Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità

L’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del D. Lgs. 472/97, inizialmente previsto per i soli tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate, nasce come strumento utilizzabile dal contribuente per regolarizzare, spontaneamente, le violazioni, omissioni o irregolarità fiscali da lui commesse, beneficiando, pertanto, di una riduzione della sanzione irrogabile. 

Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità

Il contribuente, dunque, a seguito dell’autonomo riscontro dell’errore commesso, ha la facoltà di “ravvedersi”, procedendo al pagamento dei tributi richiesti e dei relativi interessi e regolarizzando la violazione mediante il pagamento in misura ridotta della sanzione connessa, di importo variabile, a seconda dalla tempestività del ravvedimento. 

Dal 2014, limitatamente ai tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate, l’esperibilità del ravvedimento operoso è stata estesa, consentendo al contribuente di farvi ricorso anche qualora gli accessi, le ispezioni, le verifiche o altre attività di accertamento amministrativo abbiano già avuto inizio. 

Dal 2016, grazie all’ampliamento del campo di applicazione del citato art. 13 ad opera del Dl fiscale 193/2016, l’istituto del ravvedimento ha fatto il suo ingresso anche in dogana, quale strumento adoperabile per la correzione delle irregolarità connesse al pagamento dei tributi doganali e delle accise, anche trascorsi due anni dalla data della dichiarazione doganale.

Per tali tributi, amministrati dall’Agenzia delle Dogane, il tradizionale strumento a disposizione dell’operatore per correggere eventuali errori commessi nell’espletamento delle formalità doganali, minimizzandone i rischi, è stato da sempre rappresentato dalla procedura della revisione dell’accertamento, su istanza di parte. Se attivata dall’operatore, questa gli consente di sanare tali errori, evitando l’irrogazione della sanzione, ma solo a condizione che l’autorità doganale non abbia già dato inizio ai controlli e le verifiche di sua competenza. 

Con le succitate novità legislative, invece, il contribuente oggi può decidere di “ravvedersi”, sia in presenza che in assenza di indagini da parte dell’autorità doganale. Egli ha difatti la facoltà di sanare l’errore da lui commesso, anche dopo l’inizio dei controlli doganali, avvalendosi così di una sostanziale riduzione della relativa sanzione doganale, di solito eccessivamente onerosa, se non addirittura sproporzionata. Ciò vuol dire che nel caso di constatazione della violazione, ovvero di accessi, ispezioni o verifiche, il contribuente può decidere di prestare acquiescenza alle pretese dell’Ufficio doganale, procedendo al pagamento del tributo richiesto e dei relativi interessi, unitamente alla sanzione in misura ridotta. Unico limite temporale massimo è rappresentato dalla notifica di avvisi di pagamento o atti di accertamento. 

Tuttavia, l’applicazione dell’istituto in questione in ambito doganale genera alcune perplessità.

  1. La determinazione del tributo dovuto a seguito di ravvedimento potrebbe non essere chiara, essendo talvolta dubbia la definizione dell’an e del quantum da parte dell’autorità, e rivelandosi dunque necessario ricorrere ad un contraddittorio con l’Ufficio doganale al fine di definire correttamente e in modo congiunto diritti, sanzioni ed interessi da corrispondere.
  2. Essendo il ravvedimento esperibile anche in assenza di indagini avviate dall’Amministrazione doganale, potrebbe determinarsi una sovrapposizione con la procedura della revisione dell’accertamento, per la quale occorre che la violazione non sia già stata contestata e comunque non siano iniziati i controlli o le attività di accertamento, delle quali i soggetti obbligati abbiano avuto formale conoscenza, ma che, a differenza del ravvedimento, prevede la non applicazione della sanzione. 
  3. Per quanto attiene al ravvedimento posto in essere nel corso di verifiche o accertamenti dell’autorità, il cui limite temporale è dato dalla notifica di avviso di pagamento o atto di accertamento al contribuente, sorgono diversi dubbi interpretativi circa la tipologia di atto amministrativo che, una volta notificato allo stesso, gli preclude la possibilità di ravvedersi. 

È chiaro, quindi, come il ravvedimento operoso in dogana possa agevolare gli operatori economici, riducendo le sanzioni doganali irrogabili, ma, in ogni caso, la scelta di utilizzare tale strumento deve essere oggetto di attenta valutazione, soprattutto in termini di convenienza economica e ottimizzazione di eventuali maggiori costi, anche in considerazione delle problematiche anzidette.

Tabella illustrativa sconti sulle sanzioni con relativi limiti temporali

NORMA DI RIFERIMENTOLIMITE TEMPORALE REGOLARIZZAZIONESANZIONI RIDOTTE
Art. 13, 1° comma, lett. aEntro 30 giorni da omesso versamento1/10 del minimo
Art 13, 1° comma, lett. a bisEntro 90 giorni da omissione o errore1/9 del minimo
Art. 13, 1° comma, lett. bOltre 90 giorni ma entro 1 anno da omissione o errore1/8 del minimo
Art. 13, 1° comma, lett. b bisEntro 2 anni da omissione o errore1/7 del minimo
Art. 13, 1° comma, lett. b terOltre 2 anni da omissione o errore1/6 del minimo

Giuseppe De Marinis

Dogane
Valore in dogana e Royalties: analisi normativa e novità giurisprudenziali
Valore in dogana e Royalties: analisi normativa e novità giurisprudenziali La base primaria per il valore in dogana delle merci (Articolo 70(1) CDU)  è il valore di transazione, cioè il prezzo effettivamente pagato o da pagare per le merci quando sono vendute per l'esportazione verso il territorio doganale dell'Unione, eventualmente adeguato.
Importazioni di alluminio: introduzione della vigilanza unionale preventiva
Importazioni di alluminio: vigilanza unionale preventiva Il 25 aprile 2018 la Commissione Europea ha adottato il regolamento di esecuzione (UE) 2018/640 che introduce una vigilanza unionale preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi (regolamento sulla vigilanza nel settore dell’alluminio).
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA
Esportare negli USA: Nuovi regolamenti FDA Negli ultimi anni la Food & Drug Admnistration (FDA), Organismo statunitense preposto alla regolamentazione e al controllo dei prodotti alimentari ...
Operazioni doganali… non in dogana
Operazioni doganali… non in dogana Nell’articolo una panoramica della normativa italiana ed europea relativa alla gestione delle operazioni doganali presso le sedi dell’operatore economico.
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med
Certificati di circolazione Eur.1 ed Eur-med Nell’ambito degli Accordi commerciali di libero scambio tra l’Unione europea egli altri Paesi o gruppi di Paesi accordatari, il documento normalmente utilizzato come “prova di origine” preferenziale è il certificato di circolazione EUR.
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017
Esportazione di beni a duplice uso: novità normative 2017 Con il termine dual use (duplice uso) si identificano quei beni e quelle tecnologie che, pur essendo principalmente utilizzati per scopi civili, possono essere adoperati nella fabbricazione e sviluppo di diverse tipologie di armamenti.
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità
Ravvedimento operoso in ambito doganale: novità L’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del D. Lgs.
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione
Codice Doganale dell’Unione: modifiche alle disposizioni di applicazione La Commissione europea ha introdotto importanti modifiche alle disposizioni di applicazione del Codice Doganale dell’Unione, con particolare riguardo agli adempimenti connessi alla gestione dell’origine delle merci.
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari
Obbligo della dichiarazione nutrizionale nell’etichetta dei prodotti alimentari Il 13 dicembre 2016 è entrato in vigore l'obbligo di inserire la dichiarazione nutrizionale sulle etichette della quasi totalità dei prodotti alimentari, con le modalità disciplinate dal Regolamento UE n.
Sanzioni doganali e ravvedimento operoso
Sanzioni doganali e ravvedimento operoso La sanzione amministrativa che punisce l'irregolare dichiarazione di importazione è contenuta nell’art. 303 del TULD (DPR 43/73).