Tassazione delle filiali in Cina (Ires)

di lettura
Come trattare le voci di costo delle filiali attive sul territorio cinese ai fini della dichiarazione dell’IRES (imposta sui redditi societari)? Quali criteri di deduzione e detrazione seguire? Che aliquota di allocazione tra le filiali adottare?

Spese pubblicitarie e promozionali

I costi pubblicitari e promozionali possono essere dedotti fino ad un massimo del 15% del totale delle vendite commerciali relative allo stesso anno (salvo diversa disposizione da parte del dipartimento fiscale dello State Council). L’ammontare in eccesso può essere dedotto nell’anno successivo.

Spese di rappresentanza della società

Per le spese di rappresentanza sostenute dall’azienda e relative alle sue attività operative e di produzione, solo il 60% di tali spese può essere detratto, tuttavia la quota massima di deduzione non deve superare lo 0.5% delle vendite commerciali dello stesso anno.

Donazioni

Le donazioni per beneficenza sostenute dalla società sono deducibili sino al 12% degli utili.

Spese di assicurazione commerciale

I premi per le polizze assicurative commerciali pagati dalla società per i suoi investitori o dipendenti non sono deducibili, ad eccezione delle polizze per la sicurezza del personale pagate dall’azienda (in virtù delle regolamentazioni statali) per i suoi lavoratori che conducono particolari lavori di produzione nonché i premi per altre polizze commerciali che possono essere deducibili secondo i regolamenti fissati dal dipartimento fiscale dello State Council.

Spese di sponsorizzazione

Le spese di sponsorizzazione non sono deducibili se sono di natura non pubblicitaria e se non sono rilevanti alle operazioni commerciali.

Spese di formazione dello staff

I costi per la formazione dei dipendenti sostenuti dall’azienda possono essere dedotti fino al 25% del totale dei salari. L’ammontare in eccesso può essere protratto negli anni seguenti.

Accantonamenti

Gli accantonamenti non sono generalmente deducibili.

Fondi di riserva

Tali fondi sono deducibili qualora appartengano a fondi speciali dedicati alla protezione ambientale.

Management fees

I management fees pagati fra imprese, i canoni d’affitto e le royalties pagati fra unità operative o società nonché gli interessi pagati fra collegate di un’azienda, che non sia una banca, non sono deducibili.

Interessi passivi tra società del gruppo

Vi sono due articoli nella nuova legge sulla Corporate Income Tax (CIT) che si riferiscono alla deduzione degli interessi passivi per i debiti originati da società del gruppo:

  1. interessi passivi sui prestiti da società non finanziarie da parte di una società non finanziaria: la parte in eccesso sull’ammontare calcolato in riferimento al tasso d’interesse di simili prestiti con lo stesso termine forniti da istituzioni finanziarie, non è deducibile
  2. interessi passivi che superano un certo rapporto d’indebitamento non possono essere dedotti nel calcolo del reddito imponibile. Il rapporto è 5:1 per le imprese finanziarie e 2:1 per le altre imprese (Circolare Caishui 2008 n. 121).

Ai sensi della Circolare n. 121, “qualora la documentazione di supporto per le transazioni di una società del gruppo non sia disponibile, o l’aliquota della CIT effettiva sia superiore all’aliquota della società del gruppo presente sul territorio cinese, solo gli interessi che soddisfano il sopramenzionato criterio possono essere dedotti. Qualora la documentazione di supporto per le transazioni di una società del gruppo sia disponibile o l’aliquota della CIT effettiva non sia superiore all’aliquota della società del gruppo presente sul territorio cinese, allora gli interessi passivi possono essere dedotti nonostante la limitazione dell’aliquota.

Immobilizzazioni

Il periodo di utilizzo deve essere superiore ai 12 mesi, anche se, rispetto alla precedente legislazione fiscale, non vi è un obbligo di valore minimo.
Vi è maggiore flessibilità sul valore residuo, poiché può essere determinato sulla base della natura degli asset e delle relative condizioni.

Ad eccezione degli aerei, dei treni e delle navi, per tutti gli altri tipi di mezzi di trasporto vengono considerati 4 anni di ammortamento; per le apparecchiature elettroniche, 3 anni.
Qualora gli assets debbano essere aggiornati frequentemente per miglioramenti tecnologici, il periodo di ammortamento può essere più breve (limitato al 60% del periodo di ammortamento minimo previsto dalla legge).

Quali imprese devono conformarsi alle regolamentazioni sulle dichiarazioni dell’IRES per le filiali?

Le imprese residenti che hanno filiali localizzate in diverse province, regioni autonome o municipalità devono conformarsi alle regolamentazioni sulle dichiarazione dell’IRES per le filiali.
Se un dipartimento ha una funzione manifatturiera indipendente o un reddito operativo e la remunerazione dei dipendenti e degli asset può essere separata dal dipartimento di gestione, allora tale può essere considerato come filiale e inoltrare la relativa dichiarazione provvisoria IRES.

Unità non incluse

  • Filiali di terzo livello che sono supervisionate da filiali di secondo livello
  • Filiali riconosciute come piccole e di profitti ridotti nell’anno precedente
  • Nuove filiali e filiali non registrate
  • Filiali ausiliarie e senza capacità manifatturiere indipendenti.

Quando sede centrale e filiali sono in luoghi con diverse aliquote IRES

Le sedi centrali devono innanzitutto calcolare il reddito imponibile totale per l’azienda, di cui il 50% deve essere dichiarato dalla sede centrale e il 50% allocato fra le filiali. Le diverse aliquote dell’IRES saranno poi applicate al reddito imponibile rispettivamente per la sede centrale e per le filiali.

Quando l’IRES deve essere prepagata da una filiale a livello locale

Se l’IRES deve essere prepagata da una filiale a livello locale, dovrà essere calcolata usando il 50% dell’IRES pagabile dall’azienda per l’aliquota di allocazione per la filiale.

Aliquota di allocazione per le filiali

Tre sono i fattori utilizzati nel calcolo dell’aliquota di allocazione per la dichiarazione provvisoria dell’IRES per la filiale: i redditi, i salari e gli assets. Per i sei mesi iniziali, il valore dei tre fattori deve essere calcolato sul valore di due anni prima.

Ad esempio, per calcolare l’ammontare della dichiarazione IRES per la filiale per il periodo gennaio-giugno 2009 viene utilizzato il valore del 2007; mentre per gli ultimi sei mesi, i valori utilizzati per i tre fattori devono essere generati dall’anno precedente, nel caso appena citato quindi il 2008. Vengono applicati ai tre fattori rispettivamente le percentuali 35%, 35% e 30%.

Aliquota di allocazione = profitti totali della filiale / profitti totali di tutte le filiali 35% + totale dei salari della filiale / totale dei salari di tutte le filiali 35% + totale degli asset della filiale / totale degli asset di tutte le filiali 30%.

La sede centrale può essere considerata “filiale virtuale”?

In certe regioni della Cina, i quartier generali sono inclusi nel calcolo dell’aliquota di allocazione per l’IRES delle filiali. Pertanto, il valore dei profitti totali, dei salari e degli asset, non solo includono le filiali, ma anche i valori della sede centrale che viene così considerata come una “filiale virtuale”.

Ad ogni modo, la scelta di utilizzare tale calcolo dipende dall’ufficio delle imposte a cui la sede centrale dell’azienda deve rispondere per cui un confronto con gli ufficiali locali potrà chiarire ogni dubbio.

Le sedi centrali devono presentare la dichiarazione delle imposte annuale (riconciliazione IRES), mentre le filiali non sono autorizzate a farlo. Qualora siano state versate più o meno tasse nel corso dell’anno, è compito della sede centrale ottenere un rimborso o pagare debiti d’imposta aggiuntivi.

Sabrina Zhang
In collaborazione con China Briefing

Tag dell'informativa

Fiscalità
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
L’Agenzia delle Entrate ha fornito risposta a un interpello inerente alle nuove prove di avvenuta consegna intracomunitaria, ponendosi come obiettivo quello di semplificare il complesso sistema probatorio fornito dal Regolamento comunitario in vigore dal 1° gennaio 2020.
VAT - News: speciale provvedimenti anti-Covid 19
VAT - News: speciale provvedimenti anti-Covid 19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito dell'emergenza Covid-19, da: Spagna, Danimarca, Cipro, Turchia, Belgio e Romania.
Direttiva europea ATAD2: pacchetto antielusione
Direttiva europea ATAD2: pacchetto antielusione
In un contesto di emergenza sanitaria ed economica, come quello che stiamo vivendo, le imprese a breve si troveranno a dover affrontare con i propri consulenti, anche  l’impatto delle norme dettate dalla direttiva ATAD2. 
IVA - Vat News: Speciale provvedimenti IVA Covid-19
VAT - News: provvedimenti IVA Covid-19
Nella pubblicazione periodica di Unioncamere lombardia le novità in tema di IVA introdotte dai principali Paesi europei per l'emergenza Coronavirus.