Codici ISO

di lettura
L'Allegato I al Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 20 dicembre 2006 aggiorna la Tabella A dei Paesi membri UE contenente i Codici ISO e l'indicazione del numero di caratteri dei Codici IVA.

La Tabella A include ora i dati relativi a Bulgaria e Romania, i nuovi Stati entrati nella Unione europea il 1° gennaio 2007:

  • per la Bulgaria il codice ISO è BG ed il codice IVA può essere composto da 9 ovvero 10 caratteri
  • per la Romania il codice ISO è RO ed il codice IVA risulta di 10 caratteri.

La Tabella A contenuta nell'Allegato VII del decreto direttoriale del 27 ottobre 2000 del Dipartimento delle dogane e delle imposte indirette è dunque sostituita dalla seguente.

Tabella A - PAESI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA

Stato membro UE

Codice ISO

Numero di caratteri del codice IVA

AustriaAT9
BelgioBE9
BulgariaBG9 ovvero 10
CiproCY9
DanimarcaDK8
EstoniaEE9
GermaniaDE9
GreciaEL9
FinlandiaFI8
Francia FR11
Gran Bretagna GB5 ovvero 9 ovvero 12
Irlanda IE8
Italia IT11
Lettonia LV 11
Lituania LT9 ovvero 12
Lussemburgo LU8
Malta MT8
Olanda NL12
Polonia PL10
Portogallo PT9
Repubblica Ceca CZ8 ovvero 9 ovvero 10
Repubblica Slovacca  SK9 ovvero 10
RomaniaRO10
Slovenia SI8
Spagna ES9
Svezia SE12
Ungheria HU8

 

Aggiornata la Tabella A dei Codici ISO e IVA

Dogane
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
EUR.1 “full digital” e nuove procedure richiesta certificati di circolazione
L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) ha implementato una procedura digitale per la richiesta dei certificati EUR.1, EUR-MED e A.TR.
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Dal 1 gennaio 2021 il Regno Unito non più parte del mercato unico e ha  lasciato l'unione doganale UE insieme a tutte le politiche dell'Unione europea e agli accordi internazionali. 
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.