Zone Franche Urbane

di lettura

Le Zone Franche Urbane (ZFU) sono aree infra-comunali di dimensione minima prestabilita dove si concentrano programmi di defiscalizzazione per favorire lo sviluppo economico e sociale.

Image

Le imprese interessate sono quelle localizzate all’interno del cosiddetto “Obiettivo Convergenza” (formato da Campania, Calabria e Sicilia) e nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia - Iglesias. Con il decreto interministeriale del 21 gennaio 2014 si è prevista l'applicazione delle agevolazioni fiscali anche alle Zone Franche Urbane ricadenti nel territorio della Regione Puglia.

Le agevolazioni fiscali e previdenziali trovano la loro definizione particolareggiata all’interno del Decreto Interministeriale 10 aprile 2013.

I requisiti richiesti alle imprese per accedere alle agevolazioni sono:

  • qualificarsi come micro o piccole imprese
  • essere già costituite alla data di presentazione dell’istanza e regolarmente iscritte al Registro delle Imprese
  • svolgere la propria attività all’interno della ZFU
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali.

Non possono essere concesse agevolazioni alle imprese in difficoltà ai sensi degli Orientamenti comunitari e a quelle attive nei seguenti settori:

  • pesca e acquacoltura
  • produzione primaria di prodotti agricoli
  • carboniero.

Per accedere alle agevolazioni è necessario avere un ufficio o locale destinato all’attività, anche amministrativa, all’interno della ZFU con almeno un lavoratore dipendente a tempo pieno o parziale che vi svolga la totalità delle ore, ovvero, che l’impresa realizzi almeno il 25% del proprio volume di affari da operazioni effettuate all’interno della ZFU.

Agevolazioni

Esenzione dalle imposte sui redditi, fino a concorrenza dell’importo di 100.000,00 € per periodo di imposta; nei limiti delle seguenti percentuali:

  • 100% per i primi cinque periodi di imposta
  • 60% per i periodi di imposta dal sesto al decimo
  • 40% per i periodi di imposta undicesimo e dodicesimo
  • 20% per i periodi di imposta tredicesimo e quattordicesimo.

Il limite viene innalzato fino di un importo fino a 5.000,00 € per periodo d’imposta, qualora l’impresa aumenti il numero di lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, tramite nuove assunzioni.

Esenzione dall’imposta regionale sulle attività produttive, per ciascuno dei primi cinque periodi di imposta (decorrenti da quello di accoglimento dell’istanza) è esentato il valore della produzione netta nel limite di 300.000,00 €.

Esenzione dall’imposta municipale propria per gli immobili siti nella ZFU, che siano posseduti e utilizzati dai soggetti per l’esercizio dell’attività d’impresa; è riconosciuta l’esenzione per i primi quattro anni a decorrere dal periodo di imposta di accoglimento dell’istanza.

Esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente, relativamente ai soli contratti a tempo indeterminato, ovvero a tempo determinato di durata non inferiore a 12 mesi, è riconosciuto nelle seguenti percentuali:

  • 100% per i primi cinque anni
  • 60% per gli anni dal sesto al decimo
  • 40% per gli anni undicesimo e dodicesimo
  • 20% per gli anni tredicesimo e quattordicesimo.

Zona Franca Urbana di Lecce

Dopo l’esclusione iniziale della Regione Puglia dall’“Obiettivo Convergenza”, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 4 aprile 2014, il decreto che prevede l’estensione del programma alla regione.

Vengono incluse le ZFU di Lecce e di altri 10 comuni pugliesi (Andria, Barletta, Foggia, Lucera, Manduria, Manfredonia, Molfetta, San Severo, Santeramo in colle e Taranto), con uno stanziamento complessivo di 60 milioni di euro.

In particolare, 5 milioni di euro sono stati stanziati per la città di Lecce, la cui Zona Franca comprende il perimetro all'interno delle zone denominate 167-A, 167-B e 167-C (“Contratto di Quartiere II Stadio e San Sabino”). Pertanto, dopo un lungo iter burocratico, con la delibera 186 della giunta comunale leccese, le ZFU diventano realtà e tra i beneficiari ci saranno imprese di nuova o recente costituzione e imprese sociali.

Nicolino Gentile

Fiscalità
Rimborso IVA UE
Procedura di Rimborso Iva Ue
Per chiedere a un altro Stato comunitario il rimborso dell’Iva pagata sugli acquisti di beni e servizi effettuati nel 2020 nell’esercizio di attività economica, il contribuente italiano deve presentare domanda di rimborso, entro il 30 settembre, all’Agenzia delle Entrate.
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Operazioni da e verso San Marino: approvate regole per emissione fattura elettronica
Il DM 21 giugno 2021 (in Gazzetta Ufficiale 15 luglio 2021, n. 168), da attuazione alle disposizioni dell'articolo 12 del decreto-legge n.
E-commerce – importazioni
E-commerce – importazioni
Dal primo luglio 2021 sono intervenute importanti modifiche alle importazioni effettuate attraverso l’e-commerce. Forniamo alcuni chiarimenti sul nuovo sistema.
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
Sugar tax attuabile dal 1° gennaio 2022
La sugar tax, imposta gravante sulla vendita di bevande edulcorate, entrerà in vigore il 1° gennaio 2022.
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Il ruolo del marketplace ai fini Iva nelle vendite a distanza
Dal 1° luglio 2021, si applicherà una nuova disciplina, per le vendite on line nei confronti dei consumatori finali, ai fini Iva.
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
Nuovo sportello Unico Iva (OSS) per le vendite on line
A decorrere dal 1° luglio 2021, nel comparto del commercio elettronico indiretto, avverrà una vera e propria rivoluzione ai fini Iva.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno aggiornato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
E-commerce: nuovo regime per importazione merci di modico valore (IOSS)
Il 2021 sarà foriero di novità importanti in ambito iva e dogane, con alcune semplificazioni che agevoleranno le piccole e medie imprese nell’accesso all’e-commerce.
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Brexit: identificazione soggetti passivi nell’Irlanda del nord
Dal 1° gennaio 2021 il Regno Unito non è più parte del territorio doganale e fiscale (IVA e accise) dell'Unione Europea.
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Operazioni triangolari: chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate
Secondo l’Agenzia delle Entrate (risposta n. 580 del 10 dicembre 2020) è salvaguardato il regime di non imponibilità previsto dall’articolo 8, c. 1, lett.