Novità intrastat 2022

di lettura

L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).

Image

Le nuove istruzioni sono contenute nell’allegato XI della determinazione 493869 del 23 12 21, mentre nell’allegato XII sono definiti i nuovi tracciati record per l’invio delle dichiarazioni.

INTRA 1 BIS (riepilogo cessioni di beni)

Non cambia la periodicità di presentazione: sono obbligati alla presentazione mensile i soggetti che, almeno una volta negli ultimi 4 trimestri, abbiano superato l’ammontare dei 50.000 euro di cessioni in ambito UE. Sono soggetti a un obbligo di presentazione trimestrale i restanti operatori.

Semplificazioni di compilazione

La colonna natura della transazione si sdoppia in 2 sottocampi “a” e “b”.

L’obbligo di usare entrambe le colonne è attribuito ai soggetti che hanno realizzato nell’anno precedente, o in caso di inizio dell’attività presumano di realizzare nell’anno in corso, un valore di spedizioni  intracomunitarie superiore a 20.000.000 di euro.

E’ introdotta una nuova colonna denominata «origine delle merci» nel modello delle cessioni di beni. Si tratta di un campo obbligatorio per gli operatori con cadenza mensile (superiore ai 100.000 euro).

In tale campo, che assume rilevanza meramente statistica, si dovrà indicare l’origine NON preferenziale delle merce con indicazione del Paese di riferimento puntuale (IT, DE, CN, CH, ecc…).

E’ possibile, per ogni spedizione di valore inferiore ai 1.000 euro, compilare la dichiarazione intrastat senza disaggregazione delle nomenclature combinate utilizzando come unico codice di riferimento: 9950 0000.

Per spedizione si intendono tutte le transazioni che durante il mese di riferimento sono oggetto della stessa fattura. In tali casi pertanto non deve essere indicata la voce doganale «puntuale» di ogni singola merce comprata e/o venduta.

INTRA 2 BIS (riepilogo acquisti di beni)

Nuova soglia per determinare la periodicità mensile: hanno l’obbligo di presentazione dell’intra acquisti merce con cadenza  mensile i soggetti che almeno una volta negli ultimi 4 trimestri abbiano superato la soglia di 350.000 Euro.

E’ stata soppressa la dichiarazione trimestrale per gli altri operatori (non è neppure facoltativa).

E’ comunque possibile presentare l’intra su base mensile in modo facoltativo per monitorare il parametro dei 350.000 euro.

Semplificazioni di compilazione

Sono facoltativi i campi relativi a:

  • Stato del fornitore: codice Iso Paese (FR, DE, PL, ecc…)
  • Codice iva del fornitore (343243242B01)
  • Ammontare delle operazioni in valuta

La colonna natura della transazione si sdoppia in 2 sottocampi “a” e “b”

L’obbligo di usare entrambe le colonne è attribuito ai soggetti che hanno realizzato nell’anno precedente, o in caso di inizio dell’attività presumano di realizzare nell’anno in corso, un valore di arrivi intracomunitari superiore a 20.000.000 di euro.

E’  possibile, per ogni spedizione di valore inferiore ai 1.000 euro, compilare la dichiarazione intrastat senza disaggregazione delle nomenclature combinate utilizzando come unico codice di riferimento: 9950 0000.

INTRA 1 QUATER (riepilogo cessioni di servizi)

Nulla cambia in relazione alla compilazione dell’intra servizi per le prestazioni rese in ambito UE sia per quanto attiene alla soglia per determinare la periodicità di presentazione, sia per quanto riguarda i campi da alimentare.

L’obbligo di compilazione è mensile se si superano i 50.000 euro in almeno uno degli ultimi 4 trimestri. Obbligo di presentazione trimestrale per i soggetti che non superino mai i 50.000 euro in almeno uno degli ultimi 4 trimestri.

Restano pertanto facoltative le colonne

  • Modalita di erogazione
  • Modalità di incasso
  • Numero e data della fattura.

INTRA 2 QUATER (riepilogo acquisti di servizi)

Non cambia la soglia per la periodicità: sono tenuti alla compilazione dell’intra mensile servizi i soggetti che abbiano superato almeno una volta negli ultimi 4 trimestri la soglia di 100.000 euro.

Soppressa la cadenza trimestrale (non è neppure facoltativa) anche se risulta comunque possibile presentare l’intra in modo facoltativo su base mensile per monitorare il parametro.

Sono facoltative le indicazioni dei campi relativi a:

  • Codice iva del fornitore (resta necessario indicare il codice Iso Paese a differenza di quanto avviene per le merci)
  • Ammontare delle operazioni in valuta
  • Paese di pagamento

Che si aggiungono alle colonne già facoltative:

  • Modalita di erogazione
  • Modalità di incasso
  • Numero e data della fattura.

INTRA 1 SEXIES (riepilogo spedizioni in ambito contratto call of stock)

Le cessioni di beni effettuate in regime di call of stock devono essere riepilogate nella nuova sezione 5 indicando:

  • Codice Iso Paese
  • Numero di identificazione iva.

La periodicità di questa sezione è la medesima di quella individuata per le cessioni di beni.

Simone Del Nevo

Dogane
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Le imprese si ritrovano sempre più spesso a fare i conti con misure restrittive sanzionatorie implementate contro alcuni stati che minacciano la pace e la sicurezza internazionale (Iran, Siria, Russia, Iraq, Corea del Nord).
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Effettuiamo esportazioni tramite corrieri che ci fanno pervenire il numero MRN necessario per verificare l'avvenuta esportazione. Ho chiesto se mi potevano rendere la bolla doganale, ma mi hanno risposto che non sono tenuti a rendere la bolla (che ...
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
A un anno dalla Brexit, le relazioni commerciali tra il Regno Unito e l'UE sono ancora in evoluzione.
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Stiamo per esportare vino in Svizzera a cliente finale, ristoratore. Vorremmo informazioni su: documentazione necessaria, iter da seguire, imposte e dazi a nostro carico.
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
La vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di molteplici beni e tecnologie a qualsiasi persona, o organismo iraniani, o per un uso in Iran, sono soggetti ad autorizzazione preventiva.
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Il processo di digitalizzazione e modernizzazione consentirà una notevole semplificazione delle procedure doganali: un’ora per il controllo documentale, 5 ore per il controllo merci.