Territorialità IVA: Cessioni UE di beni con lavorazione di rifinitura effettuata in uno Stato Comunitario

di lettura

La recente sentenza della Corte di Giustizia UE del 2 ottobre 2014 relativa alla causa C-446/13 in tema di cessioni intracomunitarie non imponibili con lavorazione all’estero, ci consente di approfondire una tematica che si pone frequentemente agli operatori.

Territorialità IVA: Cessioni UE di beni con lavorazione di rifinitura effettuata in uno Stato Comunitario

Il caso affrontato dalla Corte di Giustizia riguarda una cessione, da parte di una società italiana ad una francese, di beni, sui quali il cedente ha fatto realizzare lavori di rifinitura nello Stato del cessionario, prima dell’invio a destinazione.

La vicenda al centro della controversia

Una società italiana, nella fattispecie una fonderia, aveva venduto pezzi metallici a una società con sede sociale in Francia ma, prima della cessione, li aveva spediti per proprio conto ad un’altra società straniera, perché realizzasse lavori di verniciatura e li inviasse poi direttamente all’acquirente finale in Francia.

La sentenza verte sulla richiesta di rimborso presentata dalla società italiana all’Amministrazione francese per l’IVA addebitatagli dal terzista per i lavori di verniciatura. Trattandosi di un'operazione antecedente al 2010, la prestazione risultava rilevante in Francia, oggi con la nuova normativa lo sarebbe in Italia (operazione non imponibile in Francia, imponibile nel paese del committente, cioè Italia). La sostanza tuttavia non cambia, se un operatore italiano sostiene altri costi con IVA a suo carico, nel Paese in cui sono ceduti i prodotti ottenuti dalla lavorazione, per chiedere il rimborso dell’imposta.
La società italiana aveva chiesto all’Amministrazione francese il rimborso dell’imposta pagata al verniciatore. La suddetta istanza era stata respinta dalle autorità locali in quanto il diritto al rimborso viene meno a fronte del compimento di operazioni territorialmente rilevanti ai fini IVA nello stato del rimborso (Francia). L’istante avrebbe potuto avvalersi del rimborso solo mediante la nomina di un rappresentante fiscale, avendo effettuato una cessione imponibile in loco.

L’operatore italiano aveva invece operato nel seguente modo:

  • Operatore italiano fattura al cliente francese la cessione intracomunitaria (prezzo di vendita comprensivo dei lavori di rifinitura)

  • Prestatore francese fattura con TVA (iva francese) a operatore italiano la prestazione di servizio.

Come sopra specificato, nella fattispecie, la trasformazione del bene veniva effettuata da un terzo operatore nello stato membro (Francia) in cui l’acquirente è stabilito.
Si segnala come ai sensi dell’art. 41 c. 3 del DL 331/93 l’invio dei beni dal territorio italiano a quello di un altro stato Ue non è assimilato ad una cessione intracomunitaria, nel caso in cui tali beni vengano inviati per essere sottoposti ad operazioni di perfezionamento o di manipolazioni usuali.

Operazioni di perfezionamento

Per "operazioni di perfezionamento" in base all’art. 5 Regolamento UE 09.10.2013 n. 952 si considerano:

  • la lavorazione di merci, compresi il loro montaggio, il loro assemblaggio e il loro adattamento ad altre merci

  • la trasformazione di merci

  • la distribuzione di merci

  • la riparazione di merci, compresi il loro riattamento e la loro messa a punto

  • utilizzazione di merci che non si ritrovano nei prodotti trasformati, ma che ne permettono o facilitano l’ottenimento, anche se scompaiano totalmente o parzialmente nel processo di trasformazione (accessori per la produzione).

Inoltre le merci possono essere oggetto di manipolazioni usuali intese a garantirne la conservazione, a migliorarne la presentazione o la qualità commerciale o a prepararne la distribuzione o la rivendita (art. 220 del suddetto regolamento UE).

Decisione della Corte

L’aspetto della sentenza che merita di essere approfondito riguarda la territorialità IVA della sopradescritta operazione di cessione.
Secondo i giudici del Lussemburgo, il luogo di una cessione di beni si reputa situato, ai sensi dell’art. 8 paragrafo 1, lettera a), della sesta direttiva, nel "luogo in cui il bene si trova al momento iniziale della spedizione o del trasporto a destinazione dell’acquirente". Avendo il contratto di vendita ad oggetto la cessione di prodotti finiti, i suddetti si conformano al contratto solo dopo la lavorazione effettuata in Francia; pertanto i "beni finiti si trovavano già al momento iniziale della spedizione o del trasporto a destinazione dell’acquirente", in Francia.
Secondo la Corte infatti, "un fornitore di beni, quando spedisce questi ultimi a un prestatore incaricato di lavori di rifinitura, non trasferisce all’acquirente il potere di disporre dei beni di cui trattasi come proprietario. Una siffatta spedizione mira unicamente a rendere i beni di cui trattasi conformi agli obblighi contrattuali del fornitore affinché possa aver luogo la successiva cessione all’acquirente".

Il luogo della cessione quindi si deve considerare il territorio francese e pertanto la cessione del prodotto, di cui si tratta nella sentenza, è una operazione interna in Francia e non una cessione intracomunitaria.

Conclusioni

La sentenza è conforme con il disposto normativo italiano.
In sintesi le conseguenze dell’operazione sono l’irrilevanza dell’operazione di vendita al cliente francese, la quale risulta essere territorialmente rilevante in Francia ai sensi dell’art.7-bis D.P.R 633/72.
In relazione a quanto detto si realizzeranno:

  • una cessione a sé stessi in Francia, senza effetto traslativo della proprietà ai sensi dell’art. 41 comma 2 lett. C) del DL 331/93 (nomina rappresentante fiscale o identificazione diretta);

  • una cessione interna al cliente francese, mediante nomina del rappresentante fiscale o identificazione diretta del soggetto italiano;

  • una prestazione di servizi (lavori di verniciatura) rilevante ai fini IVA nei confronti del committente italiano.

Alberto Perani

Tag dell'informativa

Fiscalità
VAT News: speciale commercio elettronico
VAT News: speciale commercio elettronico
Modifiche nel Regno Unito alle norme IVA sul commercio elettronico dal 1° gennaio 2021 e aggiornamenti sulla Digital Services Tax, imposta indiretta sulle vendite derivanti dal commercio elettronico e dai servizi digitali delle multinazionali internazionali.
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
La maggior parte dei paesi ha introdotto agevolazioni IVA per sostenere le imprese e i consumatori durante la crisi pandemica.
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.