Normativa settore agroalimentare nella Federazione Russa

Per alcuni prodotti, legati all'alimentazione, l‘Unione doganale Russia – Kazakhstan - Bielorussia richiede: la Dichiarazione di conformità o il Certificato di conformità (precedentemente era previsto un unico documento Gost-r).

 

Normativa settore agroalimentare nella Federazione Russa

La Federazione Russa con Bielorussia e Kazakhstan ha creato l’Unione Doganale EURASEC la cui finalità è un mercato di libero scambio tra i tre Paesi. Una parte rilevante delle norme armonizzate è entrata in vigore nel luglio 2013.

La dichiarazione di importazione deve essere fatta da un soggetto russo (persona fisica o giuridica) oppure da un soggetto non residente nel Paese che deve essere registrato ai fini fiscali nella Federazione Russa. La dichiarazione può essere predisposta secondo modalità cartacee o elettroniche.

Documenti di spedizione

  • Dichiarazione doganale
  • Fattura commerciale, in triplice copia (alcune fonti citano 5 esemplari), in lingua russa o inglese; deve indicare, come minimo, la nomenclatura del prodotto, l’indirizzo del destinatario, il numero del porto di ingresso doganale e la forma di pagamento. Può essere richiesta anche la documentazione commerciale (contratto, ordine)
  • Certificato di conformità – Dichiarazione di conformità previsto per vari prodotti tra cui quelli alimentari, chimici, cosmetici, beni di consumo…
  • Certificato di origine predisposto su richiesta dell'importatore su formulario comunitario
  • Documenti aggiuntivi possono essere richiesti per particolari tipologie di prodotti.

L’importatore potrebbe richiedere la fattura pro-forma, per il calcolo del costo globale dell’importazione, che è una variante semplificata della fattura e che riporta almeno il prezzo per singola unita e il costo totale.

Dichiarazione e certificato di conformità

Per alcuni prodotti, legati all'alimentazione, l‘Unione doganale Russia-Kazakhstan-Bielorussia richiede: la Dichiarazione di conformità o il Certificato di conformità (precedentemente era previsto un unico documento Gost-r):

  • la Dichiarazione di Conformità è predisposta dall’importatore e protocollata presso un organismo di certificazione accreditato dall’ente russo preposto (la responsabilità della veridicità delle informazioni contenute nel documento è a carico dell’importatore)
  • il Certificato di Conformità è predisposto da un organismo di certificazione accreditato dall’ente russo preposto, sulla base di analisi condotte, a fronte delle norme definite dall’Unione Doganale (la responsabilità della veridicità delle informazioni contenute nel documento è a carico dell’ente accreditato).

La certificazione di conformità prevede le seguenti fasi:

  • classificazione doganale della merce secondo la nomenclatura doganale russa (sistema HS russo)
  • identificazione della tipologia merceologica
  • esame sanitario o metrologico secondo la normativa di riferimento (norma Gost / Regolamento Tecnico di riferimento TR)
  • effettuazione dei test
  • rilascio della certificazione ove previsto dalla legge.

Gli alimentari importati (prodotti della carne e del latte, ittici e frutti di mare, molitori e granaglie, ortaggi, frutta e prodotti della loro lavorazione, prodotti di pasticceria, vini, liquori, vodka, birra e bevande non alcoliche, concentrati alimentari, spezie, condimenti, succhi, tè, caffè) possono essere sdoganati solo se la documentazione è accompagnata  dal certificato di conformità – dichiarazione di conformità. Per i prodotti speciali (OGM, integratori, prodotti per celiaci, dietetici, ecc.) è richiesta la Custom Union Registration e il certificato di conformità

Custom Union Registration

La Custom Union Registration attesta che il prodotto è conforme agli standard igienico-sanitari russi. Di fatto, ha la valenza del certificato igienico sanitario ed è rilasciato dall’Ente Federale per la tutela dei diritti dei consumatori e del benessere umano presso il Ministero della Salute Pubblica della Federazione Russa (Rospotrebnadzor) e/o dagli organi territoriali del medesimo ente.

La procedura per ottenere la certificazione igienica di norma viene svolta dall’importatore, in quanto si può ottenere soltanto presso le specifiche autorità sanitarie russe.

La Custom Union Registration non ha scadenza e vale fino a quando il produttore non modifica la ricetta o il processo produttivo dell’alimento.

Normativa del settore agroalimentare

La normativa russa è focalizzata sia sulla certificazione del prodotto finale che, in alcuni settori (carne, latticini e pesce) sul processo produttivo.

Dal 1° luglio 2013, la normativa di riferimento in materia alimentare è stata modificata (per l’Unione doganale) e sono in vigore sette nuovi Regolamenti Tecnici (RT Direttive) specifici per diversi settori alimentari:

  1. RT UD 015/2011 sulla sicurezza del grano
  2. RT UD 021/2011 sulla sicurezza dei prodotti alimentari
  3. RT UD 022/2011 sulla marcatura dei prodotti alimentari
  4. RT UD 023/2011 per succhi di frutta e verdura
  5. RT UD 024/2011 per prodotti ottenuti da olii e grassi animali e vegetali
  6. RT UD 027/2012 sugli alimenti dietetici, tra cui alimenti dietetici destinati a fini medici speciali
  7. RT UD 029/2012 sulla sicurezza degli additivi alimentari, aromatizzanti e coadiuvanti tecnologici.

Dal 1° luglio 2013 l’etichettatura dei prodotti alimentari deve essere effettuata sulla base del  Regolamento 881 dell’Unione doganale, che recepisce il documento EurAsEc TR CU 022/2011.

Il regolamento definisce le regole per le etichette dei prodotti alimentari confezionati e per quelle degli imballaggi contenenti alimenti.

Etichettatura prodotti alimentari

Le etichette dei prodotti alimentari devono essere in lingua russa, anche se l’indicazione della ragione sociale e dell’indirizzo del produttore è ammessa in caratteri latini, e deve includere:

  • nome del prodotto
  • nome del produttore
  • data di produzione
  • ragione sociale ed indirizzo del produttore (che può essere anche in caratteri latini)
  • paese di origine
  • marchio del produttore o di chi commercializza
  • condizioni di conservazione (per quei prodotti che sono deperibili o hanno specifiche modalità di conservazione)
  • metodi di preparazione.
  • data di scadenza o data di produzione con i tempi di conservazione
  • volume o peso del prodotto
  • valori nutrizionali
  • eventuale presenza di conservanti, additivi e coloranti
  • eventuale presenza di OGM
  • riferimento ad eventuali controindicazioni mediche
  • riferimento a norme di legge
  • certificazioni.

Inoltre, le etichette devono essere conformi a quanto previsto dai regolamenti tecnici specifici per il prodotto, definiti nell’ambito della Unione Doganale EURASEC.

Il riquadro nutrizionale (allegato 14 alla Legge SanPin 2.3.2-1078-01) è obbligatorio per:

  • i prodotti confezionati, tranne alimenti aromatici tipo tè, caffè
  • i condimenti come aceto, sale
  • gli alimenti freschi come carne, pesce, ortofrutta
  • gli alimenti sfusi pronti al consumo
  • i prodotti di panetteria
  • gli alimenti della ristorazione.

La dichiarazione prevede uno schema che si basa su quello comunitario (dati, o su 100 g o 100 ml di prodotto o singola porzione). Nel caso delle bevande alcoliche, riportare il titolo alcolometrico per evidenziare il valore energetico.

Approfondimenti

 

Dogane
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese
Il regime doganale 42: modalità operative e vantaggi per le imprese Il presente articolo analizza con un approccio tecnico il cosiddetto “Regime doganale 42”, al fine di far comprendere alle imprese i possibili vantaggi che possono trarre dall’utilizzo di detto strumento.
Il nuovo Codice doganale dell’Unione: cogliere le opportunità del cambiamento
Il nuovo Codice doganale UE: opportunità del cambiamento Le dinamiche del commercio internazionale sono mutate nel tempo e hanno reso necessari strumenti doganali semplici, efficaci e fruibili attraverso sistemi informatici, in modo da facilitare il movimento delle merci e ottimizzare la catena di approvvigionamento.
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza
Valore in dogana e royalties e diritti di licenza La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA Negli ultimi anni la Food & Drug Admnistration (FDA), Organismo statunitense preposto alla regolamentazione e al controllo dei prodotti alimentari ...
Operazioni doganali… non in dogana
Operazioni doganali… non in dogana Nell’articolo una panoramica della normativa italiana ed europea relativa alla gestione delle operazioni doganali presso le sedi dell’operatore economico.
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med Nell’ambito degli Accordi commerciali di libero scambio tra l’Unione europea egli altri Paesi o gruppi di Paesi accordatari, il documento normalmente utilizzato come “prova di origine” preferenziale è il certificato di circolazione EUR.
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017 Con il termine dual use (duplice uso) si identificano quei beni e quelle tecnologie che, pur essendo principalmente utilizzati per scopi civili, possono essere adoperati nella fabbricazione e sviluppo di diverse tipologie di armamenti.
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità L’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del D. Lgs.
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione La Commissione europea ha introdotto importanti modifiche alle disposizioni di applicazione del Codice Doganale dell’Unione, con particolare riguardo agli adempimenti connessi alla gestione dell’origine delle merci.