Zone Franche Urbane

di lettura

Le Zone Franche Urbane (ZFU) sono aree infra-comunali di dimensione minima prestabilita dove si concentrano programmi di defiscalizzazione per favorire lo sviluppo economico e sociale.

Zone Franche Urbane

Le imprese interessate sono quelle localizzate all’interno del cosiddetto “Obiettivo Convergenza” (formato da Campania, Calabria e Sicilia) e nel territorio dei comuni della provincia di Carbonia - Iglesias. Con il decreto interministeriale del 21 gennaio 2014 si è prevista l'applicazione delle agevolazioni fiscali anche alle Zone Franche Urbane ricadenti nel territorio della Regione Puglia.

Le agevolazioni fiscali e previdenziali trovano la loro definizione particolareggiata all’interno del Decreto Interministeriale 10 aprile 2013.

I requisiti richiesti alle imprese per accedere alle agevolazioni sono:

  • qualificarsi come micro o piccole imprese
  • essere già costituite alla data di presentazione dell’istanza e regolarmente iscritte al Registro delle Imprese
  • svolgere la propria attività all’interno della ZFU
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali.

Non possono essere concesse agevolazioni alle imprese in difficoltà ai sensi degli Orientamenti comunitari e a quelle attive nei seguenti settori:

  • pesca e acquacoltura
  • produzione primaria di prodotti agricoli
  • carboniero.

Per accedere alle agevolazioni è necessario avere un ufficio o locale destinato all’attività, anche amministrativa, all’interno della ZFU con almeno un lavoratore dipendente a tempo pieno o parziale che vi svolga la totalità delle ore, ovvero, che l’impresa realizzi almeno il 25% del proprio volume di affari da operazioni effettuate all’interno della ZFU.

Agevolazioni

Esenzione dalle imposte sui redditi, fino a concorrenza dell’importo di 100.000,00 € per periodo di imposta; nei limiti delle seguenti percentuali:

  • 100% per i primi cinque periodi di imposta
  • 60% per i periodi di imposta dal sesto al decimo
  • 40% per i periodi di imposta undicesimo e dodicesimo
  • 20% per i periodi di imposta tredicesimo e quattordicesimo.

Il limite viene innalzato fino di un importo fino a 5.000,00 € per periodo d’imposta, qualora l’impresa aumenti il numero di lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, tramite nuove assunzioni.

Esenzione dall’imposta regionale sulle attività produttive, per ciascuno dei primi cinque periodi di imposta (decorrenti da quello di accoglimento dell’istanza) è esentato il valore della produzione netta nel limite di 300.000,00 €.

Esenzione dall’imposta municipale propria per gli immobili siti nella ZFU, che siano posseduti e utilizzati dai soggetti per l’esercizio dell’attività d’impresa; è riconosciuta l’esenzione per i primi quattro anni a decorrere dal periodo di imposta di accoglimento dell’istanza.

Esonero dal versamento dei contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente, relativamente ai soli contratti a tempo indeterminato, ovvero a tempo determinato di durata non inferiore a 12 mesi, è riconosciuto nelle seguenti percentuali:

  • 100% per i primi cinque anni
  • 60% per gli anni dal sesto al decimo
  • 40% per gli anni undicesimo e dodicesimo
  • 20% per gli anni tredicesimo e quattordicesimo.

Zona Franca Urbana di Lecce

Dopo l’esclusione iniziale della Regione Puglia dall’“Obiettivo Convergenza”, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 79 del 4 aprile 2014, il decreto che prevede l’estensione del programma alla regione.

Vengono incluse le ZFU di Lecce e di altri 10 comuni pugliesi (Andria, Barletta, Foggia, Lucera, Manduria, Manfredonia, Molfetta, San Severo, Santeramo in colle e Taranto), con uno stanziamento complessivo di 60 milioni di euro.

In particolare, 5 milioni di euro sono stati stanziati per la città di Lecce, la cui Zona Franca comprende il perimetro all'interno delle zone denominate 167-A, 167-B e 167-C (“Contratto di Quartiere II Stadio e San Sabino”). Pertanto, dopo un lungo iter burocratico, con la delibera 186 della giunta comunale leccese, le ZFU diventano realtà e tra i beneficiari ci saranno imprese di nuova o recente costituzione e imprese sociali.

Nicolino Gentile

Fiscalità
Base imponibile comune a livello UE
Base imponibile comune a livello UE
Per finanziare la ripresa post pandemia, a fine maggio la Commissione Europea ha presentato la base imponibile comune consolidata per l’imposta sulle società che potrebbe mettere fine alle storture economiche e fiscali dell’Unione Europea.
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Brexit: Guida sulle problematiche doganali e Iva
Unioncamere Lombardia e Regione Lombardia hanno pubblicato “Brexit: Guida pratica e scenari futuri in ambito doganale e Iva”.
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Guida pratica: triangolazioni e quadrangolazioni
Unioncamere Lombardia ha realizzato una nuova guida pratica sulle operazioni triangolari e sulle “transazioni a catena” a cui partecipano più di tre operatori, dislocati in più Stati (quadrangolazioni).
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Svizzera: trattamento degli accantonamenti straordinari per probabili perdite causate dalla pandemia
Dopo la crisi sanitaria, molte aziende chiudendo i conti relativi al periodo d’imposta 2019, ragionano sull’istituire nel bilancio d’esercizio un accantonamento per le conseguenze legate alla pandemia Covid-19.
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Prova cessioni intracomunitarie: nuovi chiarimenti dell’amministrazione finanziaria
Con la circolare n. 12/E del 12 maggio 2020, l’Agenzia delle Entrate torna a occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie, per chiarire la portata applicativa del Reg. Ue n. 282 del 2011, introdotto dal Reg. Ue n.
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prova cessioni intracomunitarie franco magazzino: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Con la risposta all’istanza di interpello n. 117, pubblicata il 23 aprile 2020, l’Agenzia delle entrate torna ad occuparsi della prova delle cessioni intracomunitarie il cui trasporto viene effettuato a cura, o a nome dell’acquirente.
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
Prove di avvenuta consegna intracomunitaria: i chiarimenti dell’Agenzia delle entrate
L’Agenzia delle Entrate ha fornito risposta a un interpello inerente alle nuove prove di avvenuta consegna intracomunitaria, ponendosi come obiettivo quello di semplificare il complesso sistema probatorio fornito dal Regolamento comunitario in vigore dal 1° gennaio 2020.
VAT - News: speciale provvedimenti anti-Covid 19
VAT - News: speciale provvedimenti anti-Covid 19
Scopri le novità IVA introdotte, a seguito dell'emergenza Covid-19, da: Spagna, Danimarca, Cipro, Turchia, Belgio e Romania.
Direttiva europea ATAD2: pacchetto antielusione
Direttiva europea ATAD2: pacchetto antielusione
In un contesto di emergenza sanitaria ed economica, come quello che stiamo vivendo, le imprese a breve si troveranno a dover affrontare con i propri consulenti, anche  l’impatto delle norme dettate dalla direttiva ATAD2. 
IVA - Vat News: Speciale provvedimenti IVA Covid-19
VAT - News: provvedimenti IVA Covid-19
Nella pubblicazione periodica di Unioncamere lombardia le novità in tema di IVA introdotte dai principali Paesi europei per l'emergenza Coronavirus.