Cina: società commerciali a partecipazione straniera

di lettura

L'aumento del consumo cinese e il recente inasprimento delle norme per i Rapresentative Office (RO) rendono la società commerciale a partecipazione straniera (FICE) la struttura organizzativa ideale per commercializzare e fare affari in Cina. 

Nell’ultimo anno e mezzo, il governo cinese ha introdotto nuove norme che inaspriscono l'amministrazione dei RO di imprese straniere in Cina:

  • l'aliquota sul profitto presunto passa da un tasso fisso del 10% a uno variabile tra il 15% e il 30%
  • viene maggiormente applicato il divieto per i RO di condurre attività commerciali o redditizie.
  • è richiesta la presentazione annuale di una lunga lista di documenti, da legalizzare e autenticare, attestanti l’operativita’ della casa madre

Il giro di vite sull'uso dei RO per colpire chi di fatto li utilizza per scopi diversi da quelli previsti dalla legge, ad esempio, per importare ed esportare prodotti, oppure per gestire direttamente acquisti e vendite impiegando decine se non centinaia di addetti ai lavori, ha finito per aumentare costi e complicare l’operativita’ di chi invece e’ in piena legalita’.

Le FICE (Foreign Invested Commercial Enterprise) sono organizzazioni semplici, relativamente economiche, che consentono di:

  • importare ed esportare
  • vendere al dettaglio e all’ingrosso
  • organizzare attività di franchising
  • svolgere attività su commissione (agente di vendita, broker o intermediario)
  • godere di vantaggi fiscali che i RO non hanno (come la possibilità di recuperare l'IVA sulle esportazioni ).
  • Svolgere attivita’ di controllo qualita’, servizi post vendita, coordinazione e tutti gli altri servizi legati all’acquisto o vendita di prodotti sul teerritorio cinese

Costituzione di società commerciali a partecipazione straniera

Per svolgere attività di import - export o di distribuzione sul territorio cinese (vendita al dettaglio, all'ingrosso e in franchising), gli investitori stranieri possono costituire società commerciali a totale partecipazione straniera (FICE).

La costituzione di una FICE in Cina è stabilita dalle Disposizioni Amministrative sugli Investimenti Esteri nel Settore Commerciale ("FICE Measures") promulgate dal Ministero del Commercio ("MOFCOM") nell'aprile 2004 e diventate effettive nel giugno 2004.

Una FICE può assumere la forma giuridica di società a totale partecipazione straniera (WFOE) o di joint venture (JV) se vi e’ socio cinese. Sia WFOE che JV possono essere costituite per intraprendere esclusivamente attività commerciali o per affiancare altre attività in essere, quali produzione o fornitura di servizi.

Requisiti richiesti

Le disposizioni sulle FICE incoraggiano particolarmente gli investitori stranieri con una solida base economica, una capacita operativa commerciale avanzata, nonché una considerevole rete vendita internazionale. Il tempo massimo di attività di norma non deve essere superiore ai trent'anni o comunque non eccedere i quarant'anni qualora la FICE sia situata nelle regioni centrali o occidentali.

I requisiti sul tetto minimo di capitale registrato (investimento iniziale necessario a finanziare l'attività fino a quando non raggiunga un flusso finanziario positivo) riprendono le condizioni del diritto societario cinese (Company Law), quindi:

  • 30.000 RMB per le società con più di un azionista
  • 100.000 RMB per quelle con azionista unico.

Nonostante i capitali minimi espressi dal diritto societario, quelli ufficiali variano a seconda del settore industriale e su base regionale. Alcune regioni hanno anche proprie politiche di incentivi che incoraggiano gli investimenti esteri e richiedono minori capitali minimi registrati.

Vi sono però requisiti finanziari spesso trascurati quando sono stimate le capitalizzazioni dovute, come, ad esempio, i dazi doganali o anticipi in fase post-registrazione oppure altri costi one-off non preventivamente messi a budget. Rifinanziare la società in caso di bisogno è complicato in termini di tempo e procedura con il rischio di incorrere in oneri fiscali aggiuntivi.

Sia il capitale registrato che l'investimento totale devono essere specificati nello studio di fattibilità e nello statuto societario, documenti questi peraltro richiesti durante la fase di costituzione della FICE. Diversamente dal capitale registrato, che deve essere depositato per intero in un conto bancario cinese nell'arco temporale previsto nello statuto, l'investimento totale rappresenta l'ammontare dei fondi pianificati totali per il progetto nella sua durata e realizzato e nella parte di finanziamenti extra capitale sociale non devono essere necessariamente apportati se non necessari. Il rapporto tra capitale registrato e investimento totale è regolato da rapporti in percentuale codificati nella seguente tabella: 

Le FICE che operano al dettaglio possono, ottenuto il nulla osta, condurre la vendita al dettaglio di beni, importare beni in nome e conto proprio, acquistare prodotti locali per l'esportazione e condurre altre attività complementari (escludendo il commercio di tabacchi). Per le attività con superficie pari o superiore a 3.000 metri quadrati, l'investitore straniero deve presentare in fotocopia la certificazione del diritto d'uso dell'area e/o il contratto d'affitto della stessa.

 Le FICE che operano all'ingrosso possono condurre la vendita all'ingrosso di beni, svolgere attività su commissione (eccetto intermediazioni), importare ed esportare beni e condurre altre attività complementari (escludendo il commercio di sale e tabacchi). Le categorie di beni trattate devono essere specificate nell'oggetto sociale dello studio di fattibilità e dello statuto societario.

 Qualora l'investitore straniero voglia avviare un'attività in franchising, si dovranno soddisfare le:

  • Regulations on the Administration of Commercial Franchise
  • Measures on the Administration of Information Disclosure of Commercial Franchises
  • Measures for the Administration of Record Filings of Commercial Franchising .

 Restrizioni vengono applicate alle FICE che si occupano di particolari prodotti, quali libri, periodici, quotidiani, prodotti farmaceutici, prodotti chimici agricoli, film termoplastici per l'agricoltura, fertilizzanti chimici, oli raffinati, cereali, oli vegetali, zucchero alimentare e cotone. Se l'investitore straniero possiede più di 30 negozi di vendita al  dettaglio in Cina e distribuisce i prodotti sopramenzionati provenienti da marchi e fornitori diversi, la sua quota di capitale sarà limitata al 49%.

Presentazione richiesta costituzione

Il processo di richiesta per la costituzione di una FICE può essere suddiviso in tre parti: pre-registrazione, registrazione e post-registrazione.

1 Pre-registrazione

Durantela fase di pre-registrazione l'ente di riferimento è la State Administration for Industry and Commerce (SAIC). Quest’ufficio si occupa della registrazione di tutti i tipi di società, le organizzazioni o gli individui che intraprendono attività commerciali. Esamina e ratifica la registrazione dei nomi delle società, oltre a approvare e rilasciare le licenze commerciali.

La verifica da parte dalle SAIC sull'accettabilità del nome proposto richiede alcuni giorni lavorativi. Soltanto il nome in cinese è vincolante sul piano legale, poiché la traduzione non è rilevante per l'autorità locale (ma il nome in altra lingua può essere usato nel materiale informativo, nel sito internet ecc.). Da notare che la parola "Cina" non può essere utilizzata senza autorizzazione e la traduzione può avvenire in base al significato o alla trasposizione fonetica.

Il logo societario, il nome cinese e quello tradotto possono essere registrati per tutela presso il Chinese Trademark Office.

La relazione sullo studio di fattibilità è esaminata dal Ministero del Commercio o dal relativo ufficio locale che valuta gli investimenti diretti esteri in Cina. Questa relazione (non vincolante) è utile per stimare esattamente quanto sarà l'esborso monetario e l'investimento da fare e rappresenta una parte essenziale del processo di pianificazione dell'attività (business plan).

Lo statuto societario invece è uno dei documenti più importanti per la costituzione di una FICE. Esso descrive il quadro di funzionamento della società ed è fondamentale che sia ben strutturato in tutte le sue parti. Molti investitori stranieri fanno l'errore di considerarlo una semplice formalità e non dedicano abbastanza tempo alla sua foulazione. 

2 Registrazione

Le autorità preposte rilasciano il certificato di approvazione e la licenza commerciale solo dopo aver valutato la documentazione degli investitori e della FICE stessa. L'investitore deve fornire la licenza commerciale o il certificato di costituzione, il conto bancario a prova dell'affidabilità creditizia, oltre alla fotocopia del passaporto del legale rappresentante della società investitrice.

In alcune giurisdizioni il certificato di costituzione e i relativi conti bancari dovranno con molta probabilità essere tradotti in cinese. Nella maggior parte dei casi, licenza della società investitrice nonché statuto, dovranno essere legalizzati presso la prefettura della città di riferimento e autenticati presso il consolato o ambasciata cinese in Italia, responsabili territorialmente per l'area ove la società investitrice è registrata.

Si dovranno fornire il nome della società, l'oggetto sociale, il capitale registrato, il contratto d'affitto, fotocopia del passaporto del legale rappresentante della FICE, curriculum e fotocopia del passaporto del direttore, lo studio di fattibilità e lo statuto societario.

Il certificato di approvazione viene rilasciato dall'ufficio locale del Ministero del Commercio. Dopo questa approvazione, si dispone di trenta giorni per la registrazione della FICE presso la sede locale della Administration of Industry and Commerce, che rilascerà la licenza commerciale (le società di entità maggiori o appartenenti a settori con restrizioni dovranno registrarsi presso la SAIC). Alla fine di questa fase, la società commerciale a partecipazione straniera diventa un'entità giuridica e sarà legalmente registrata in Cina.

3 Post-registrazione

La FICE deve espletare altre registrazioni presso diversi uffici prima di diventare una società commerciale a tutti gli effetti (timbri societari, registrazione del codice identificativo, registrazione presso l'ufficio imposte e richiesta di approvazione contribuente ordinario IVA, apertura conto bancario, registrazione presso gli uffici doganali, registrazione per l'ispezione dei beni presso, registrazione presso la State Administration of Foreign Exchange (SAFE), versamento del capitale e relazione di verifica del capitale, registrazione ai fini statistici).

Eunice Ku - In collaborazione con China Briefing 

Tag dell'informativa

Fiscalità
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
L’Agenzia delle Entrate ha fornito risposta a un interpello inerente alle nuove prove di avvenuta consegna intracomunitaria, ponendosi come obiettivo quello di semplificare il complesso sistema probatorio fornito dal Regolamento comunitario in vigore dal 1° gennaio 2020.