Cina: certificazione CCC

Da quando è entrato in vigore in Cina il sistema di certificazione CCC (China Compulsory Certification) molti prodotti, per poter essere importati e commercializzati sul mercato locale, devono ottenere la certificazione e il marchio CCC, che unifica e sostituisce le due certificazioni obbligatorie preesistenti. Pubblichiamo l'elenco degli enti certificatori che rilasciano il marchio CCC.

IL PRIMO CATALOGO CCC

La CCC certifica gli standard di sicurezza, compatibilità elettromagnetica e protezione ambientale del prodotto.

I prodotti soggetti alla certificazione sono quelli inclusi nel primo catalogo CCC.

Al catalogo appartengono 19 categorie merceologiche, a loro volta suddivise in varie sottocategorie, disciplinate da un "regolamento di attuazione per la certificazione" che indica:

  • i prodotti interessati
  • le procedure di certificazione
  • la documentazione richiesta
  • le regole per l'applicazione del marchio.

Ricordiamo che i codici doganali non permettono di identificare con sicurezza i prodotti soggetti a certificazione, poiché a volte i codici cinesi non corrispondono a quelli italiani.

Le 19 categorie merceologiche del primo catalogo

1) cavi elettrici
2) interruttori, apparecchiature di protezione e di connessione
3) apparecchi elettrici a bassa tensione
4) motori elettrici frazionali
5) utensili elettrici
6) macchine saldatrici
7) elettrodomestici e similari
8) apparecchi audio / video
9) prodotti IT
10) apparecchiature per illuminazione
11) terminali per telecomunicazione
12) automobili e accessori per la sicurezza
13) pneumatici
14) vetri di sicurezza
15) macchine agricole
16) prodotti in lattice
17) apparecchiature elettro-medicali
18) equipaggiamenti antincendio
19) sensori per sistemi di allarme.

Nel caso in cui sia il prodotto che il suo componente appartengano al primo catalogo:

  • se il prodotto è già assemblato, il componente può non essere certificato (ma è comunque consigliabile la sua certificazione)
  • se il prodotto non è assemblato, il componente deve essere certificato.

Se il prodotto non rientra nel primo catalogo, mentre il suo componente ne fa parte, il prodotto già assemblato non deve essere certificato.

ENTI CERTIFICATORI

L'Organismo ufficiale di accreditamento è il CNCA (www.cnca.gov.cn), cui compete anche l'interpretazione ufficiale delle norme.
Gli enti accreditati a rilasciare la certificazione sono nove; tutti hanno sede in Cina. Nessuno di essi è competente per tutti i gruppi merceologici.
Esistono inoltre 137 agenzie autorizzate che svolgono un ruolo di collegamento tra il richiedente e gli enti certificatori.

Enti certificatori accreditati

Nome

Sede

 Web 

China Quality Certification Centre (CQC)

Beijing

link

China Certification Centre for Electromagnetic Compatibility (CEMC)

Beijing

link

China Public Security Prevention
and Certification Centre

Beijing

link

China Agricultural Machinery
Quality Certification Centre (CAM)

Beijing  

 

China Safety Glass Certification Center 

Beijing

 

China Tyres Products Accreditation
Committee Certification Centre

Beijing

 

China Latex Products
Quality Accreditation Centre

Zhuzhou

 

China Certification Center
for Fire Products (CCCF)

Beijing

link

China Certification Centre
for Automotive Products

Beijing

link

COME OTTENERE LA CERTIFICAZIONE

La CCC è una procedura ISO che prevede:

  • presentazione e accettazione della domanda di certificazione e della documentazione necessaria
  • prove di tipo
  • ispezione fabbrica preliminare
  • prove random
  • rilascio del certificato
  • ispezione fabbrica di routine.

Le vecchie certificazioni possono essere convertite nella CCC.
È anche possibile richiedere la certificazione CCC con il certificato e la relazione di prove CB.

ESENZIONI

In determinati casi i prodotti, pur appartenendo al primo catalogo, possono non essere certificati.

E' prevista l'esenzione automatica per i prodotti importati per esposizioni, fiere, presentazioni, ecc. non destinati alla commercializzazione.

Procedure particolari di esenzione sono inoltre previste per:

  • i prodotti destinati a prove o esperimenti
  • la componentistica importata per assemblaggio/lavorazione conto terzi, quando il prodotto finale è destinato interamente all'esportazione
  • i prodotti destinati alla riparazione/manutenzione oppure i ricambi di prodotti fuori produzione.

COSTI

Gli enti certificatori devono attenersi al tariffario unico nazionale. I costi possono variare in relazione alla lingua, alla collocazione geografica, ecc. dell'azienda richiedente.

In linea di massima, i costi sono i seguenti:

  • presentazione ed accettazione della richiesta: 600 RMB
  • prove di tipo (in base al prodotto): 1500-3000 RMB
  • verifica fabbrica preliminare: 3500 RMB per persona al giorno (durata media 1-5 gg.)
  • approvazione e rilascio del certificato: 800 RMB
  • registro di mantenimento annuo: 400 RMB
  • acquisto del marchio CCC (standard): 0,07 – 0,56 RMB cadauno
  • utilizzo del marchio: 1000 RMB all'anno.

Attualmente per ottenere la certificazione trascorrono circa sei mesi. A regime bisognerà probabilmente attendere tre mesi.

Informazioni:
Camera di Commercio Italo Cinese 
mail 
link 

CNCA 
link 

In vigore dal 1° agosto 2003
Dogane
Valore in dogana e Royalties: analisi normativa e novità giurisprudenziali
Valore in dogana e Royalties: analisi normativa e novità giurisprudenziali La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA Negli ultimi anni la Food & Drug Admnistration (FDA), Organismo statunitense preposto alla regolamentazione e al controllo dei prodotti alimentari ...
Operazioni doganali… non in dogana
Operazioni doganali… non in dogana Nell’articolo una panoramica della normativa italiana ed europea relativa alla gestione delle operazioni doganali presso le sedi dell’operatore economico.
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med Nell’ambito degli Accordi commerciali di libero scambio tra l’Unione europea egli altri Paesi o gruppi di Paesi accordatari, il documento normalmente utilizzato come “prova di origine” preferenziale è il certificato di circolazione EUR.
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017 Con il termine dual use (duplice uso) si identificano quei beni e quelle tecnologie che, pur essendo principalmente utilizzati per scopi civili, possono essere adoperati nella fabbricazione e sviluppo di diverse tipologie di armamenti.
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità L’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del D. Lgs.
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione La Commissione europea ha introdotto importanti modifiche alle disposizioni di applicazione del Codice Doganale dell’Unione, con particolare riguardo agli adempimenti connessi alla gestione dell’origine delle merci.
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari Il 13 dicembre 2016 è entrato in vigore l'obbligo di inserire la dichiarazione nutrizionale sulle etichette della quasi totalità dei prodotti alimentari, con le modalità disciplinate dal Regolamento UE n.
Sanzioni doganali e ravvedimento operoso
Sanzioni doganali e ravvedimento operoso La sanzione amministrativa che punisce l'irregolare dichiarazione di importazione è contenuta nell’art. 303 del TULD (DPR 43/73).