Zone Franche Urbane

di lettura

Le Zone Franche Urbane (ZFU) sono aree infra-comunali di dimensione minima prestabilita dove si concentrano programmi di defiscalizzazione per favorire lo sviluppo economico e sociale.

Zone Franche Urbane

Le imprese interessate sono quelle localizzate all’interno del cosiddetto “Obiettivo Convergenza” (formato da Campania, Calabria e Sicilia) e nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia - Iglesias. Con il decreto interministeriale del 21 gennaio 2014 si è prevista l'applicazione delle agevolazioni fiscali anche alle Zone Franche Urbane ricadenti nel territorio della Regione Puglia.

Le agevolazioni fiscali e previdenziali trovano la loro definizione particolareggiata all’interno del Decreto Interministeriale 10 aprile 2013.

I requisiti richiesti alle imprese per accedere alle agevolazioni sono:

  • qualificarsi come micro o piccole imprese
  • essere già costituite alla data di presentazione dell’istanza e regolarmente iscritte al Registro delle Imprese
  • svolgere la propria attività all’interno della ZFU
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali.

Non possono essere concesse agevolazioni alle imprese in difficoltà ai sensi degli Orientamenti comunitari e a quelle attive nei seguenti settori:

  • pesca e acquacoltura
  • produzione primaria di prodotti agricoli
  • carboniero.

Per accedere alle agevolazioni è necessario avere un ufficio o locale destinato all’attività, anche amministrativa, all’interno della ZFU con almeno un lavoratore dipendente a tempo pieno o parziale che vi svolga la totalità delle ore, ovvero, che l’impresa realizzi almeno il 25% del proprio volume di affari da operazioni effettuate all’interno della ZFU.

Agevolazioni

Esenzione dalle imposte sui redditi, fino a concorrenza dell’importo di 100.000,00 € per periodo di imposta; nei limiti delle seguenti percentuali:

  • 100% per i primi cinque periodi di imposta
  • 60% per i periodi di imposta dal sesto al decimo
  • 40% per i periodi di imposta undicesimo e dodicesimo
  • 20% per i periodi di imposta tredicesimo e quattordicesimo.

Il limite viene innalzato fino di un importo fino a 5.000,00 € per periodo d’imposta, qualora l’impresa aumenti il numero di lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, tramite nuove assunzioni.

Esenzione dall’imposta regionale sulle attività produttive, per ciascuno dei primi cinque periodi di imposta (decorrenti da quello di accoglimento dell’istanza) è esentato il valore della produzione netta nel limite di 300.000,00 €.

Esenzione dall’imposta municipale propria per gli immobili siti nella ZFU, che siano posseduti e utilizzati dai soggetti per l’esercizio dell’attività d’impresa; è riconosciuta l’esenzione per i primi quattro anni a decorrere dal periodo di imposta di accoglimento dell’istanza.

Esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente, relativamente ai soli contratti a tempo indeterminato, ovvero a tempo determinato di durata non inferiore a 12 mesi, è riconosciuto nelle seguenti percentuali:

  • 100% per i primi cinque anni
  • 60% per gli anni dal sesto al decimo
  • 40% per gli anni undicesimo e dodicesimo
  • 20% per gli anni tredicesimo e quattordicesimo.

Zona Franca Urbana di Lecce

Dopo l’esclusione iniziale della Regione Puglia dall’“Obiettivo Convergenza”, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 4 aprile 2014, il decreto che prevede l’estensione del programma alla regione.

Vengono incluse le ZFU di Lecce e di altri 10 comuni pugliesi (Andria, Barletta, Foggia, Lucera, Manduria, Manfredonia, Molfetta, San Severo, Santeramo in colle e Taranto), con uno stanziamento complessivo di 60 milioni di euro.

In particolare, 5 milioni di euro sono stati stanziati per la città di Lecce, la cui Zona Franca comprende il perimetro all'interno delle zone denominate 167-A, 167-B e 167-C (“Contratto di Quartiere II Stadio e San Sabino”). Pertanto, dopo un lungo iter burocratico, con la delibera 186 della giunta comunale leccese, le ZFU diventano realtà e tra i beneficiari ci saranno imprese di nuova o recente costituzione e imprese sociali.

Nicolino Gentile

Fiscalità
VAT News: speciale commercio elettronico
VAT News: speciale commercio elettronico
Modifiche nel Regno Unito alle norme IVA sul commercio elettronico dal 1° gennaio 2021 e aggiornamenti sulla Digital Services Tax, imposta indiretta sulle vendite derivanti dal commercio elettronico e dai servizi digitali delle multinazionali internazionali.
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
Covid 19: modifiche aliquote IVA in vari Paesi
La maggior parte dei paesi ha introdotto agevolazioni IVA per sostenere le imprese e i consumatori durante la crisi pandemica.
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Plastic e Sugar tax: le novità in vigore dal 1° gennaio 2021
Dopo la recente entrata in vigore delle due discusse imposte procediamo a una rassegna normativa, in attesa dell’adozione dei Decreti attuativi del Ministero dell’Economica, per la sugar tax, e dell’Agenzia Dogane Monopoli, per la plastic tax.
VAT - News: Speciale Brexit
VAT - News: Speciale Brexit
Le novità IVA in Irlanda del Nord, Gran Bretagna e Regno Unito.
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
VAT-News: nuove misure anti Covid-19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito della pandemia, in: Turchia, Canada, Bulgaria, Portogallo, Croazia e Grecia.
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Guida pratica sulle novità Iva 2020 in ambito UE
Il Consiglio europeo il 4 dicembre 2018 ha adottato alcune misure applicabili dal 1° Gennaio 2020, le c.d. Vat quick fixes.
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.