Obbligo di compilazione del campo 2 del DAU di importazione

di lettura

In Lombardia ed Emilia Romagna è stata posticipata al 31 luglio 2020 l’obbligatoria indicazione nel campo 2 del DAU di importazione del soggetto speditore/esportatore in vigore dal 5 maggio 2020.

 

Obbligo di compilazione del campo 2 del DAU di importazione

Con la circolare 1 del 2020, i Direttori Regionali di Lombardia ed Emilia Romagna hanno disposto il differimento, al 31 luglio 2020, dell’obbligo di compilazione del campo 2 del DAU.

Questo adempimento, solo apparentemente formale, può invece rivelarsi particolarmente gravoso per le imprese che utilizzano depositi doganali, regimi speciali di perfezionamento, oppure che operano su commesse aventi ad oggetti merci varie e movimentate in modalità groupage. In questi casi, infatti, si può registrare un incremento delle bolle da gestire che è esponenziale rispetto a quello attuale, con aumento di costi e controlli.

Nell’ultimo periodo, varie Associazioni di categoria hanno lamentato, in relazione al nuovo obbligo, gli impatti operativi molto rilevanti di cui di seguito si dirà; per questo, nonostante la precedente posizione della Direzione Generale dell’Agenzia Dogane Monopoli, e di concerto con la stessa, le Direzioni Regionali in questione, con particolare riferimento al nodo logistico lombardo-emiliano, in un’ottica di gradualità della conformazione da parte degli operatori allocati nelle zone più colpite”, con la circolare in commento n. 1 del 2020 hanno (in maniera piuttosto irrituale) prorogato al 31 luglio prossimo la decorrenza dell’obbligo. Peraltro, è precisato che “la proroga in argomento non ha efficacia relativamente alle operazioni doganali riconducibili all’emergenza Covid-19”.

Il tema nasce dalla recentissima pubblicazione della nota 121851.20, con cui la Dogana ha confermato l’obbligatorietà, dal 5 maggio 2020, della compilazione della casella 2 della dichiarazione DAU destinata all’indicazione del soggetto speditore/esportatore, già introdotta con la nota 32879/20. In sostanza, l’Agenzia Dogane Monopoli ha scelto di rendere obbligatoria la compilazione del campo 2 del DAU di importazione, così da individuare sempre, per ogni esportazione, il soggetto fornitore o speditore della merce, migliorando così l’analisi del rischio e riducendo l’incidenza dei controlli all’atto dello sdoganamento.

In realtà, la misura in commento, di cui si intende chiaramente la ratio e che a regime potrà essere sicuramente un ottimo strumento di esecuzione dei controlli, rischia in molti casi di rivelarsi un aggravio per gli operatori, di fatto costretti a produrre un numero dei DAU di importazione enormemente superiore a quello attuale, con evidente incremento dei costi di sdoganamento, sia diretti, che indiretti, come quelli di adattamento dei sistemi informatici.

Il tema è particolarmente sentito dai depositi doganali e, in generale, dai soggetti che si avvalgono di regimi speciali (di perfezionamento in particolare), oltre che dagli operatori che, più comunemente, si occupano di spedizioni piccole, frazionate o in groupage, ad alto rischio perché l’autorità doganale ha disposto che, in assenza dei dati dello Speditore/Esportatore, le dichiarazioni di importazione non saranno accettate/acquisite a sistema.

Tecnica di compilazione

Quanto alla tecnica di compilazione, il box 2 del DAU dovrà essere integralmente compilato:

  • nel sottocampo 2.1, va indicato il codice del Paese che ha rilasciato il numero di identificazione indicato nel successivo campo 2.2
  • nel sottocampo 2.2 va indicato il codice EORI eventualmente attribuito all’esportatore terzo. Se l’esportatore non è registrato in EORI, invece, occorre indicare, se noto, il codice di identificazione attribuito dal Paese Terzo di appartenenza (TIN), in caso contrario il codice “0”
  • nel sottocampo 2.3, il nome/ragione sociale da indicare è quello del cedente estero che ha emesso la fattura allegata al DAU.

Viceversa, la circolare n. 1.2020, solo per le operazioni svolte in Lombardia ed Emilia Romagna, ha disposto che la casella 2 del DAU sarà compilata come segue:

  • Paese del CF/Piva del cedente estero: indicare un codice paese diverso da “IT” (e.g.: il codice del paese di provenienza)
  • Codice fiscale/Partita IVA del cedente estero o Nome/Ragione sociale: “31072020”
  • Indirizzo: “31072020”; CAP: “00000”; Città: “31072020”; Paese: “IT”.

In ogni caso, la nota generale 121851.20 dell’Agenzia Dogane Monopoli insiste dunque nel rivendicare la legittimità, qui non in discussione, della scelta dell’amministrazione, sottolineando l’importanza della stessa ai fini dei controlli e, al contempo, l’obbligatorietà normativa, per gli operatori, di avere comunque tutti i documenti del caso, utili alla compilazione del DAU, in importazione diretta, oppure a scarico di un regime temporaneo come il deposito.

Criticità operative

Le osservazioni dell’amministrazione sono sicuramente corrette, ma resta il tema operativo e l’aggravio gestionale (soprattutto in un periodo di assoluto stress operativo come quello dell’attuale emergenza sanitaria), perché le operazioni di import da deposito, ad esempio, non sono fatte one to one rispetto alle introduzioni nel deposito stesso; più comunemente, esse scaricano, invece, partite massive introdotte in regime e provenienti da numerosi fornitori.

Per comprendere la portata della disposizione, occorre ragionare in riferimento, soprattutto, alle operazioni poste in essere da operatori che commercializzano o comunque importano merci in forma massiva, spesso identiche o simili e provenienti da decine di fornitori diversi, che oggi sono sdoganate con un’unica dichiarazione e, dal 5 maggio, saranno oggetto di una dichiarazione per ciascun fornitore.

Per il caso specifico del deposito, e con riguardo alle partite di merce precedentemente introdotte, resta il fatto che, dunque, molti operatori saranno - nel breve e medio periodo - tenuti a reperire tutta la documentazione utilizzata in fase di introduzione precedente (e ancora giacente presso deposito doganale) e riguardante i dati del fornitore o esportatore, inserendola manualmente in fase di estrazione.

In secondo luogo, si rileva il necessario adeguamento dei sistemi informatici, spesso integrati a livello aziendale e connessi tra imprese ed operatori logistici; è evidente che questa è un’operazione che, oggettivamente, ha un costo diretto, se è vero che la gestione di un deposito doganale moderno, sofisticato e al servizio di imprese multinazionali, funziona solo se supportato da sistemi IT customizzati per singolo cliente.

Infine, si deve comunque rilevare la futura, esponenziale moltiplicazione delle bolle di importazione, che in molti casi realizzerà una impennata di documentazione da gestire e che, oggi, è accorpata in un unico documento. Appare chiaro come anche questo potrà generare costi considerevoli per i clienti degli operatori logistici, nazionali e multinazionali, e forse un incremento della quota di controlli, almeno per ragioni statistiche.

Effettivamente, la novità adottata in un periodo così complesso potrebbe essere mitigata, nei suoi effetti, se fosse almeno permessa l’applicazione della modifica in commento in forma non obbligatoria e con effetto generalizzato, non certo riservato a due sole Regioni, dove potrebbe aversi una operatività differenziata da parte di operatori che hanno hub operativi nei territori in questione e in quelli dove l’obbligo è operativo. Questo permetterebbe, almeno, di settare i sistemi informatici e testare i flussi, prorogando ancora l’entra in vigore della novità.

Inoltre, anche riservando il beneficio a soli soggetti qualificati (es. AEO), per situazioni particolari e ben definite, poi, potrebbe essere consentita la compilazione del campo 2 del DAU in forma ridotta, con indicazione di un numero convenzionale che permetta alla bolla doganale di essere comunque accettata, eventualmente anche allegando alo stesso DAU le distinte riepilogative dei fornitori.

Ettore Sbandi

Tag dell'informativa

Dogane
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Dal 1 gennaio 2021 il Regno Unito non più parte del mercato unico e ha  lasciato l'unione doganale UE insieme a tutte le politiche dell'Unione europea e agli accordi internazionali. 
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
L’art. 154 del Codice Doganale dell’Unione stabilisce che, tutte le merci in libera pratica nell’Unione, che godono dello status di merci unionali,  perdono detta posizione doganale qualora escano in esportazione dal territorio doganale della UE.