Riforme economiche a Cuba

di lettura

Cuba introduce una legge sugli investimenti che prevede incentivi fiscali e inaugura un'Area di libero scambio.

Riforme economiche a Cuba

La nuova legge sugli investimenti varata dal Parlamento cubano, che sostituisce quella introdotta vent'anni fa da Fidel Castro, rappresenta un'ulteriore progresso nella liberalizzazione dell’economia.

Negli ultimi anni sono state create 500.000 piccole nuove attività nel settore privato da parte dei residenti e annunciate nuove riforme, quale l’abolizione del doppio sistema valutario.

Cuba ha bisogno di capitali stranieri e di tecnologie innovative per rilanciare il proprio sistema produttivo ed è pronta a offrire maggiori garanzie giuridiche e incentivi fiscali agli investimenti.

Ad eccezione di difesa, salute ed istruzione, gli investimenti stranieri a Cuba saranno possibili in tutti i settori nell’ambito di un regime che consente il rimpatrio dei profitti.

Il nuovo testo non solo autorizza esplicitamente l’esistenza sull’isola di progetti interamente finanziati da capitali stranieri, ma prevede anche un taglio alle tasse sui profitti delle società straniere dal 50% circa al 15%, a eccezione delle compagnie che si occupano di sfruttamento delle risorse naturali.

Inoltre viene introdotta per le società straniere un’esenzione dal pagamento delle tasse per i primi otto anni di attività in territorio cubano e si prevede un’esenzione dall’imposta sul reddito per singoli imprenditori.

Verranno inoltre rimossi gli ostacoli burocratici all'importazione ed esportazione di macchinari per l'industria. Rimane per le aziende straniere il divieto di assumere direttamente dipendenti cubani (un’agenzia statale fa da tramite tra domanda e offerta di lavoro).

Il responsabile dell’attuazione delle riforme, Marino Murillo, ha affermato che l’obiettivo della legge è l’aumento del 30% dei capitali esteri investiti, per un totale di più di 2 miliardi di dollari.

La nuova legge entrerà in vigore a fine giugno 2014.

Porto di Mariel: prima Zona di libero scambio cubana

Mariel è un porto per container, di fronte alla costa della Florida inaugurato a gennaio 2014, nel quale la multinazionale brasiliana Odebrecht ha investito circa 700 milioni di euro. 

Mariel, una volta terminato l’ampliamento del Canale di Panama, potrebbe trasformarsi in un importante hub, soprattutto nel caso in cui venga revocato l’embargo commerciale imposto più di cinquant’anni fa a Cuba dagli Stati Uniti.

La Bndes offrirà anche un nuovo credito di 290 milioni di dollari per sviluppare una zona industriale intorno a Mariel, tramite la quale Cuba spera di attrarre imprese straniere con agevolazioni fiscali.

Le imprese che opereranno nella Zona di libero scambio del Porto di Mariel potranno contare sulla sospensione, per dieci anni, di una tassa sui profitti del 12%, attualmente in vigore e su una maggiore flessibilità in materia doganale. Resta in vigore una tassa del 14% per i contributi sociali ai lavoratori.

Fiscalità

Le nuove linee guida di politica economica approvate dal governo cubano nell’aprile 2014 attribuiscono alla politica fiscale (che assicura il 64% dei ricavi totali dello Stato) i seguenti obiettivi

  • redistribuire il reddito per migliorare le condizioni di vita dei contribuenti
  • stimolare l'attività economica e l'efficienza della forza lavoro
  • innovare il modello di gestione economica.
Tag dell'informativa

Fiscalità
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.
VAT News: speciale commercio elettronico
VAT News: speciale commercio elettronico
Modifiche nel Regno Unito alle norme IVA sul commercio elettronico dal 1° gennaio 2021 e aggiornamenti sulla Digital Services Tax, imposta indiretta sulle vendite derivanti dal commercio elettronico e dai servizi digitali delle multinazionali internazionali.
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
La maggior parte dei paesi ha introdotto agevolazioni IVA per sostenere le imprese e i consumatori durante la crisi pandemica.
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.