Registrazione doganale per esportare prodotti agroalimentari in Cina

di lettura

Dal 1° Gennaio 2022 tutte le imprese esportatrici di prodotti agroalimentari aventi come destinazione la Cina dovranno registrarsi al fine di poter esportare i propri prodotti.

Image

Il 13 aprile 2021, l'Amministrazione generale delle dogane della Repubblica popolare cinese (GACC) ha emanato le "Misure amministrative sulla registrazione dei produttori esteri di alimenti importati" (di seguito denominato "Nuovo regolamento"), che entreranno in vigore a partire dal 1 Gennaio 2022.

Rispetto all'attuale normativa, sono da segnalare significativi cambiamenti dettati dal Regolamento n. 248 – “New version of Registration and Management Rules of Overseas Manufacturers of Imported Food” e dal Regolamento n. 249 – “New version of Administrative Rules on Imported Food Safety”.

Ottenere la registrazione per tutti i prodotti agroalimentari

Attualmente solo i produttori esteri di prodotti a base di carne, prodotti ittici, prodotti lattiero-caseari (compresi gli alimenti per lattanti) devono registrarsi.

Con il nuovo regolamento a partire dal 2022 dovranno ottenere l'approvazione della registrazione dal GACC anche i produttori esteri di tutte le altre categorie di alimenti (alimenti salutari, alimenti per scopi medici speciali e persino bevande, caramelle, ecc.).

Diverse categorie di alimenti, diversi metodi di registrazione

  • Primo tipo di registrazione: per prodotti di Carne e prodotti a base di carne, budelli, prodotti acquatici, latticini, prodotti delle api, uova e prodotti a base di uova, grassi e oli commestibili, pasta ripiena, cereali commestibili, prodotti industriali molitura cereali e malto, verdure fresche e disidratate e fagioli secchi, condimenti, noci e semi, frutta secca, chicchi di caffè e fave di cacao non tostati, alimenti dietetici speciali è necessario “be recommended” to GACC dalle competenti autorità nel paese di esportazione.
  • Secondo tipo di registrazione: Può essere eseguita direttamente dal produttore o da un suo agente.

Diversa documentazione a seconda del tipo di registrazione

Domanda per prodotti sopra indicati nel primo tipo di registrazione necessitano di una cospicua documentazione:

  • Lettera di “raccomandazione” autorità competente nel paese esportatore
  • Lista dei produttori e relativi moduli di registrazione
  • Documenti di identificazione del produttore, come licenza commerciale
  • Dichiarazioni dei produttori che promettono di soddisfare i requisiti dei regolamenti riguardanti i prodotti per cui si chiede la registrazione
  • Se necessario, il GACC richiederà i documenti del sistema di sicurezza, igiene e protezione alimentare, ad esempio la planimetria della fabbrica, delle celle frigorifere ecc
  • Eventuali rapporti di revisione.

Per gli altri prodotti il processo di registrazione è semplificato e i documenti da presentare sono:

  • Modulo di domanda di iscrizione
  • Documenti di identificazione del produttore, come licenza commerciale rilasciata dall'autorità locale
  • Una dichiarazione che il produttore promette di soddisfare i requisiti del regolamento per il prodotto commercializzato.

La registrazione dovrebbe avvenire tramite il sistema online di China Import Food Enterprise Registration (http://spj.customs.gov.cn/cifer/)

Marco Bertozzi

Dogane
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Certificati Eur1: nuove procedure di rilascio ordinario o facilitato
Dal 1° aprile è entrata a regime la nuova procedura di rilascio dei certificati di origine preferenziale Eur1.
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Infoexport: Procedure doganali e documenti di spedizione in India
Produciamo conserve alimentari e un importatore indiano vorrebbe acquistare i nostri prodotti. Tra i documenti che ci richiede compare una certificazione “registration of goods - quality confirmation”. Esiste una certificazione specifica ...
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
Nuovo sistema dell’origine delle merci in ambito doganale e intrastat
L’origine non preferenziale entra nei modelli Intrastat cessione, obbligando le imprese impegnate sul mercato unionale a indicare l’elemento dell’origine doganale delle merci nei modelli dichiarativi periodici.
Novità intrastat 2022
Novità intrastat 2022
L’Agenzia delle Dogane ha diramato le nuove istruzioni per la compilazione delle dichiarazioni intrastat valide per il 2022 (decorrenza prima dichiarazione 25.02.22 riepilogativa del gennaio 2021).
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Sanzioni internazionali: Bielorussia
Le imprese si ritrovano sempre più spesso a fare i conti con misure restrittive sanzionatorie implementate contro alcuni stati che minacciano la pace e la sicurezza internazionale (Iran, Siria, Russia, Iraq, Corea del Nord).
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Infoexport: esportazioni in groupage e MRN
Effettuiamo esportazioni tramite corrieri che ci fanno pervenire il numero MRN necessario per verificare l'avvenuta esportazione. Ho chiesto se mi potevano rendere la bolla doganale, ma mi hanno risposto che non sono tenuti a rendere la bolla (che ...
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
Commercio EU – UK: le insidie del 2022
A un anno dalla Brexit, le relazioni commerciali tra il Regno Unito e l'UE sono ancora in evoluzione.
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Infoexport: come esportare vino in Svizzera
Stiamo per esportare vino in Svizzera a cliente finale, ristoratore. Vorremmo informazioni su: documentazione necessaria, iter da seguire, imposte e dazi a nostro carico.
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
Misure restrittive nei confronti dell’Iran
La vendita, la fornitura, il trasferimento o l’esportazione di molteplici beni e tecnologie a qualsiasi persona, o organismo iraniani, o per un uso in Iran, sono soggetti ad autorizzazione preventiva.
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Approvata la disciplina dello Sportello unico doganale e dei controlli
Il processo di digitalizzazione e modernizzazione consentirà una notevole semplificazione delle procedure doganali: un’ora per il controllo documentale, 5 ore per il controllo merci.