Il sistema fiscale della Nigeria

di lettura

La Nigeria è composta da 36 Stati. Il sistema fiscale è basato su imposte federali, statali e comunali. Esistono delle Free Trade Zones esenti da ogni imposta sul reddito.

Il sistema fiscale della Nigeria

Imposte dirette

Tassazione delle persone fisiche

La tassazione è progressiva e prevede i seguenti scaglioni di reddito e relative aliquote:

Reddito imponibile (*)

  • fino a NGN 300,000: Aliquota 7%
  • N 300,001 – N 600,000: 17%
  • N 600,001 – N 1,110,000: 15%
  • N 1,100,001 – N 1,600,000: 19%
  • N 1,600,000 – N 3,200,000: 21%
  • Maggiore di N 3,200,000: 24%

(*) Cambio: 1 Euro = 215 Naira Nigeriani circa.

I soggetti residenti sono tassati sui redditi ovunque prodotti mentre i non residenti continuano ad essere tassati in Nigeria solo sui redditi ivi prodotti (normalmente mediante ritenuta alla fonte).

Una persona fisica è considerato residente fiscalmente in Nigeria se trascorre più di 183 giorni all’anno sul territorio.

Tassazione delle persone giuridiche

L'imposta sulle persone giuridiche riguarda tutte le società, le imprese e le aziende che hanno la loro sede in Nigeria. Il sistema fiscale si basa sul principio della “sede fissa” sul territorio nigeriano per le imprese di diritto locale e sul principio della “stabile organizzazione” per le imprese straniere che operano in Nigeria. L'aliquota ordinaria è pari al 30%.

Per le società che operano nel campo petrolifero, essa può variare fino all'85% (riduzione al 65,75% nei primi cinque anni di attività e al 50% se le operazione sono svolte attraverso accordi di collaborazione).

In alternativa, si applica una Minimum Tax calcolata sul volume d’affari, patrimonio o reddito. In particolare:

  • se il fatturato è inferiore a NGN 500.000 (Euro 2.300,00 circa) l’imposta minima da versare sarà pari alla maggiore tra: 0,5% dell’utile, 0,5% delle immobilizzazioni nette, 0,25% del capitale versato o lo 0,25% del fatturato
  • qualora il fatturato sia maggiore di NGN 500.000 è dovuta un’addizionale pari allo 0,125% sulla differenza.

La Minimum Tax non è dovuta nei primi quattro anni di attività e per le imprese che svolgono attività nel settore agroalimentare in joint venture con società straniere.

Sono previste Imposte sull’educazione pari al 2% del reddito imponibile selle società. I contributi sociali sono pari al 15% del monte salari.

Sono previste numerose esenzioni fiscali (imposta a zero) per le imprese straniere che investono in Nigeria nel settore manifatturiero o in settori ritenuti strategici (quasi tutti). Sono previste riduzioni fiscali per attività di ricerca e sviluppo.

Esistono delle Free Trade Zones esenti da ogni imposta sul reddito. A tale proposito sono state create due apposite autorità competenti:

  • la Nigerian Export Processing Zone Authority (NEPZA)
  • la Oil & Gas Free Zone Authority (OGFZA – specifica per il settore petrolifero).

Imposta sul Valore Aggiunto

L'imposta sul valore aggiunto riguarda lo scambio di beni e di prestazioni di servizi. L'aliquota ordinaria è pari al 5%. Ci sono dei beni e dei servizi esenti dal pagamento di questa tassazione come i medicinali, i servizi sanitari e tutti gli alimenti di base.

Imposte e ritenute varie

Imposte sul Capital Gain pari al 10% (esente gli scambi azionari).

Ritenute d’imposta pari a:

  • 10% su dividendi, interessi e royalty (salvo applicazione convenzione contro le doppie imposizioni)
  • 10% per le prestazioni di assistenza tecnica, management, commissioni, canoni affitto.

Gian Luca Giussani

 

Tag dell'informativa

Fiscalità
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
L’Agenzia delle Entrate ha fornito risposta a un interpello inerente alle nuove prove di avvenuta consegna intracomunitaria, ponendosi come obiettivo quello di semplificare il complesso sistema probatorio fornito dal Regolamento comunitario in vigore dal 1° gennaio 2020.