Novità e semplificazioni IVA 2019 nel commercio elettronico diretto

di lettura

Dal 1 gennaio 2019 entreranno in vigore, a seguito del recepimento delle norme europee da effettuare entro il 31 dicembre 2018, le semplificazioni IVA relative al commercio elettronico diretto riferibili ai cosiddetti servizi elettronici.

Image

Questi si caratterizzano per il fatto di essere prestati interamente in modalità telematica, in quanto hanno per oggetto un bene o un servizio fruibile in forma digitale, tramite l'utilizzo di una rete elettronica. L'art. 7 del Reg. UE 282/2011 definisce i servizi elettronici (ossia "prestati tramite mezzi elettronici") come servizi forniti attraverso Internet o una rete elettronica, la cui natura rende la prestazione essenzialmente automatizzata, corredata da un intervento umano minimo e impossibile da garantire in assenza della tecnologia dell'informazione.

A livello indicativo sono servizi elettronici:

  • la fornitura di siti web e web-hosting; la gestione a distanza di programmi e attrezzature;
  • la fornitura di software e il relativo aggiornamento;
  • la fornitura di immagini, testi e informazioni e messa a disposizione di basi di dati;
  • la fornitura di musica, film, giochi, compresi i giochi di sorte o d'azzardo, programmi o manifestazioni politici, culturali, artistici, sportivi, scientifici o di intrattenimento;
  • la fornitura di prestazioni di insegnamento a distanza;
  • la concessione, a titolo oneroso, del diritto di mettere in vendita un bene o un servizio su un sito internet che operi come mercato online, in cui i potenziali acquirenti fanno offerte attraverso un procedimento automatizzato e in cui le parti sono avvertite di una vendita attraverso posta elettronica generata automaticamente da un computer; 
  • le offerte forfetarie di servizi internet (Internet service packages) nelle quali la componente delle telecomunicazione è accessoria o subordinata, comprendenti, oltre al semplice accesso alla rete, altri elementi quali pagine con contenuto che danno accesso alle notizie di attualità, alle informazioni meteorologiche o turistiche, spazi di gioco, hosting di siti, accessi a dibattiti online, ecc.

Le novità hanno come unico obiettivo quello di semplificare e ridurre l’onere gravante sulle imprese stabilite in uno Stato membro che prestano tali servizi occasionalmente in altri Stati membri. L’Unione Europea ha valutato quindi opportuno introdurre una soglia a livello comunitario al di sotto della quale tali prestazioni restano imponibili ai fini dell’IVA nello Stato di residenza del prestatore-azienda. 

Dal 1 gennaio 2019 verrà introdotta una soglia di 10.000 euro annui al di sotto della quale gli operatori che prestano servizi di telecomunicazione, teleradio diffusione ed elettronici nei confronti di “privati consumatori” potranno applicare l’IVA nello Stato membro in cui sono stabiliti, evitando gli adempimenti oggi in vigore.

Normativa attuale

L’attuale normativa con riferimento ai servizi elettronici-commercio elettronico diretto resi nei confronti di privati consumatori residenti in altro paese UE, impone l’applicazione dell’IVA del paese ove è ubicato il consumatore/utilizzatore privato finale. 

Questo impone agli operatori UE o Extra UE con clienti privati nel mercato europeo di dotarsi di partita IVA in ciascun paese o aderire al cosiddetto sistema MOSS (Mini One Stop Shop). L’opzione per il MOSS consente alle aziende di non doversi identificare in tutti gli Stati membri in cui sono domiciliati i clienti, registrandosi, invece, presso un’unica autorità, coincidente con quella di propria identificazione fiscale, la quale costituirà il punto di riferimento per tutti gli adempimenti IVA.

Novità e semplificazioni fiscali 2019

Le semplificazioni fiscali in vigore dal 2019 permetteranno alle aziende che prestano servizi per importi sotto la soglia annuale di Euro 10.000 di fatturare applicando l’IVA nazionale.

Inoltre dal 2019 la disciplina del MOSS sarà estesa ai soggetti passivi che prestano servizi di telecomunicazione, teleradiodiffusione ed elettronici, se non sono stabiliti nella UE, ma registrati ai fini IVA in un Paese membro. Sempre per sistema MOSS il termine di presentazione della dichiarazione trimestrale sarà differita dal giorno 20 al giorno 30 del mese successivo al trimestre di riferimento. Le regole di fatturazione seguiranno quelle del paese in cui si è ubicati.
Bisognerà attendere sino al 2022 per l’applicazione delle nuove regole IVA relative al commercio elettronico indiretto (relativo alla vendita online a privati di beni). A partire da tale data saranno abolite le soglie attuali di Euro 35.000/100.000, introducendo l’obbligo di applicare l’IVA del paese del consumatore (sopra soglia di euro 10.000) estendendo a tale forma di commercio online il sistema MOSS sopra descritto.
Verranno introdotte novità anche per le importazioni di beni di valore non superiore a 150 euro con possibilità di nominare un intermediario stabilito nella UE che adempia agli obblighi d’imposta per conto del cedente. Pertanto sarà eliminata l’attuale franchigia che esclude l’applicazione dei dazi doganali e dell’IVA in sede di importazione di beni di valore non superiore a 22 euro.

Gian Luca Giussani
 

Fiscalità
Rimborso IVA UE
Procedura di Rimborso Iva Ue
Per chiedere a un altro Stato comunitario il rimborso dell’Iva pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020 nell’esercizio di attività economica, il contribuente italiano deve presentare domanda di rimborso, entro il 30 settembre, all’Agenzia delle Entrate.
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Il DM 21 giugno 2021 (in Gazzetta Ufficiale 15 luglio 2021, n. 168), da attuazione alle disposizioni dell'articolo 12 del decreto-legge n.
E-commerce – importazioni
E-commerce – importazioni
Dal primo luglio 2021 sono intervenute importanti modifiche alle importazioni effettuate attraverso l’e-commerce. Forniamo alcuni chiarimenti sul nuovo sistema.
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
La sugar tax, imposta gravante sulla vendita di bevande edulcorate, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Dal 1° luglio 2021, si applicherà una nuova disciplina, per le vendite on line nei confronti dei consumatori finali, ai fini Iva.
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.