Codici ISO

di lettura
L'Allegato I al Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 20 dicembre 2006 aggiorna la Tabella A dei Paesi membri UE contenente i Codici ISO e l'indicazione del numero di caratteri dei Codici IVA.

La Tabella A include ora i dati relativi a Bulgaria e Romania, i nuovi Stati entrati nella Unione europea il 1° gennaio 2007:

  • per la Bulgaria il codice ISO è BG ed il codice IVA può essere composto da 9 ovvero 10 caratteri
  • per la Romania il codice ISO è RO ed il codice IVA risulta di 10 caratteri.

La Tabella A contenuta nell'Allegato VII del decreto direttoriale del 27 ottobre 2000 del Dipartimento delle dogane e delle imposte indirette è dunque sostituita dalla seguente.

Tabella A - PAESI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA

Stato membro UE

Codice ISO

Numero di caratteri del codice IVA

AustriaAT9
BelgioBE9
BulgariaBG9 ovvero 10
CiproCY9
DanimarcaDK8
EstoniaEE9
GermaniaDE9
GreciaEL9
FinlandiaFI8
Francia FR11
Gran Bretagna GB5 ovvero 9 ovvero 12
Irlanda IE8
Italia IT11
Lettonia LV 11
Lituania LT9 ovvero 12
Lussemburgo LU8
Malta MT8
Olanda NL12
Polonia PL10
Portogallo PT9
Repubblica Ceca CZ8 ovvero 9 ovvero 10
Repubblica Slovacca  SK9 ovvero 10
RomaniaRO10
Slovenia SI8
Spagna ES9
Svezia SE12
Ungheria HU8

 

Aggiornata la Tabella A dei Codici ISO e IVA
Dogane
Guida pratica: origine preferenziale delle merci
Guida pratica: origine preferenziale delle merci La guida, realizzata da Unioncamere Lombardia, ha lo scopo di informare e fornire strumenti pratici alle imprese nell’ambito dell’origine preferenziale della merce. 
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione
Origine non preferenziale: le regole di attribuzione L’origine, da non confondere con la provenienza, è la nazionalità economica dei beni scambiati nel commercio internazionale. Esistono due tipi di origine: preferenziale/fiscale e non preferenziale/economica.
Le prove di cessione Intra Ue e il Reg. Ue 2018/1912
Le prove di cessione Intra Ue Che l’acquisizione e la gestione documentale delle prove delle cessioni Intra UE sia un problema ed una criticità nella vita di molte imprese italiane non è che una constatazione di fatto.
Novità certificati EUR 1 EUR MED
Novità certificati EUR 1 EUR MED Nell'articolo un aggiornamento a seguito dell’entrata in vigore della Nota dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 200901 del 5 dicembre 2019.
Abolizione dei certificati EUR1 e ATR previdimati per l'esportatore autorizzato
Novità EUR1 e ATR: l’importanza della qualifica di esportatore autorizzato Ottenere la qualifica di esportatore autorizzato per l’impresa rivolta all’export diventa sempre più importante.
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali
Brexit: linee guida per gli aspetti doganali Nonostante siano passati già 3 anni dal referendum che ha dato avvio al processo Brexit, persiste tutt’ora un clima di incertezza per quanto riguarda le modalità di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea.
Guida pratica per le operazioni di import export
Guida pratica per le operazioni di import export In un contesto di sempre crescente espansione e orientamento verso i mercati esteri, l’attività commerciale e produttiva delle aziende italiane richiede la conoscenza di normative e adempimenti che risultano di fondamentale importanza per la corretta gestione delle operazioni di natura internazionale.
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento
Status di AEO e accordi di mutuo riconoscimento Nell'articolo sono presentate le novità riguardanti la procedura per il rilascio dello status di Operatore Economico Autorizzato e i relativi benefici.
Turchia: Richiesta prova d’origine
Turchia: Novità per richiesta prova d’origine L’accordo di Unione Doganale fra UE e Turchia, ad oggi in vigore, prevede che i prodotti immessi in libera pratica e successivamente importati nel Paese di destinazione godano di abbattimento daziario, purché scortati dal certificato ATR  (ad esempio merce immessa in libera pratica nella Comunità Europea, spedita in Turchia e qui immessa in libera pratica).
Esportare in Arabia Saudita: novità per imballaggi e plastica monouso
Esportare in Arabia Saudita: imballaggi e plastica monouso A settembre 2019 inizierà la seconda fase del regolamento che l’Arabia Saudita ha introdotto nel dicembre 2017 per contrastare i rischi ambientali e sanitari. Tale regolamento riguarda le materie plastiche tra cui è incluso anche il materiale da imballaggio.