San Marino esce dalla Black list: quali conseguenze nello Spesometro?

di lettura

L'attesa fuoriuscita di San Marino dall’elenco dei Paesi Black list riduce il numero di comunicazioni da fare e cambia la compilazione dello Spesometro.

San Marino esce dalla Black list: quali conseguenze nello Spesometro?

Grazie alle riforme in materia di anonimato societario e segreto bancario fatte su pressione degli organismi economici internazionali, San Marino con il D.M. dell’Economia del 12 febbraio 2014 - pubblicato il successivo 24 febbraio sulla Gazzetta Ufficiale n. 45 - esce definitivamente dall’elenco italiano degli Stati in Black list.

Ciò significa che tutte le operazioni svolte con qualsiasi operatore San Marinese fino al giorno 23 febbraio seguono le vecchie prescrizioni in materia di Comunicazioni dei dati Black list (l’errore più comune è considerare la data spartiacque quella del 12 febbraio), ma dal giorno successivo tutte le operazioni andranno inserite nel quadro SE dello Spesometro.

A differenza di quanto avvenuto nel 2010 per Malta, Cipro e Corea del Sud, per la fuoriuscita  dall’elenco di San Marino non è stato previsto alcun periodo transitorio e di conseguenza è importante analizzare la data di emissione della fattura dell’operatore san marinese oppure verso lo stesso per identificare il corretto trattamento da adottare.

Se il  vecchio obbligo prevedeva l’esclusione dalle Comunicazioni Black list delle operazioni di importo inferiore ad € 500, ora questo principio non vale più; non essendo più nella “lista nera” tutte le operazioni, indipendentemente dall’importo, confluiranno nel quadro SE dello Spesometro da inviare annualmente assieme alle altre operazioni dell’anno.

Le operazioni da e verso San Marino sono uno dei rari casi di semplificazione concessi dal Legislatore nazionale nell’ultimo anno:

  • è stata prima eliminata la raccomandata diretta all’Agenzia delle Entrate con la quale si comunicavano gli estremi di registrazione delle operazioni fatte con la Repubblica del Titano (adempimento anacronistico e duplicato della Comunicazione Black List)
  • lo scorso febbraio tali operazioni sono state escluse dalle Comunicazioni Black List.

E’ solo il caso di ricordare che anche antecedentemente al 24 febbraio i costi sostenuti per gli acquisti di beni o servizi da aziende stabilite nella Repubblica di San Marino non dovevano essere indicate esplicitamente nella dichiarazione dei redditi (lo stesso principio vale anche per il Lussemburgo), pur essendo costi sostenuti in Paesi cd. Black List; la fuoriuscita dall’elenco non comporta, quindi, alcuna differenza per la compilazione del modello Unico dell’impresa acquirente.

In merito alle vendite di beni e servizi verso San Marino permane l’obbligo di vidimazione da parte dell’ufficio San marinese, così come per gli acquisti provenienti da quello Stato.

Nessun cambiamento è intervenuto neanche in merito all’imposta di bollo da applicare sui compensi per le prestazioni di agenzia, di rappresentanza, di commercio, per prestazioni pubblicitarie e di elaborazione dati percepite dalle imprese italiane, imposta nata nel 2011 che rappresenta un costo aggiuntivo per gli operatori italiani che non possono più recuperare tali somme applicando il meccanismo previsto dall’art. 165 del Tuir.

Nessuna modifica è intervenuta, infine, in merito alle modalità di registrazione delle fatture da e verso San Marino a seguito della fuoriuscita dall’elenco.

Elio Gambardella

Tag dell'informativa

Fiscalità
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.
VAT News: speciale commercio elettronico
VAT News: speciale commercio elettronico
Modifiche nel Regno Unito alle norme IVA sul commercio elettronico dal 1° gennaio 2021 e aggiornamenti sulla Digital Services Tax, imposta indiretta sulle vendite derivanti dal commercio elettronico e dai servizi digitali delle multinazionali internazionali.
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
La maggior parte dei paesi ha introdotto agevolazioni IVA per sostenere le imprese e i consumatori durante la crisi pandemica.
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.