Archivio Vies e cessioni intracomunitarie

di lettura

Mancano pochi giorni all’entrata in vigore delle quattro linee di intervento rapido (Vat quick fixes) previste dal legislatore unionale. Nell’articolo vengono illustrate le novità relative agli obblighi di comunicazione all’archivio Vies che entreranno in vigore dal 1°gennaio 2020. 

Archivio Vies e cessioni intracomunitarie

Le aree di intervento possono essere così sintetizzate:

  • numero di identificazione Iva del cessionario quale requisito sostanziale per applicare l’esenzione Iva nelle cessioni intracomunitarie dei beni,
  • semplificazioni per l’utilizzo del call of stock,
  • semplificazione delle norme relative alle vendite a catena,
  • prova delle cessioni intracomunitarie di beni.

Una delle aree di intervento più interessanti, riguarda sicuramente la scelta europea di attribuire valenza di elemento sostanziale, per la realizzazione delle operazioni non imponibili in ambito unionale, al codice identificativo Iva del soggetto acquirente.  

Si tratta di un argomento molto controverso e fonte di un vasto contenzioso con il fisco italiano.

Sin dall’entrata in vigore dell’obbligatorietà di iscrizione al Vies, sono sorti problemi sull’applicazione ed efficacia dell’adempimento. Inizialmente era stato previsto l’obbligo per gli operatori che volevano effettuare transazioni comunitarie, di comunicare obbligatoriamente e preventivamente all’Agenzia delle Entrate i dati per l’iscrizione al Vies (era previsto un esonero per gli operatori che già effettuavano cessioni o acquisti con l’Unione Europea).

In seguito all’introduzione dell’obbligo di iscrizione è sorto immediatamente il problema della data di efficacia dell’inclusione nella banca dati Vies. E' stata necessaria pertanto l’introduzione di una modifica normativa per attribuire efficacia immediata all’inclusione nella banca dati Vies, con l’opzione espressa in sede di dichiarazione di inizio attività.

Sin da subito l’Amministrazione Finanziaria ha assunto una posizione in contrasto con la Corte di giustizia della Ue, dequalificando, alla stregua di operazioni interne, le operazioni intracomunitarie effettuate dai non iscritti al Vies.

Secondo l’Amministrazione Finanziaria, l’assenza del numero identificativo Iva del cessionario o committente dall’archivio Vies determina l’impossibilità di applicare il regime di non imponibilità all’operatore, in quanto non risulterebbe verificata la soggettività passiva della controparte.

Diversa è stata l’interpretazione nel corso degli anni da parte della giurisprudenza della Corte di giustizia. La Corte ha sempre sostenuto che se sono soddisfatte le condizioni sostanziali (cedente/cessionario soggetti passivi Iva, fuoriuscita del bene, bene nella disponibilità del cessionario), la mancata inclusione nel Vies non determina di per se’ il disconoscimento del regime di non imponibilità della operazione.

Dal prossimo 1° gennaio 2020 entrerà in vigore la direttiva 2018/1910/UE. L’articolo 138 della suddetta direttiva prevede che l’iscrizione del soggetto passivo nell’archivio Vies diventi una condizione sostanziale per la realizzazione di una operazione non imponibile.

La citata norma stabilisce in particolare che sono considerate operazioni non imponibili le cessioni di beni spediti o trasportati fuori dal proprio territorio, all’interno della Comunità, dal venditore o dall’acquirente per loro conto al realizzarsi delle seguenti condizioni:

  • i beni sono ceduti ad un soggetto passivo o ente non soggetto passivo che agisce come tale in uno Stato membro diverso da quello in cui la spedizione o il trasporto dei beni ha avuto inizio,
  • il destinatario dei beni deve essere identificato ai fini dell’Iva in uno Stato membro diverso da quello in cui la spedizione o il trasporto dei beni ha avuto inizio,
  • l’acquirente deve aver comunicato preventivamente al cedente il proprio numero di identificazione Iva,
  • il cedente è tenuto a presentare un corretto invio dei dati mediante la presentazione dei modelli Intrastat.

La norma così come formulata comporterà necessariamente una revisione dei processi di controllo che procedono ogni cessione comunitaria, con conseguente aggravio di adempimenti per gli operatori.

Controllare per ogni singola operazione l’esistenza e la validità del codice identificativo fornito dal cliente sul sistema Vies talvolta è complicato perché ad esempio alcuni paesi utilizzano specifici codici che differenziano le operazioni Intra-Ue rispetto alle operazioni interne.

La formulazione della nuova normativa prevede inoltre l’obbligo di presentare tempestivamente un elenco riepilogativo delle operazioni unionali (Intrastat) con tutte le informazioni corrette riguardanti tale cessione, adempimento che sino ad un paio di anni fa sembrava destinato ad andare in soffitta. In particolare, la norma prevede che in assenza di informazioni complete, l’operatore potrà debitamente giustificare la sua mancanza secondo modalità ritenute soddisfacenti dalle autorità”. Quest’ultimo passaggio desta qualche perplessità.

Appare del tutto evidente, infatti, come in assenza di un intervento del legislatore nazionale o di una interpretazione dell’Amministrazione Finanziaria la normativa in oggetto potrà dar luogo ad eventuali contenziosi.  

In conclusione, qualcuno potrebbe sostenere che gli operatori sino ad oggi, sulla base della interpretazione “sostanziale” dell’Agenzia delle Entrate sull’iscrizione al Vies, nella prassi già effettuavano la verifica, prima di procedere all’emissione di fattura non imponibile. Tuttavia, un conto è effettuare un controllo in base ad una interpretazione da parte dell’Amministrazione Finanziaria che era in netto contrasto con la direttiva Iva e con le sentenze della Corte di Giustizia, diverso invece è adempiere ad un obbligo previsto da regole unionali.

Le conseguenze riguardano ovviamente le possibilità di difesa del contribuente in caso di contestazione.

Le novità entreranno in vigore, come già specificato, dal 1° gennaio 2020.

E’ opportuno sottolineare come, a tutt’oggi, purtroppo il legislatore nazionale non abbia ancora provveduto ad introdurre le necessarie modifiche normative.

Dott. Alberto Perani 

Fiscalità
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
L’Agenzia delle Entrate ha fornito risposta a un interpello inerente alle nuove prove di avvenuta consegna intracomunitaria, ponendosi come obiettivo quello di semplificare il complesso sistema probatorio fornito dal Regolamento comunitario in vigore dal 1° gennaio 2020.
VAT - News: speciale provvedimenti anti-Covid 19
VAT - News: speciale provvedimenti anti-Covid 19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito dell'emergenza Covid-19, da: Spagna, Danimarca, Cipro, Turchia, Belgio e Romania.
Direttiva europea ATAD2: pacchetto antielusione
Direttiva europea ATAD2: pacchetto antielusione
In un contesto di emergenza sanitaria ed economica, come quello che stiamo vivendo, le imprese a breve si troveranno a dover affrontare con i propri consulenti, anche  l’impatto delle norme dettate dalla direttiva ATAD2. 
IVA - Vat News: Speciale provvedimenti IVA Covid-19
VAT - News: provvedimenti IVA Covid-19
Nella pubblicazione periodica di Unioncamere lombardia le novità in tema di IVA introdotte dai principali Paesi europei per l'emergenza Coronavirus.