Convenzione di Montreal - Responsabilità vettore aereo

di lettura

Il trasporto aereo internazionale è attualmente disciplinato dalla Convenzione di Montreal del 28 Maggio 1999, ratificata dall’Italia con L. 10 Gennaio 2004 n.12. che modifica  la Convenzione firmata a Varsavia il 12 ottobre 1929.

Convenzione di Montreal - Responsabilità vettore aereo

Ambito di applicazione

La  Convenzione si applica ad ogni trasporto internazionale di persone, bagagli o merci, effettuato con aeromobile a titolo oneroso.  Essa si applica altresì ai trasporti con aeromobile effettuati a titolo gratuito da un'impresa di trasporto aereo.

L'espressione trasporto internazionale indica ogni trasporto in cui, a seguito di accordo tra le parti, il luogo di partenza e il luogo di arrivo, che vi sia o no interruzione di trasporto o trasbordo, sono situati o sul territorio di due Stati parti o sul territorio di un medesimo Stato parte qualora sia previsto uno scalo sul territorio di un altro Stato, anche se tale Stato non è uno Stato parte. Ai fini della presente convenzione non si considera trasporto internazionale il trasporto tra due punti del territorio di un medesimo Stato parte senza scalo concordato sul territorio di un altro Stato.

Esenzione di resposabilità del vettore aereo 

L’esclusione della responsabilità è prevista nelle ipotesi tassativamente elencate in cui la distruzione, la perdita o l’avaria de

  1. difetto, natura o vizio proprio della merce
  2. difettoso imballaggio della merce da parte di persona diversa dal vettore o dai suoi preposti
  3. evento bellico o conflitto armato
  4. atto dell’autorità compiuto all’ingresso, all’uscita o al transito della merce.

I casi a e b fanno riferimento alla sfera del “creditore della prestazione”.  Si ricorda che saranno le clausole contrattuali e gli incoterms a stabilire a chi spettano le obbligazioni indicate in tali punti e le susseguenti responsabilità.

Le cause di esonero (c e d) relative agli eventi bellici o agli atti d’autorità sono da considerarsi "rischi anomali" della navigazione.

Al fine di avvalersi della esenzione di responsabilità, il vettore, con onere della prova a suo carico nei casi indicati (c e d) il vettore dovrà dimostrare che lo stesso non poteva impedire il prodursi del danno alle cose, derivante da eventi bellici o conflitti armati, adottando provvedimenti idonei, secondo canoni di diligenza professionale, e quindi evitando rotte aeree c.d. « sensibili »

Il regime di responsabilità delineato dalla Convenzione di Montreal risulta essere senz’altro più rigido rispetto a quello previsto nella previgente disciplina in cui il vettore poteva fornire la prova liberatoria dell’adozione di tutte le misure necessarie per evitare il danno o dell’impossibilità di adottarle (art. 20 Varsavia 1929 e art. 951 c. nav. abr.), senza dover fornire la prova della non imputabilità del fatto dannoso.

Limite risarcitorio e risarcibilità integrale 

Il regime di responsabilità del vettore è basato sul concetto di “receptum”: responsabilità che nasce dalla ricezione, consegna di una bene. Questo gravoso onere (connesso con l’obbligo di provare  la propria esclusione di responsabilità) è bilanciato dalla possibilità di poter risarcire il danno a lui addebitabile in un importo predeterminato, sulla base di parametri fissati dalla legge.

L’art. 22 della Convenzione di Montreal, stabilisce che nel trasporto di merci, in caso di distruzione, perdita, deterioramento o ritardo la responsabilità del vettore è limitata alla somma di 17 DSP (oggi innalzata a 19 DSP) per Kg. La stessa norma specifica, inoltre, che il mittente al momento della consegna della merce, può dichiarare l’effettivo e più elevato valore della merce dietro pagamento di un eventuale nolo supplementare (che rappresenta un costo aggiuntivo al trasporto).

I limiti risarcitori del vettore aereo, previsti dalla Convenzione di Montreal, sono stati recentemente rivisti dall’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) che ha applicato un coefficiente inflattivo che corrisponde al tasso cumulato di inflazione dal 2003, data di entrata in vigore della Convenzione stessa. Di conseguenza, il legislatore comunitario ha modificato il regolamento Ce n. 785/2004 con l’adozione del reg. (UE) n. 285/2010 del 6 aprile 2010, che aggiorna i requisiti minimi assicurabili secondo le disposizioni ICAO.

Si ricorda che il DSP, moneta di conto indicata nelle varie convenzioni di trasporto internazionale, comprende il Dollaro americano, l’Euro, lo Yen giapponese e la Sterlina Britannica.

Il valore giornaliero, convertito nella valuta del richiedente il danno è reperibile presso il sito del fondo monetario internazionale.

Escluso il caso di “dichiarazione di interesse nella riconsegna – o dichiarazione di maggior valore”, come sopra indicata, è sostanzialmente indicata dalla norma come invalicabile, diversamente da quanto stabilito nelle ipotesi di ritardo nel trasporto di persone e di bagagli, per i quali è prevista espressamente la decadenza del limite nei casi di dolo o colpa grave del vettore.

Tempi di contestazione danno

  • Vizi apparenti: alla consegna a destino
  • Vizi occulti: 14 giorni dalla consegna a destino

Conclusioni

Il limite del risarcimento previsto dalla convenzione di Montreal è pari a Euro 23,92 circa al momento della scrittura del presente articolo. Considerando tale importo è consigliabile che la parte obbligata contrattualmente a sostenere il rischio di danneggiamento valuti una copertura assicurativa a proprie spese. Per operazioni di esportazione l’assunzione da parte del venditore del rischio di trasporto aereo avviene nei termini afferenti alla famiglia D.

Sempre in operazioni di esportazione potrebbe essere l’acquirente a richiedere una polizza assicurativa di cui lo stesso sarà beneficiario a spese dell’alienante. Tale circostanza si presenta nei termine CIP (luogo/aeroporto arrivo).

Si valuti l’opportunità di assicurare la merce anche da rischio guerra e/o rischio scioperi in base alla rotta e al paese di destino.

Marco Bertozzi

Tag dell'informativa

Il trasporto aereo internazionale è attualmente disciplinato dalla Convenzione di Montreal del 28 Maggio 1999, ratificata dall’Italia con L. 10 Gennaio 2004 n.12. che modifica  la Convenzione firmata a Varsavia il 12 ottobre 1929.

AMBITO DI APPLICAZIONE

La  convenzione si applica ad ogni trasporto internazionale di persone, bagagli o merci, effettuato con aeromobile a titolo oneroso.  Essa si applica altresì ai trasporti con aeromobile effettuati a titolo gratuito da un'impresa di trasporto aereo

L'espressione trasporto internazionale indica ogni trasporto in cui, a seguito di accordo tra le parti, il luogo di partenza e il luogo di arrivo, che vi sia o no interruzione di trasporto o trasbordo, sono situati o sul territorio di due Stati parti o sul territorio di un medesimo Stato parte qualora sia previsto uno scalo sul territorio di un altro Stato, anche se tale Stato non è uno Stato parte. Ai fini della presente convenzione non si considera trasporto internazionale il trasporto tra due punti del territorio di un medesimo Stato parte senza scalo concordato sul territorio di un altro Stato.

ESENZIONE DI RESPONSABILITA’ DEL VETTORE AEREO

L’esclusione della responsabilità è prevista nelle ipotesi tassativamente elencate in cui la distruzione, la perdita o l’avaria de

  1. difetto, natura o vizio proprio della merce;
  2. difettoso imballaggio della merce da parte di persona diversa dal vettore o dai suoi preposti;
  3. evento bellico o conflitto armato
  4. atto dell’autorità compiuto all’ingresso, all’uscita o al transito della merce.

I casi a e b fanno riferimento alla sfera del “creditore della prestazione”.  Si ricorda che saranno le clausole contrattuali e gli incoterms Ò a stabilire a chi spettano le obbligazioni indicate in tali punti e le susseguenti responsabilità.

le cause di esonero (c e d) relative agli eventi bellici o agli atti d’autorità sono da considerarsi « rischi anomali » della navigazione.

Al fine di avvalersi della esenzione di responsabilità, il vettore, con onere della prova a suo carico nei casi indicati (c e d) il vettore dovrà dimostrare che lo stesso poteva non poteva impedire il prodursi del danno alle cose, derivante da eventi bellici o conflitti armati, adottando provvedimenti idonei, secondo canoni di diligenza professionale, e quindi evitando rotte aeree c.d. « sensibili »

Il regime di responsabilità delineato dalla Convenzione di Montreal risulta essere senz’altro più rigido rispetto a quello previsto nella previgente disciplina in cui il vettore poteva fornire la prova liberatoria dell’adozione di tutte le misure necessarie per evitare il danno o dell’impossibilità di adottarle (art. 20 Varsavia 1929 e art. 951 c. nav. abr.), senza dover fornire la prova della non imputabilità del fatto dannoso.

 

 

LIMITE RISARCITORIO E RISARCIBILITA’ INTEGRALE

Il regime di responsabilità del vettore è basato sul concetto di “receptum” : responsabilità che nasce dalla ricezione, consegna di una bene. Questa gravoso onere (connesso con l’obbligo di provare  la propria esclusione di responsabilità) è bilanciato possibilità di poter risarcire il danno a lui addebitabile in un importo predeterminato, sulla base di parametri fissati dalla legge.

L’art. 22 della Conv. di Montreal, stabilisce che nel trasporto di merci, in caso di distruzione, perdita, deterioramento o ritardo la responsabilità del vettore è limitata alla somma di 17 DSP (oggi innalzata a 19 DSP) per Kg. La stessa norma specifica, inoltre, che il mittente al momento della consegna della merce, può dichiarare l’effettivo e più elevato valore della merce dietro pagamento di un eventuale nolo supplementare (che rappresenta un costo aggiuntivo al trasporto).

I limiti risarcitori del vettore aereo, previsti dalla Convenzione di Montreal, sono stati recentemente rivisti dall’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO) che ha applicato un coefficiente inflattivo che corrisponde al tasso cumulato di inflazione dal 2003, data di entrata in vigore della Convenzione stessa. Di conseguenza, il legislatore comunitario ha modificato il regolamento Ce n. 785/2004 con l’adozione del reg. (UE) n. 285/2010 del 6 aprile 2010, che aggiorna i requisiti minimi assicurabili secondo le disposizioni ICAO.

Si ricorda che il DSP, moneta di conto indicata nelle varie convenzioni di trasporto internazionale, comprende il Dollaro americano, l’Euro, lo Yen giapponese e la Sterlina Britannica.

Il valore giornaliero, convertito nella valuta del richiedente il danno è reperibile presso il sito del fondo monetario internazionale.

Escluso il caso di “dichiarazione di interesse nella riconsegna – o dichiarazione di maggior valore”, come sopra indicata, è sostanzialmente indicata dalla norma come invalicabile, diversamente da quanto stabilito nelle ipotesi di ritardo nel trasporto di persone e di bagagli, per i quali è prevista espressamente la decadenza del limite nei casi di dolo o colpa grave del vettore.

TEMPI DI CONTESTAZIONE DANNO

  • Vizi apparenti: alla consegna a destino
  • Vizi occulti: 14 giorni dalla consegna a destino

Conclusioni

Il limite del risarcimento previsto dalla convenzione di Montreal è pari a Euro 23,92 circa al momento della scrittura del presente articolo. Considerando tale importo è consigliabile che la parte obbligata contrattualmente a sostenere il rischio di danneggiamento valuti una copertura assicurativa a proprie spese. Per operazioni di esportazione l’assunzione da parte del venditore del rischio di trasporto aereo avviene nei termini afferenti alla famiglia D.

Sempre in operazioni di esportazione potrebbe essere l’acquirente a richiedere una polizza assicurativa di cui lo stesso sarà beneficiario a spese dell’alienante. Tale circostanza si presenta nei termine CIP (luogo/aeroporto arrivo).

Si valuti l’opportunità di assicurare la merce anche da rischio guerra e/o rischio scioperi in base alla rotta e al paese di destino.

Marco Bertozzi

 

 

Trasporti internazionali

Altre tematiche
Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure
Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure Il nuovo Codice della Crisi di Impresa (Decreto Legislativo n. 14 del 12 gennaio 2019) fornisce una nuova definizione di “crisi descrivendola quale “lo stato di difficoltà economico-finanziaria che rende probabile l’insolvenza del debitore, e che per le imprese si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate”.
Servizi di intermediazione online e mercato digitale: nuove sfide per l’Europa
Servizi di intermediazione online e mercato digitale: nuove sfide per l’Europa Nell’ambito della strategia per il mercato unico digitale è stato raggiunto un accordo politico fra le istituzioni europee in merito all’adozione di un nuovo regolamento UE che si prefigge quale obiettivo quello di assicurare  equità, trasparenza e prevedibilità nelle pratiche commerciali utilizzate dalle piattaforme di intermediazione online e dai motori di ricerca generici nei confronti delle imprese e degli operatori commerciali che ne fruiscono.
Guida Pratica: Il trasporto internazionale
Guida Pratica: Il trasporto internazionale Quando un’impresa decide di commercializzare i suoi prodotti all’estero, non può assolutamente esimersi da un’attenta gestione del trasporto e dei rapporti giuridici con i soggetti coinvolti i quali giocano un ruolo importantissimo anche in relazione ad eventuali problematiche doganali.
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori
Conai: la dichiarazione ed il versamento per gli importatori CONAI è il Consorzio Nazionale Imballaggi e si occupa di recuperare, riciclare e/o smaltire i rifiuti derivanti da materiali da imballaggio in Italia.
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali
La nuova normativa europea sul trattamento dei dati personali Il nuovo Regolamento Privacy sarà applicabile su tutto il territorio dell’Unione europea a partire dal 25 maggio 2018 ed abrogherà la quasi totalità della legge italiana attualmente vigente (Codice Privacy).
Regolamento 2018/1807 e dati non personali: via libera dall’UE alla libera circolazione
Regolamento 2018/1807 e dati non personali: via libera dall’UE alla libera circolazione Il nuovo Regolamento UE 2018/1807 si inserisce nel più ampio quadro della disciplina europea relativa alla regolamentazione del trattamento di dati e aggiunge un ulteriore tassello alla strategia per il mercato unico digitale.
Unione europea: aggiornato il regolamento di blocco
Unione europea: aggiornato il regolamento di blocco A distanza di 22 anni dalla sua pubblicazione, il legislatore unionale ha inteso modificare il Reg. (CE) n. 2271/96 del Consiglio (c.d.
E-commerce: proposte di direttive UE a di tutela del consumatore
E-commerce: proposte di direttive UE a tutela del consumatore La Commissione Europea, nell’ambito di un pacchetto denominato “New deal for consumers – Un new deal per i consumatori”, ha presentato due proposte di direttiva volte a rafforzare la tutela del consumatore.
Come superare le criticità della resa EXW
Come superare le criticità della resa EXW Nell’articolo un approfondimento sui termini di resa, con particolare riferimento alla resa Franco Fabbrica e alle modalità di ridurre i rischi della mancata prova dell’esportazione.  
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero
Il franchising internazionale come opportunità di sviluppo all’estero Il franchising è una formula distributiva che permette di integrare la filiera e di rendere più efficiente il processo di distribuzione e di vendita; è basato su un know-how proprietario e difendibile nonché su uno o più brand ed insegne, unitamente ad un’immagine omogenea agli occhi del cliente sia relativamente ai prodotti sia relativamente ai servizi ed alla qualità della relazione.