Sportello unico doganale e pre-clearing: quali vantaggi per gli operatori certificati AEO?

di lettura

Con il Regolamento UE N. 952/13 (Nuovo Codice Doganale dell’Unione la cui completa attuazione avverrà entro luglio 2016), l’UE si pone l’obiettivo di: uniformare i processi doganali di tutti gli Stati Membri; tutelare i propri confini; rafforzare la lotta ai traffici illeciti; velocizzare e favorire i traffici commerciali internazionali.

Sportello unico doganale e pre-clearing: quali vantaggi per gli operatori certificati AEO?

I punti cardine per raggiungere tali obbiettivi sono fondamentalmente tre:

  1. completa telematizzazione di tutti i processi doganali per uniformare le procedure in un ambiente semplificato e privo di supporti cartacei “Dogana Paper Less”
  2. semplificazione delle procedure e dei regimi doganali
  3. introduzione della certificazione AEO per gli operatori economici ed i loro partners che intervengono nella catena logistica della movimentazione delle merci.

Un primo e significativo intervento dell’Amministrazione Doganale italiana per la  semplificazione e la velocizzazione del rilascio delle merci nei porti e negli aeroporti è stato l’avvio di due importanti innovazioni, su piattaforma informatica: lo “sportello unico doganale” e il “pre-clearing”, ovvero lo sdoganamento in mare.

Sportello unico doganale

Dopo un lungo e complesso iter burocratico/amministrativo iniziato nel 2003, lo Sportello unico doganale è stato attivato nel luglio del 2011 con modalità transitorie in attesa del definitivo completamento del “dialogo telematico” tra tutte le amministrazioni coinvolte nel processo di sdoganamento

L’Agenzia Delle Dogane funge da ufficio di coordinamento  tra le varie Amministrazioni coinvolte nel processo di sdoganamento: ben 18 Enti per un complessivo numero di 68 istanze per il rilascio di certificati, nulla-osta, licenze ecc. ecc.

Quando questo processo di interoperabilità sarà completato, il vantaggio in termini di rapidità nel rilascio delle merci e minor costi per gli operatori sarà notevole, soprattutto per gli operatori che abbiano ottenuto la certificazione AEO. Essi potranno godere di particolari agevolazioni e corsie preferenziali nel dialogo tra le varie amministrazioni.

Il pre-clearing (Sdoganamento in mare)

La procedura dello “Sdoganamento in mare” consente, ancor prima dell’arrivo nave e dell’attracco in banchina, di effettuare non solo tutti i controlli di Safty & Security del carico della nave, ma anche di anticipare il complesso iter amministrativo dello sdoganamento delle merci e del conseguente pagamento dei diritti doganali.

Il tutto avviene tramite dialogo telematico, in base a precisi protocolli informatici, tra l’Autorità Doganale, l’Autorità Marittima, le compagnie marittime, i gestori dei Terminal Container e gli operatori, ovvero le aziende importatrici, gli spedizionieri e gli agenti doganali.

Lo “Sdoganamento in mare”, iniziato in via sperimentale dall’Agenzia Delle Dogane nei porti di Genova e La Spezia già nel 2013, verrà estesa anche a tutti gli altri porti nazionali e a tutte le compagnie marittime che ne faranno richiesta.

Grazie a questa procedura, si accorceranno notevolmente i tempi di sosta dei containers nei porti, si ottimizzeranno tutte le operazioni di sbarco e soprattutto si indirizzeranno tutti i containers già sdoganati e svincolati direttamente all’uscita del porto; mentre le partite di merce destinate al controllo verranno dirottate nelle aree di verifica.

E’ fondamentale nella procedura pre-clearing, la completa realizzazione anche dello “Sportello unico doganale”, al fine di ottenere tutti quei vantaggi in termini di efficienza dei controlli, rapidità nel rilascio delle merci e di conseguente economicità.

Vantaggi per gli operatori AEO

I vantaggi di questo innovativo iter a livello doganale, saranno ancor più evidenti per gli operatori certificati AEO.

Dal gennaio 2008 è in vigore il Reg. CE 648/2005 e 1875/2006, concernente l’istituto della certificazione AEO (Authorized Economic Operators) ovvero Operatore Economico Autorizzato.

Il programma di certificazione, con valenza comunitaria, si applica a tutti gli operatori che ne facciano richiesta e che intervengono a vario titolo nella catena logistica internazionale: produttori, commercianti, importatori, esportatori, imprese di spedizioni, vettori, terminalisti, depositari ed agenti doganali.

Le certificazioni sono di tre differenti tipologie:

  • AEO/Customs, per le semplificazioni doganali
  • AEO/Security, per le semplificazioni sicurezza
  • AEO/Full, per le semplificazioni doganali e sicurezza.

L’ottenimento dello status di Operatore Economico Autorizzato avviene dietro deposito di apposita istanza presso la Dogana competente per territorio nel luogo della sede amministrativa o operativa dell’operatore e dietro il superamento, con esito positivo, dell’audit doganale da parte di un team di funzionari preposti ai controlli.

L’audit non ha la funzione di un controllo fiscale o controllo extra-tributario, bensì è unicamente finalizzato alla verifica di corrette procedure aziendali ai fini organizzativi, amministrativi e di sicurezza informatica e nella movimentazione delle merci, al fine di verificare l’affidabilità dell’operatore nelle transazioni e nella movimentazione delle merci in ambito internazionale.

Vantaggi diretti

  1. Riduzioni dei controlli documentali, scanner e fisici nei porti e negli aeroporti
  2. Scelta da parte dell’operatore dei luoghi deputati ai controlli della propria merce
  3. Trattamento prioritario dei controlli
  4. Iter agevolato nell’ottenimento di tutte le agevolazioni e semplificazioni doganali
  5. Numero ridotto di dati da indicare nelle dichiarazioni sommarie
  6. Mutuo riconoscimento della certificazione AEO con alcuni paesi terzi, quali: USA, Canada, Giappone ecc

Vantaggi indiretti

  1. Migliori relazioni con gli uffici doganali, tramite l’istituto del “client coordinator”
  2. Velocizzazione degli arrivi e delle partenze delle merci
  3. Possibilità di effettuare esportazioni H/23
  4. Aumento della sicurezza per le proprie merci soprattutto se si scelgono, per la catena logistica, partners certificati AEO
  5. Fidelizzazione della clientela per l’immagine di affidabilità commerciale
  6. Diminuzione degli incidenti a persone e cose per effetto delle migliori condizioni di sicurezza.

I vantaggi dei processi di semplificazione e telematizzazione dello Sportello Unico Doganale e del Pre-clearing,  ricadranno principalmente  sugli operatori certificati AEO soprattutto in merito ai  punti 1, 2,3 dei “vantaggi diretti”.

La riduzione del numero dei controlli ed il trattamento prioritario degli stessi, abbinati ad una propria procedura doganale domiciliata presso il proprio punto di logistica, daranno la possibilità di abbattere sensibilmente le soste delle merci nei porti ed i conseguenti costi ed oneri  di natura amministrativa e burocratica.

Lo sforzo dell’Amministrazione Doganale italiana per avvicinare l’efficienza e l’organizzazione della portualità nazionale agli standard del Nord Europa, è evidente, ma è altrettanto auspicabile che questo processo di modernizzazione  non trovi ostacoli di natura burocratica e possa procedere spedito nei tempi e nei modi   stabiliti dall’Unione Europea per un vero ed effettivo  miglioramento di tutto il Sistema Italia.   

Mariaester Venturini

Dogane
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Brexit: rinviati i controlli di importazione delle merci Ue
Giovedì 11 marzo l’agenzia delle dogane britanniche ha disposto un rinvio dei controlli di importazione delle merci provenienti dall’Unione Europea.
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
Digitalizzazione Certificato EUR 1, A.TR e EURMED
L’Agenzia delle Dogane e Monopoli il 12 marzo 2021 ha organizzato l’Open hearing “EUR 1 – full digital” dedicato alle nuove procedure per la richiesta e il rilascio dei certificati EUR 1, A.TR e EURMED.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
Prospettive di modifica del sistema di controllo delle esportazioni beni dual use
I beni a duplice uso sono beni, software e tecnologie che possono essere utilizzati sia per applicazioni civili che militari.
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
L’azienda diventa responsabile per i reati di contrabbando
La responsabilità dell’impresa ai sensi del dlgs. n. 231/01 ricorre ora anche nei casi di reato di contrabbando.
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Brexit: corsa al Rex per beneficiare del dazio zero
Con l’accordo di libero scambio sottoscritto da Ue e Uk, le merci di origine preferenziale, come tali correttamente auto-dichiarate dagli esportatori, beneficiano degli effetti dell’area di libero scambio con dazi di import zero.
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Accordo commerciale UE - UK: origine preferenziale, REX e AEO
Dal 1 gennaio 2021 il Regno Unito non più parte del mercato unico e ha  lasciato l'unione doganale UE insieme a tutte le politiche dell'Unione europea e agli accordi internazionali. 
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Normativa Dual Use e relazioni commerciali UE - Stati Uniti
Le competenze in materia di prodotti e tecnologie a duplice uso sono passate in capo all’Autorità nazionale UAMA (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
L’obbligatorietà della dichiarazione doganale export in Italia
Il 18 dicembre 2020 è stata pubblicata la circolare 49/2020 in vista della Brexit su “ufficio doganale territorialmente competente” e altre semplificazioni per gli operatori economici.
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
Diritti doganali in franchigia: merci di rientro nel territorio doganale Ue
L’art. 154 del Codice Doganale dell’Unione stabilisce che, tutte le merci in libera pratica nell’Unione, che godono dello status di merci unionali,  perdono detta posizione doganale qualora escano in esportazione dal territorio doganale della UE.