Codici ISO

di lettura
L'Allegato I al Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 20 dicembre 2006 aggiorna la Tabella A dei Paesi membri UE contenente i Codici ISO e l'indicazione del numero di caratteri dei Codici IVA.

La Tabella A include ora i dati relativi a Bulgaria e Romania, i nuovi Stati entrati nella Unione europea il 1° gennaio 2007:

  • per la Bulgaria il codice ISO è BG ed il codice IVA può essere composto da 9 ovvero 10 caratteri
  • per la Romania il codice ISO è RO ed il codice IVA risulta di 10 caratteri.

La Tabella A contenuta nell'Allegato VII del decreto direttoriale del 27 ottobre 2000 del Dipartimento delle dogane e delle imposte indirette è dunque sostituita dalla seguente.

Tabella A - PAESI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA

Stato membro UE

Codice ISO

Numero di caratteri del codice IVA

AustriaAT9
BelgioBE9
BulgariaBG9 ovvero 10
CiproCY9
DanimarcaDK8
EstoniaEE9
GermaniaDE9
GreciaEL9
FinlandiaFI8
Francia FR11
Gran Bretagna GB5 ovvero 9 ovvero 12
Irlanda IE8
Italia IT11
Lettonia LV 11
Lituania LT9 ovvero 12
Lussemburgo LU8
Malta MT8
Olanda NL12
Polonia PL10
Portogallo PT9
Repubblica Ceca CZ8 ovvero 9 ovvero 10
Repubblica Slovacca  SK9 ovvero 10
RomaniaRO10
Slovenia SI8
Spagna ES9
Svezia SE12
Ungheria HU8

 

Aggiornata la Tabella A dei Codici ISO e IVA

Dogane
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Le imprese si ritrovano sempre più spesso a fare i conti con misure restrittive sanzionatorie implementate contro alcuni stati che minacciano la pace e la sicurezza internazionale (Iran, Siria, Russia, Iraq, Corea del Nord).
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Effettuiamo esportazioni tramite corrieri che ci fanno pervenire il numero MRN necessario per verificare l'avvenuta esportazione. Ho chiesto se mi potevano rendere la bolla doganale, ma mi hanno risposto che non sono tenuti a rendere la bolla (che ...
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
A un anno dalla Brexit, le relazioni commerciali tra il Regno Unito e l'UE sono ancora in evoluzione.
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Stiamo per esportare vino in Svizzera a cliente finale, ristoratore. Vorremmo informazioni su: documentazione necessaria, iter da seguire, imposte e dazi a nostro carico.
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
La vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di molteplici beni e tecnologie a qualsiasi persona, o organismo iraniani, o per un uso in Iran, sono soggetti ad autorizzazione preventiva.
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Il processo di digitalizzazione e modernizzazione consentirà una notevole semplificazione delle procedure doganali: un’ora per il controllo documentale, 5 ore per il controllo merci.