Attività SIMEST 2021: sostenuto l’export di oltre 60 imprese

di lettura

Nel corso del 2021, SIMEST ha sostenuto le esportazioni di beni strumentali (impianti e macchinari) attraverso il “Contributo Export su Credito Fornitore” registrando un incremento del  60% rispetto all’anno precedente.

Image

Sono state concluse 115 operazioni (+200% rispetto al 2020) - per un controvalore complessivo pari a 406 milioni di euro - in favore di 62 Pmi e MidCap italiane, con vendite in 40 paesi esteri.

Un trend in forte ascesa che si è confermato anche nell’ultimo trimestre del 2021 con 44 operazioni concluse per oltre € 185 milioni, che hanno permesso esportazioni in 26 Paesi: Austria, Francia, Germania, Irlanda, Romania e Spagna, ma anche geografie più lontane come Brasile, Canada, Cina, Costa Rica, Egitto, Guinea, Honduras, India, Kenya, Malesia, Messico, Pakistan, Turchia, USA, Uzbekistan e Vietnam.

Il sostegno di SIMEST è avvenuto su operazioni di Credito fornitore attraverso il “Contributo Export” - gestito in convenzione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale - che prevede un contributo in conto interessi a fondo perduto a parziale o totale riduzione del costo dello smobilizzo di titoli di pagamento emessi dall’acquirente estero a fronte dei contratti di vendita.

I settori merceologici trainanti del quarto trimestre del 2021 sono stati: le macchine agricole, i macchinari tessili, gli impianti per la produzione della carta, le macchine per l’industria dell’automotive, i macchinari per il packaging, le cassa formi per l’edilizia, le macchine per l’industria alimentare, gli impianti per il trattamento delle acque e i macchinari per la lavorazione del vetro, della plastica e dei metalli.

Tra le imprese supportate

  • F.O.M. Industrie, piccola impresa di Cattolica in provincia di Rimini, che ha esportato in Colombia un impianto per la lavorazione dell’alluminio per 4 milioni di euro.
  • Danitech Engineering and Solution, Pmi di Senago (MI), specializzata nella produzione di macchinari per la tintura dei tessuti, che ha esportato in Brasile e in Vietnam beni per un totale di 1,7 milioni di euro.
  • Uteco Converting, MidCap della provincia di Verona, produttore di macchine per la stampa. Grazie al Contributo Export su Credito Fornitore ha perfezionato una fornitura in Egitto per circa 1,2 milioni di euro.
  • Costruzioni Meccaniche Luigi Bandera, MidCap di Busto Arsizio (VA), società leader nella progettazione e produzione di macchinari per l’estrusione di materie plastiche per il packaging, ha perfezionato un contratto relativo a una fornitura di beni in Paraguay per un importo pari a 1,2 milioni di dollari.
  • Gea Imaforni, MidCap della provincia di Verona, che ha esportato in Argentina una linea completa per la produzione di alimenti da forno per 630.000 euro.
  • Mascar, piccola impresa della provincia di Vicenza, specializzata nella produzione di seminatrici e macchine per la fienagione, ha esportato in Messico macchine agricole per circa 180.000 euro.

Contributo Export su Credito fornitore

SIMEST eroga un contributo in conto interessi a fondo perduto direttamente all’esportatore italiano consentendogli in tal modo di offrire dilazioni di pagamento a condizioni di acquisto competitive dei suoi prodotti.

Viene erogato all’azienda italiana – principalmente PMI e MidCap - nel momento in cui avviene lo sconto dei titoli di pagamento presso un istituto scontante (cambiali, stand by L/C, lettere di garanzia) emessi dall’acquirente estero a fronte delle rate di pagamento dovute.

Il Contributo Export va a compensare la differenza – se positiva – tra il tasso di sconto richiesto dall’istituto scontante e il tasso di interesse per la dilazione del pagamento ottenuto dall’esportatore italiano consentendo a quest’ultimo di azzerare/minimizzare i costi dell’operazione.

Fonte: SIMEST

Altre tematiche
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Conftrasporto: il futuro dei trasporti e della logistica
Secondo i dati presentati a Roma al Convegno di Conftrasporto-Confcommercio, valichi alpini e porti sono le principali vie di accesso del nostro Paese al commercio internazionale.
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il rilancio del Porto di Ravenna
Il porto di Ravenna è il solo porto commerciale dell’Emilia Romagna e movimenta ogni anno oltre 27 milioni di tonnellate.
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
Emirati Arabi Uniti: introdotta l’imposizione fiscale delle società
E’ stata emanata la nuova legge sull’imposta delle società (Legge Federale n. 47 del 2022). Le disposizioni della c.d. CT Law si applicheranno ai periodi di imposta che iniziano il 1° giugno 2023.
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Guida: La libera circolazione dei servizi nell’UE
Tra le quattro libertà di circolazione sulle quali si fonda il mercato interno dell’Unione europea, quella relativa ai servizi è di importanza fondamentale per imprese, lavoratori autonomi e professionisti.
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
10 interventi chiave per l’efficienza energetica
Uno studio indipendente suggerisce 10 interventi che aiutano il mondo produttivo a migliorare da subito l’efficienza energetica.
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Porto di Genova e Savona: dati 2021 e prospettive di sviluppo
Genova è da tempo il porto marittimo di riferimento per le imprese manifatturiere della Lombardia. L’area di attrazione dell’hub ligure si sta allargando anche al Veneto e all’Emilia Romagna.
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Bandi UE nel mondo | I contratti di servizi
Secondo appuntamento della rubrica dedicata alle azioni che l'Unione Europea finanzia al di fuori dei suoi confini attraverso i bandi europei indetti dalla Direzione dei Partenariati Internazionali della Commissione Europea (DG INTPA).
Tutela del marchio in Arabia Saudita
Tutela del marchio in Arabia Saudita
L’Arabia Saudita non ha aderito agli accordi di Madrid, pertanto la registrazione del marchio in questo paese è possibile solo depositando la domanda di registrazione del marchio nazionale presso il Ministero del Commercio e degli Investimenti saudita (MCI).
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Arabia Saudita: appalti pubblici, sede regionale e visto per visita d’affari
Le forniture di beni e servizi alla maggior parte delle aziende possedute dal governo sono disciplinate dalla Legge sulle gare d'appalto e sugli appalti pubblici, emanata nel 2006.
SACE Annual review 2021
SACE Annual review 2021
Il Gruppo SACE offre soluzioni di assicurazione del credito diversificate in base alle esigenze delle aziende e alla complessità dell’operazione.