FCA Incoterms® 2020: polizza di carico marittima e pagamento nolo e sosta

di lettura

La pubblicazione Incoterms® 2020 prevede per la prima volta che la B/L sia consegnata, previo accordo all’esportatore.

FCA Incoterms® 2020: polizza di carico marittima e pagamento nolo e sosta

I termini FOB, CFR e CIF mal si adattano ai trasporti in container. La merce infatti viene consegnata al vettore in luogo distante dal porto:

  • presso l’azienda esportatrice, normalmente in caso di spedizioni F.C.L. (Full Container Loaded) dette anche a carico completo
  • nel magazzino di un terminalista/unitizzatore in caso di  spedizioni L.C.L. o spedizioni in groupage.

Resa FCA

La resa FCA, termine utilizzabile per qualsiasi modalità di trasporto pertanto risulta essere l’unico Incoterms® appartenete ai termini F (FOB, FAS ed FCA) della pubblicazione 2020 utilizzabile per i trasporti in container. Tale termine, ha un duplice uso in relazione al luogo indicato dopo l’acronimo. Se dopo la resa è indicato:

  • il luogo ove ha sede il magazzino dell’esportatore, questi si obbliga a caricare la merce sdoganata all’esportazione
  • un luogo terzo, l’esportatore si obbliga a consegnare la merce, sdoganata all’esportazione, a proprio costo e rischio di danneggiamento nel luogo indicato, scarico escluso.

Per la prima volta nell’edizione del 2020 si prevede che a fronte di un una resa FCA (luogo di partenza) per successivo trasporto via mare l’importatore, committente del trasporto marittimo, qualora previsto nel contratto, sia obbligato a istruire il vettore ad emettere il documento marittimo B/L (bill of lading) con indicazione “on board” consegnando  tale documento all’esportatore.

Tale previsione al fine di soddisfare una eventuale esigenza derivante dalla presenza nel contratto di compravendita di un pagamento, in tutto o in parte, tramite lettera di credito (L/C) o di un pagamento contro documenti.

Shipper

Prima di analizzare un’eventuale problematica connessa a tale obbligazione, occorre definire la figura dello “Shipper”che sarà indicato sulla polizza di carico marittima. Per le condizioni di polizza usualmente utilizzate dai vettori marittimi, lo “Shipper” rientra nella definizione di “merchant”.

Merchant includes the Shipper, Holder, Consignee, Receiver of the Goods, any person owing or entitled to the possession of the goods or of the bill of lading and anyone acting on behalf of such Person”.

Occorre tenere presente che lo “shipper”, quale mittente, non coincide con lo “spedizioniere” che nel nostro ordinamento è il mandatario senza rappresentanza che “assume l’obbligo di concludere, in nome proprio, ma per conto del mandante, un contratto di trasporto e di compiere le operazioni accessorie”.

Al fine di ottenere la B/L l’esportatore sarà usualmente indicato come “shipper” su tale documento di trasporto. Tale circostanza non è priva di conseguenze, in quanto in capo a tale figura gravano specifiche obbligazioni come:

  • il pagamento del nolo marittimo  
  • eventuali spese ulteriori dovute al superamento delle franchigie pattuite con la compagnia marittima (controstallie o demurrage).

Rischi

Secondo le condizioni di polizza il nolo e le successive spese, le spese di sosta, sarebbero obbligazione dell’importatore, concordemente con quanto indicato nel contratto sottostante, se regolato da un termine Free Carrier (FCA).

Il rischio gravante sull’esportatore, che appare come “shipper” in una B/L - pur avendo pattuito contrattualmente una resa FCA -  è che in caso di mancato ritiro della merce al porto di arrivo, nonostante il pagamento della somma indicata ad esempio nel credito documentario dietro presentazione dei documenti, si vedrebbe chiamato a pagare le eventuali spese di nolo e sosta.

Al fine di evitare tale inconveniente si consiglia:

  • di non apparire come “shipper” nella B/L
  • indicare nei documenti richiesti dall’eventuale credito documentario un documento diverso come FCR (Forwarder certificate of receipt).

Marco Bertozzi

 

Altre tematiche
Primo “Basket Bond di filiera”: 21 milioni per la crescita di tre imprese vitivinicole
Primo “Basket Bond di filiera”: 21 milioni per la crescita di tre imprese vitivinicole
CDP e UniCredit hanno sottoscritto la prima emissione per favorire lo sviluppo delle imprese appartenenti alle filiere strategiche dell’economia italiana.
Marchio di conformità UKCA
Marchio di conformità UKCA
Dal 1 ° gennaio 2021, il marchio UKCA  UK (Conformity Assessed = conformità valutata del Regno Unito)  inizierà a sostituire il marchio CE per le merci vendute in Gran Bretagna UK .
EPO: Patent Index 2020
EPO: Patent Index 2020
Nel 2020, l’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) ha ricevuto 180.250 domande di brevetto (solo lo 0.7% in meno rispetto al 2019, malgrado la pandemia).
ADR 2021 - trasporto internazionale merci pericolose su strada
ADR 2021 - trasporto internazionale merci pericolose su strada
Il primo gennaio 2021 è entrato in vigore il regolamento ADR riguardante il trasporto internazionale di merci pericolose su strada, per i trasporti nazionali è prevista una proroga fino al 1° luglio 2021.
Porti di Genova e Savona punto di riferimento per le PMI del Nord Italia
Porti di Genova e Savona punto di riferimento per le PMI del Nord Italia
L’accordo Ports of Genoa - Promos Italia vuole favorire il recupero in capo all’impresa italiana di quote di logistica per trattenere e sviluppare il valore delle merci scambiate.
Sequestro conservativo europeo dei conti correnti: prime applicazioni
Sequestro conservativo europeo dei conti correnti: prime applicazioni
La procedura di ordinanza europea di sequestro conservativo su conti bancari del debitore, da dicembre 2020, può essere effettivamente richiesta anche in Italia.
Italian Maritime Economy 2020
Italian Maritime Economy 2020
Il report annuale Italian maritime economy di SRM analizza l’impatto del Covid-19 sul trasporto marittimo.
Crolla la puntualità dei vettori marittimi
Crolla la puntualità dei vettori marittimi
L’indice di puntualità delle compagni marittime, introdotto nel 2011, rileva i ritardi e le performance delle compagnie marittime.
Il trasporto di merci dopo la Brexit
Il trasporto di merci dopo la Brexit
Per effetto della Brexit e del Covid 19 i costi di trasporto verso la Gran Bretagna sono quadruplicati (fonte Transporeon).
CDP: concluso l’impiego del Panda Bond per finanziare le imprese italiane in Cina
CDP: concluso l’impiego del Panda Bond per finanziare le imprese italiane in Cina
Con l’ultimo finanziamento diretto in valuta cinese a favore del Gruppo Danieli, CDP completa gli impieghi delle risorse raccolte con il Panda Bond a supporto della crescita delle imprese italiane in Cina.