Incentivi fiscali dello Stato di New York

di lettura

Lo stato di New York ha implementato due programmi che garantiscono crediti di imposta e incentivi fiscali alle start up innovative e a quelle che ampliano la propria presenza sul mercato.

Incentivi fiscali dello Stato di New York

Excelsior Job Program

Dal 2010, particolari categorie di imprese che intendano operare nello Stato di New York possono accedere all’“Excelsior Job Program”,  che mette a disposizione diverse tipologie di crediti di imposta. Il Governatore ha stanziao 500 milioni di dollari annui per un totale di 2.25 miliardi di dollari.

Requisiti per l’ammissione

Possono presentare domanda le aziende operanti nei seguenti settori:

  • Biotecnologie
  • Farmaceutico
  •  High-tech
  • Tecnologia pulita
  • Tecnologia verde
  • Servizi finanziari
  • Agricoltura
  • Manifatturiero.

Le imprese devono dimostrare di aver in programma la creazione di nuovi posti di lavoro o, in alternativa, rilevanti investimenti di capitale. Il programma ricalca tale distinzione prevedendo un doppio binario per l’accesso al programma:

“Job Growth Track”

Il 75% dei fondi è destinato alle aziende che intendono ampliare la propria base lavorativa. Sono dettati criteri minimi di candidabilità (con riferimento al personale impiegato, ai progetti attivi e agli investimenti effettuati) differenti per i singoli settori.

Investment Track”

Pensato per le imprese che abbiano in programma nuovi investimenti (e impieganti un numero minimo di dipendenti), assegna il restante 25% dei fondi del programma. Il requisito di eleggibilità, in questo caso, è dato dal rapporto matematico tra Investimenti, Salari, Benefici e Risparmio per Credito d’Imposta (la soglia è fissata in 10:1: almeno 10$ di investimenti ogni 1$ di risparmio).

L’ammissione al programma nonché l’ammontare dei crediti concessi sono a discrezione del Commissario che analizza la richiesta. Qualora ammesse, le imprese hanno la possibilità di usufruire dei crediti per un periodo di 10 anni.

Crediti d’imposta

L’Excelsior Job Program prevede quattro tipologie di tax credits.

  1. Excelsior Job Tax Credit: un credito pari al 6.85% del salario per ogni nuovo posto di lavoro
  2. Excelsior Investment Tax Credit: calcolato nella cifra del 2% dell’investimento.
  3. Excelsior Research & Development Tax Credit: credito per un massimo del 3% delle spese di ricerca.
  4. Excelsior Real Property Tax Credit: credito d’imposta riservato a categorie d’impresa ulteriormente specificate, operanti in particolari zone territoriali ovvero che presentano soglie di investimento e impiego rilevanti.

Tax free per le Start-up e le imprese tecnologicamente avanzate

Start-up New York” è un’iniziativa, lanciata dal Governatore dello Stato di New York, nel gennaio 2014, che offre notevoli incentivi fiscali alle Start-up o alle imprese che intendano trasferirsi o espandersi all’interno del territorio dello stato.

Ferma la condizione essenziale che tali realtà operino all’interno o in connessione con Campus Universitari, è prevista una completa esenzione dalle imposte locali e statali per l’impresa, nonché una completa esenzione dalle imposte sui redditi da lavoro per i loro dipendenti.

La finalità primaria del programma è di attirare capitali e investimenti nello stato di New York.

Requisiti per l’ammissione

Le imprese che intendono richiedere l’ammissione devono operare in settori considerati ad “alto valore tecnologico”; inoltre, deve trattarsi di:

  • imprese di nuova costituzione
  • imprese che intendano trasferirsi da altro stato
  • imprese già attive nello stato di New York che dimostrino la creazione di nuovi posti di lavoro.

Sono espressamente escluse le seguenti realtà: commercio all’ingrosso e al dettaglio, ristoranti, broker e compagnie immobiliari, studi legali, pratiche mediche e dentistiche, settore alberghiero, servizi finanziari, imprese che forniscono servizi personali, imprese che forniscono servizi amministrativi (salvo che siano state autorizzate a partecipare), imprese di contabilità, imprese che forniscono utenze, produzione e fornitura di energia.

Secondo requisito essenziale per l’Ammissione al programma sta nell’appoggio fornito dall’impresa alla “missione accademica” dell’Università cui è affiliata. È, a tal fine, prescritto che la sede dell’impresa sia istituita in locali di proprietà o affiliati a College Universitari, pubblici o privati, dello stato di New York. Il supporto richiesto può assumere le forme più varie. A titolo esemplificativo, potrebbe consistere: nella predisposizione di programmi di internship o assunzioni dirette tra il personale dell’università o, ancora, nella predisposizione di programmi di ricerca e sviluppo condivisi.

Benefici Fiscali

Le imprese ammesse al programma avranno l’opportunità di operare in regime “tax-free. È prevista l’esenzione dal pagamento delle imposte sulla produzione, sulle vendite, sulle proprietà nonché ogni altra imposta connessa all’attività d’impresa, per un periodo di 10 anni.Tale termine si calcola dal momento in cui l’impresa è ammessa al programma, a prescindere dall’eventuale scadenza dello stesso (fissata al 31 Dicembre 2020).

È inoltre prevista un’esenzione personale dal pagamento delle imposte per i dipendenti della società ammessa, i quali non pagheranno tasse sui redditi percepiti come compensi dell’attività lavorativa. Questo beneficio non soffre alcun limite per i primi cinque anni dall’ammissione. Al termine di tale periodo è previsto che l’esenzione perduri unicamente per:

  • dipendenti persone fisiche che percepiscono un salario inferiore a 200.000$
  • “head of household” con salario inferiore a 250.000$
  • coppie sposate che unitamente percepiscono salari inferiori a 300.000$.

È infine previsto che possa accedere alla Personal Income Tax Exemption un totale di 10.000 cittadini dello stato per ogni anno di vigenza del programma.

Alessandro Benedetti e Chiara Novelli

Tag dell'informativa

Fiscalità
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
L’Agenzia delle Entrate ha fornito risposta a un interpello inerente alle nuove prove di avvenuta consegna intracomunitaria, ponendosi come obiettivo quello di semplificare il complesso sistema probatorio fornito dal Regolamento comunitario in vigore dal 1° gennaio 2020.