Campione d’Italia, novità 2020: l’imposta locale di consumo

di lettura

Dal 1 gennaio 2020 per Campione d’Italia, a seguito dell’entrata in vigore del Regolamento (UE) 2019/474, della direttiva UE 2019/475 e della legge di bilancio 2020 (L.160/2019), ci sono le seguenti novità: entrata nel Territorio doganale dell’Unione Europea, applicazione delle accise su alcolici, tabacchi e altri prodotti; introduzione dell’Imposta Locale sul Consumo di Campione d’Italia (ILCC).

Image

In attesa del decreto con cui il Ministero dell’Economia e delle Finanze stabilirà le disposizioni di attuazione del tributo (definendo, tra l’altro, modalità e termini per il versamento dell’imposta) lo stesso ha fornito importanti chiarimenti per gli operatori e i consumatori.

L’ILCC si applica solo ai beni e ai servizi acquistati o importati per il consumo finale; non si applica nei passaggi di beni e servizi fra operatori economici.
I beni e i servizi sono destinati al consumo finale quando sono impiegati per esigenze personali o familiari e non per una attività economica.
Gli operatori economici stabiliti a Campione d’Italia non subiscono discriminazioni rispetto agli operatori economici di altri Paesi in quanto:

  • gli operatori economici di altri Paesi e del resto d’Italia attraverso la detrazione recuperano l’IVA che pagano ai propri fornitori;
  • gli operatori economici di Campione d’Italia non pagano l’ILCC ai propri fornitori e ricevono i beni e i servizi dagli operatori economici residenti in altri Stati o nel resto dell’Italia senza IVA;
  • in entrambi i casi gli operatori economici versano l’imposta che hanno addebitato ai propri clienti consumatori finali.

L’ILCC si applica anche sulle importazioni a Campione d’Italia di beni provenienti da altri Paesi, compresa l’Italia, in particolare effettuate da consumatori finali.
Per evitare duplicazioni d’imposta, dovute all’applicazione dell’IVA nel Paese di provenienza dei beni e all’applicazione dell’ILCC all’importazione a Campione d’Italia, sono previste soglie di franchigia e regimi di tax free, che consentono di non applicare l’ILCC se è stata già applicata l’IVA europea o svizzera, mentre l’ILCC è applicata se non vi è altra imposta sugli acquisti.
Le soglie di franchigia e il regime di tax free dell’ILCC sono calcolate per ogni singolo viaggiatore per gli acquisti a titolo personale.

In analogia con la normativa europea e federale svizzera relativa all’imposta sul valore aggiunto l’ILCC non si applica alle esportazioni.
Secondo la regola generale,  le operazioni che intervengono tra operatori economici (operazioni business to business, B2B) non sono assoggettate a ILCC.

Pertanto gli operatori economici:

  • devono addebitare l’ILCC solo ai consumatori finali;
  • non devono addebitare l’ILCC ad altri operatori economici che abbiano comunicato di effettuare gli acquisti nell’esercizio di impresa arti o professioni;
  • non devono pagare l’ILCC alle importazioni di beni a Campione d’Italia.

L’ILCC non si applica in particolare alle operazioni rese per finalità sanitarie, finanziarie, sociali, educative, sportive. Ad esempio sono escluse da ILCC le attività:

  • sanitarie alla persona compreso il trasporto di feriti e disabili;
  • effettuate nel settore del mercato monetario, dei capitali, assicurativo;
  • di aiuto e assistenza sociale;
  • effettuate nell’ambito dell’educazione, della formazione e della ricerca;
  • di servizi culturali e di servizi sportivi;
  • relative ai giochi.

Responsabili del versamento dell’ILCC (soggetti passivi) sono le imprese, i professionisti e gli artisti che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi a Campione d’Italia nei confronti di consumatori finali;
In questi casi l’ILCC è addebitata ai consumatori finali insieme al corrispettivo dei beni e dei servizi e riversata al Comune. In caso di importazioni di beni a Campione d’Italia per il consumo finale, l’ILCC è versata direttamente dai consumatori finali.
L’imposta è applicata secondo aliquote allineate a quelle dell’IVA svizzera (3,7% in particolare per pernottamenti in albergo, colazione inclusa; 2,5% in particolare per generi alimentari, libri, giornali, medicinali, altri beni di uso quotidiano, 7,7% in tutti gli altri casi, ad esempio, per automobili, orologi, gioielli, abiti, alcol, servizi). Tali aliquote sono inferiori a quelle dell’IVA italiana (22%, 10%, 5%, 4%).

Gian Luca Giussani

Fiscalità
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
La sugar tax, imposta gravante sulla vendita di bevande edulcorate, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Dal 1° luglio 2021, si applicherà una nuova disciplina, per le vendite on line nei confronti dei consumatori finali, ai fini Iva.
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.
VAT News: speciale commercio elettronico
VAT News: speciale commercio elettronico
Modifiche nel Regno Unito alle norme IVA sul commercio elettronico dal 1° gennaio 2021 e aggiornamenti sulla Digital Services Tax, imposta indiretta sulle vendite derivanti dal commercio elettronico e dai servizi digitali delle multinazionali internazionali.
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
La maggior parte dei paesi ha introdotto agevolazioni IVA per sostenere le imprese e i consumatori durante la crisi pandemica.
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.