Svizzera: abolizione dazi all’importazione e semplificazione codici doganali

di lettura

Il parlamento federale svizzero ha approvato il 1 Ottobre 2021 l’abolizione dei dazi doganali sulla maggior parte dei prodotti industriali che entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.

Image

Al fine di ridurre i costi per i consumatori finali e per le aziende, il Parlamento Federale Svizzero ha approvato una importante disegno di legge che, qualora non venisse bloccato da un referendum, avrà due importanti conseguenze:

  1. Riduzione delle voci doganali dalle attuali 6.172 a 4.592 per semplificare la classificazione dei prodotti (entrata in vigore 1° gennaio 2022)
  2. Eliminazione dei dazi doganali sulla maggior parte dei prodotti industriali.

La semplificazione delle voci doganali al fine di azzerare i dazi in importazione, fatta eccezione per alcuni prodotti agricoli di produzione industriale (capitoli 35 e 38 del sistema armonizzato) comporterà procedure di conformità e di importazione meno lunghe e complicate.

Lo sdoganamento all'importazione per le imprese sarà meno oneroso in quanto la classificazione tariffaria sarà semplificata e le imprese non avranno più bisogno di prove di origine per beneficiare delle riduzioni dei dazi in Svizzera.

Si ricorda che tra UE e Svizzera è in vigore un Accordo di libero scambio (ALS) concluso nel 1972 che impone all’esportatore  l’emissione del documento EUR 1 che permette al cliente di non pagare dazi all'importazione, o di pagarli in misura ridotta. Tale documento  può essere sostituito da una semplice dichiarazione su fattura per spedizioni di importo inferiore a 6.000,00 euro o, per importi superiori, da parte di una ditta che abbia lo status di AEO (Operatore Economico Autorizzato).

Alla luce di ciò le aziende che producono con pre-materiali, rivendono o trasformano prodotti provenienti da altri paesi devono ancora essere conformi alle regole di origine preferenziale degli accordi di libero scambio, nel caso in cui i loro clienti richiedano determinate prove di origine. Pertanto, le prove di origine preferenziali sono ancora necessarie e devono essere dichiarate per le merci importate per garantire la conformità all'origine.

Per le imprese italiane

  • L’eliminazione dei dazi doganali potrebbe comportare l’entrata sul mercato di nuovi competitors alla luca dell’abolizione dei dazi.
  • Riduzione dei tempi di sdoganamento.

Per le imprese italiane con sede in Svizzera

  • Valutare la possibile trasformazione domestica per la produzione (intermedia) a causa della riduzione dei dazi
  • Esplorare nuove opzioni di approvvigionamento e paesi partner senza accordi di libero scambio
  • Quantificare l'impatto in termini di potenziali risparmi sui dazi
  • Aggiornare i dati anagrafici esistenti (ad es. voci doganali, calcolo dell'origine).

Marco Bertozzi

Dogane
Accordi commerciali
Commercio internazionale: accordi di libero scambio e semplificazioni
Sono 46 (includendo il Regno Unito) gli accordi di libero scambio conclusi dall’Unione europea che concedono alle imprese Ue condizioni vantaggiose nelle operazioni verso 78 Paesi extra-Ue.
Svizzera: abolizione dazi all’importazione e semplificazione codici doganali
Svizzera: abolizione dazi all’importazione e semplificazione codici doganali
Il parlamento federale svizzero ha approvato il 1 Ottobre 2021 l’abolizione dei dazi doganali sulla maggior parte dei prodotti industriali che entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Convenzione Vienna settore orafo
Oreficeria: meno barriere all’export con la Convenzione di Vienna
L’adesione dell’Italia alla Convenzione di Vienna si tradurrà in minori oneri e barriere all’esportazione per le 7.500 imprese italiane del settore orafo.
Dual use
Nuovo Regolamento UE sui beni a duplice uso
Dal 9 settembre 2021 è in vigore il Regolamento UE 2021/821 sui beni a duplice uso. Estesi i controlli a beni e tecnologie e particolare attenzione agli aspetti di Cybersecurity.
Brexit e problemi doganali
Problemi doganali nel Regno Unito: cosa fare in caso di MRN scaduto?
Nonostante il Regno Unito sia uscito già da alcuni mesi dall’Unione Doganale, si continuano a ricevere segnalazioni di problemi dalle imprese per quanto riguarda le esportazioni verso le isole britanniche.
Origine preferenziale: le regole transitorie dell’accordo Paneuromediterraneo (PEM)
Origine preferenziale: le regole transitorie dell’accordo Paneuromediterraneo (PEM)
Nel 2012 sono iniziate le discussioni per modernizzare la Convenzione PEM (Paneuromediterraneo). La Convenzione riveduta deve essere approvata all'unanimità.
Ue - zona Paneuromediterranea: semplificate regole di origine
Ue - zona Paneuromediterranea: semplificate regole di origine
La Commissione europea ha pubblicato il 25 agosto 2021 una Guida sulle regole di origine transitorie applicabili nella zona Paneuromediterranea (PEM).
Accordo RCEP
Accordo commerciale RCEP
Il 15 novembre 2020 è stato finalizzato il Regional Comprehensive Economic Partnership (RCEP), accordo commerciale di libero scambio che, oltre ai 10 paesi ASEAN, comprende Australia, Cina, Corea del Sud, Giappone e Nuova Zelanda.
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
Nuovo Regolamento dual use 2021/821
È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale Ue dell’11 giugno 2021 il Regolamento (Ue) 2021/821 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 maggio 2021 che istituisce un regime dell’Unione di controllo dei prodotti a duplice uso. ...
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Origine non preferenziale: linee guida della Commissione
Pubblichiamo un riassunto delle linee guida fornite dalla Commissione Europea in materia di origine non preferenziale (Made in).