Stoviglie
  • Fiammiferi e Accendini
  • Vernici e Bitume
  • Pannolini
  • Pneumatici e Componenti per Automobili

Pertanto invitiamo le imprese che operano o che intendono operare con il Marocco a verificare preventivamente se i propri prodotti rientrano tra quelli sottoposti a emissione certificato di conformità. In tal caso sarà necessario attivarsi al fine di poter ottenere quanto richiesto dalle autorità doganali marocchine al fine di evitare di vedersi bloccata la merce in fase di import in Marocco.

Prof. Dr. Giuseppe De Marinis

Dogane
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Dogane: gli ultimi interventi per frontaggiare l’emergenza sanitaria Covid-19
Pagamenti in dogana differiti, sospensione delle attività di riscossione e calendarizzazione delle verifiche e degli accertamenti per non gravare sugli operatori, sempre però in ossequio al principio per cui i dazi doganali, in quanto risorse proprie, non sono tributi disponibili.
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Coronavirus: le misure aggiornate per gli operatori internazionali
Il quadro attuale del mondo imprenditoriale offre una continua successione di difficoltà, dalla interruzione totale o parziale di fabbriche e uffici, alle interruzioni delle differenti catene di approvvigionamento e dei trasporti, fino al blocco effettivo degli scambi commerciali in alcune aree del globo.
Il ruolo della voce doganale
Il ruolo della voce doganale
Con il termine voce doganale, nomenclatura combinata o custom tariff, si intende il codice numerico che dal punto di vista doganale identifica i beni oggetto della transazione sia intracomunitaria sia di importazione o di esportazione.
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
Marocco: dal 1 febbraio 2020 certificato di conformità obbligatorio
In linea con la politica sulla verifica della conformità dei prodotti, il 16 dicembre 2019 il Marocco ha implementato un controllo di conformità (programma VOC, Verification of Conformity), reso obbligatorio dal 1° febbraio 2020 per alcuni prodotti importati in Marocco.
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
La guida, realizzata da Unioncamere Lombardia, ha lo scopo di informare e fornire strumenti pratici alle imprese nell’ambito dell’origine preferenziale della merce. 
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
L’origine, da non confondere con la provenienza, è la nazionalità economica dei beni scambiati nel commercio internazionale. Esistono due tipi di origine: preferenziale/fiscale e non preferenziale/economica.
Le prove di cessione Intra Ue e il Reg. Ue 2018/1912
Le prove di cessione Intra Ue
Che l’acquisizione e la gestione documentale delle prove delle cessioni Intra UE sia un problema ed una criticità nella vita di molte imprese italiane non è che una constatazione di fatto.
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Nell'articolo un aggiornamento a seguito dell’entrata in vigore della Nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 200901 del 5 dicembre 2019.
Abolizione dei certificati EUR1 e ATR previdimati per l'esportatore autorizzato
Novità EUR1 e ATR: l’importanza della qualifica di esportatore autorizzato
Ottenere la qualifica di esportatore autorizzato per l’impresa rivolta all’export diventa sempre più importante.
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Nonostante siano passati già 3 anni dal referendum che ha dato avvio al processo Brexit, persiste tutt’ora un clima di incertezza per quanto riguarda le modalità di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.