Il regime IVA dei beni venduti nell’ambito delle fiere in paesi UE

di lettura

La movimentazione intracomunitaria di beni in occasione di fiere ed esposizioni deve essere attentamente verificata, in quanto il trattamento fiscale ai fini IVA applicabile ai beni introdotti in un altro Paese membro da parte del soggetto nazionale dipende dalla legislazione vigente nel singolo Stato membro.

Il regime IVA dei beni venduti nell’ambito delle fiere in paesi UE

In questo articolo viene esaminato il regime IVA dei beni inviati in altri paesi membri in occasione di fiere mercato ed esposizioni, e poi successivamente venduti da parte delle imprese italiane nello stesso paese membro che ospita l’evento.
A livello comunitario, si ricorda come l’art. 17, par. 2, lett. h), della Direttiva 28 novembre 2006, n. 2006/112/CE, non considera come acquisto intracomunitario il «trasferimento a destinazione di un altro Stato membro» se finalizzato:

  • alla temporanea utilizzazione del bene,
  • per una durata non superiore a ventiquattro mesi,
  • nel territorio di un altro Stato membro all’interno del quale l’importazione dello stesso bene in provenienza da un paese terzo ai fini di un’utilizzazione temporanea fruirebbe del regime dell’ammissione temporanea in esenzione totale dai dazi all’importazione.

Ciò premesso, occorrerà pertanto far riferimento alla normativa vigente nel Paese comunitario ospitante l’evento per valutare come siano state recepite da detto Stato membro le disposizioni  comunitarie.

Normativa doganale del Paese ospitante la manifestazione prevede l’esonero dei dazi in caso di importazioni di beni analoghi

Nello specifico, ove la normativa doganale vigente in tale Paese prevedesse l’esonero totale dai dazi in caso di importazioni di beni analoghi, allora l’introduzione dei beni nel proprio territorio per esposizioni, fiere e mostre non darà luogo ad un acquisto comunitario, fin tanto che continuino a sussistere le condizioni per l’esonero (temporanea utilizzazione per una durata non superiore a 24 mesi).
In tale ipotesi l’operatore italiano non sarà ivi tenuto ad identificarsi ai fini IVA, ma dovrà esclusivamente annotare il trasferimento dei beni, a titolo non traslativo della proprietà, nel “registro di carico e scarico” di cui all’art. 50, comma 5, del D.L. n. 331/1993, ovvero, secondo le indicazioni fornite nella risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 39/2005 in materia di “tentata vendita”, a prendere in “carico” i beni su un apposito documento, numerato e conservato ai sensi dell’art. 39 del D.P.R. n. 633/1972.
Tanto le annotazioni sul registro di “carico e scarico”, quanto la “presa in carico”, sono indispensabili per superare le presunzioni di cessione, di cui al D.P.R. 10 novembre 1997, n. 441.

Se poi, nell’ambito della fiera a cui si partecipa, l’impresa italiana dovesse vendere i propri beni, allora tale cessione si considererà perfezionata, all’atto della stipula del contratto, nello Stato membro che ospita l’evento.
In questo caso, venendo meno la sospensione d’imposta, il soggetto passivo italiano dovrà regolarizzare l’operazione, sicchè previa identificazione diretta nel paese UE o per il tramite di un rappresentante fiscale, dovrà fatturare l’operazione in regime di non imponibilità IVA ex art. 41, comma 2, lett. c), del D.L. n. 331/1993 al proprio rappresentante fiscale il quale successivamente procederà alla corrispondente acquisizione intracomunitaria imponibile IVA.

Riguardo al trattamento IVA delle cessioni, escluse da IVA in Italia per carenza del presupposto territoriale, ove gli acquirenti dovessero essere soggetti d’imposta ivi stabiliti e lo Stato membro prevedesse l’obbligo di reverse charge, l’impresa italiana dovrà emettere fattura indicando, in luogo dell’imposta, che si tratta di operazione soggetta ad “inversione contabile” ai sensi dell’art. 21, comma 6-bis, lett. a), del D.P.R. n. 633/1972.
Ai fini INTRASTAT, per i beni movimentati nell’ambito delle suddette manifestazioni, gli elenchi riepilogativi devono essere compilati, ai fini fiscali e statistici, solo in caso di cessione o acquisto dei beni e con riferimento al periodo di registrazione della relativa fattura.

Normativa doganale del Paese ospitante la manifestazione non prevede l’esonero dei dazi in caso di importazioni di beni analoghi

In caso contrario, cioè ove la normativa doganale vigente nel Paese UE ospitante la manifestazione non prevedesse l’esenzione totale da dazi (ammissione temporanea) in caso di importazione di beni analoghi proveniente da Paesi extraUE, allora è già all’atto dell’introduzione del bene nel territorio comunitario che si realizza un’operazione assimilata ad un acquisto intracomunitario, con l’obbligo da parte del soggetto passivo italiano di assolvere i relativi adempimenti ai fini Iva tramite identificazione diretta o mediante nomina di un rappresentante fiscale.
In questa ipotesi il trasferimento dei beni inviato nello Stato membro di destinazione darà luogo, in capo al soggetto passivo italiano, ad un trasferimento intracomunitario di beni a “se stesso”, con il conseguente obbligo di:

  • emissione della fattura  in  Italia  in regime di non  imponibilità IVA ex art. 41, comma 2, lett. c), del D.L. n. 331/1993;
  • acquisizione intracomunitaria nel medesimo Stato per il tramite del numero di partita IVA previamente acceso “in loco”, nella forma diretta o per mezzo di un rappresentante fiscale.


La successiva vendita dei beni già introdotti nello Stato membro di destinazione  si  configurerà come  una  operazione  “interna”, con obbligo di osservare le disposizioni ivi prescritte.
Tali cessioni, territorialmente irrilevanti in Italia ai sensi dell’art. 7-bis, comma 1, del DPR n. 633/1972, dovranno essere assoggettate all’IVA  locale  per  il  tramite  della  propria posizione IVA se il cessionario è un privato consumatore o un soggetto passivo stabilito  in un  diverso  Stato membro; se,  invece,  si  tratta  di  un  soggetto  passivo  stabilito  nello  stesso Stato  membro ospitante la manifestazione in cui ove sia previsto l’obbligo di reverse  charge,  allora sarà il cessionario stesso che deve applicare l’imposta a fronte della fattura emessa dal cedente italiano ai  sensi  dell’art.  21,  comma  6-bis,  lett.  a),  del D.P.R.  n.  633/1972.

Natale Galimi

Tag dell'informativa

Fiscalità
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.