Prova dell’avvenuta cessione intracomunitaria

di lettura

La risoluzione n. 19 del 25 marzo 2013 dell’Agenzia delle Entrate conferma l’obbligo da parte dell’operatore nazionale di provare l’avvenuta cessione intracomunitaria a giustificazione del mancato addebito dell’IVA in fattura e fornisce delucidazioni in merito alla relativa documentazione da conservare a supporto.

Image

Sino ad ora, l’Agenzia delle Dogane e delle Entrate, quale prova dell’avvenuta cessione, hanno richiesto il documento di trasporto in originale firmato a destino.

Nei casi di vendita con resa EXW o FCA, non avendo il cedente provveduto direttamente al trasporto, non è spesso nella condizione di esibire tale documento. Questa difficoltà, seppur ridotta, si manifesta anche nelle cessioni con resa del gruppo C e D degli Incoterms® dove spesso, pur governando il cedente il trasporto, i vettori rendono comunque difficile l’ottenimento della documentazione a causa della modalità di gestione informatizzata: si pensi ai nuovi sistemi di archiviazione informatizzata o/e ai nuovi sistemi di tracciabilità.

La direttiva n. 2006/112/CE e la risoluzione n. 477/2008 avevano chiarito che la prova di avvenuta esportazione poteva essere fornita con qualsiasi altro documento idoneo a dimostrare che le merci abbiano effettivamente raggiunto un altro Stato membro.

In seguito la risoluzione n. 123 del 2009 precisava, altresì, che la prova dell’uscita delle merci dal territorio dello Stato - per l’inoltro ad un soggetto passivo d’imposta identificato in altro Paese comunitario - poteva essere fornita, tra l’altro, dalla lettera di vettura indicante il luogo di partenza e lo Stato comunitario di arrivo dei beni.

La nuova risoluzione

La risoluzione n. 19/E 2013, sulla scia dei precedenti interventi, ha definitivamente precisato che costituiscono validi mezzi di prova dell’avvenuta cessione intracomunitaria:

  • sia il CMR elettronico
  • sia le informazioni tratte dal sistema informatico del vettore dalle quali risulti che la merce è giunta nel Paese di destinazione.

Dal punto di vista pratico-operativo le imprese, affinché tali documenti possano essere considerati idonei a fornire la prova della cessione intracomunitaria, devono conservarli congiuntamente:

  • alle fatture di vendita
  • alla documentazione bancaria attestante le somme riscosse in relazione alle predette cessioni
  • alla documentazione relativa agli impegni contrattuali assunti e agli elenchi Intrastat.

A seguito dell’eventuale richiesta di controllo dell’Amministrazione, l’operatore nazionale deve essere in grado di esibire i mezzi di prova dell’avvenuta cessione intracomunitaria, che vanno tuttavia acquisiti “senza indugio (...) appena la prassi commerciale lo renda possibile”.

Quindi, fermo restando che il fornitore sia tenuto ad acquisire e conservare i relativi mezzi probatori con ordinaria diligenza, anche se la prova in questione può essere prodotta in un momento successivo all’operazione, questa risoluzione fa chiarezza su un aspetto che nell’ultimo periodo ha visto numerosi ricorsi e contrasti tra quanto richiesto dall’Amministrazione e quanto le imprese nella pratica erano in grado di fornire a supporto.

Giuseppe De Marinis 

Dogane
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Le imprese si ritrovano sempre più spesso a fare i conti con misure restrittive sanzionatorie implementate contro alcuni stati che minacciano la pace e la sicurezza internazionale (Iran, Siria, Russia, Iraq, Corea del Nord).
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Effettuiamo esportazioni tramite corrieri che ci fanno pervenire il numero MRN necessario per verificare l'avvenuta esportazione. Ho chiesto se mi potevano rendere la bolla doganale, ma mi hanno risposto che non sono tenuti a rendere la bolla (che ...
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
A un anno dalla Brexit, le relazioni commerciali tra il Regno Unito e l'UE sono ancora in evoluzione.
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Stiamo per esportare vino in Svizzera a cliente finale, ristoratore. Vorremmo informazioni su: documentazione necessaria, iter da seguire, imposte e dazi a nostro carico.
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
La vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di molteplici beni e tecnologie a qualsiasi persona, o organismo iraniani, o per un uso in Iran, sono soggetti ad autorizzazione preventiva.
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Il processo di digitalizzazione e modernizzazione consentirà una notevole semplificazione delle procedure doganali: un’ora per il controllo documentale, 5 ore per il controllo merci.