Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure

di lettura

Il nuovo Codice della Crisi di Impresa (Decreto Legislativo n. 14 del 12 gennaio 2019) fornisce una nuova definizione di “crisi descrivendola quale “lo stato di difficoltà economico-finanziaria che rende probabile l’insolvenza del debitore, e che per le imprese si manifesta come inadeguatezza dei flussi di cassa prospettici a far fronte regolarmente alle obbligazioni pianificate”.

Novità del codice della crisi di impresa e relative procedure

Da tale definizione è già possibile comprendere l’intento del legislatore, ovvero quello di anticipare lo stato patologico e cercare di risolvere la crisi in maniera tempestiva, affidandosi ad indicatori prospettici che non guardino, quindi, al passato ma in prospettiva alle ripercussioni che le scelte dell’organi amministrativo così come la gestione da parte dello stesso potranno avere su di essa. 

Le principali novità riguardano:

  • la previsione di sistemi di allerta sia interni che esterni
  • la presenza di indicatori della crisi
  • l’introduzione di un nuovo strumento quale l’accordo di composizione della crisi presso l’OCRI (Organismo di Composizione della Crisi di Impresa)
  •  la modifica terminologica da fallimento a liquidazione giudiziale.

I sistemi di allerta, come detto, riguardano sia organi interni che esterni all’impresa.

Un’importante annotazione riguarda la modifica, unitamente all’introduzione del Codice della Crisi dell’art. 2435 bis c.c. e dei relativi parametri. Se, nella vecchia versione, l’obbligo di avere organi di controllo era subordinato alla presenza di:

  1. totale dell’attivo dello stato patrimoniale pari a 4.400.00 €
  2. ricavi delle vendite e delle prestazioni pari a 8.800.000 €
  3. dipendenti occupati in media durante l’esercizio pari a 50 unità

oggi la riforma prevede per il punto

  1. 2.000.000 € 
  2. 2.000.000 € 
  3. 10 dipendenti

E’ chiaro, quindi, che le imprese coinvolte dall’obbligo di nominare un organo di controllo, secondo questa previsione, dovrebbero aumentare in misura cospicua, con una previsione di aumento di costi annuale per le stesse assai elevato. Al fine di mitigare tale previsione, che per altro è già entrata in vigore e che richiede l’adeguamento entro dicembre 2019, è stato proposto un emendamento che è, tuttavia, ancora al vaglio. L’allerta interna è prevista in capo agli organi di controllo.

Questi ultimi dovranno valutare gli assetti organizzativi dell’impresa maggiormente adeguati a sorreggere le relative scelte di business economico tenendo sotto controllo l’attività posta in essere dagli organi amministrativi e valutandone anche l’impatto economico sull’impresa stessa.

Si tratta quindi di un controllo attuale e prospettico certamente diverso dal precedente ove questi ultimi si limitavano ad un mero controllo formale ex post. In particolare la valutazione circa lo stato di crisi dell’impresa sarà demandata a particolari indicatori che verranno individuati dall’Ordine dei Commercialisti, ogni tre anni, e che terranno conto dei generali squilibri di carattere reddituale, patrimoniale o finanziario, rapportati alle peculiari caratteristiche dell’impresa e dell’attività imprenditoriale posta in essere dal debitore, e che possono ricadere sulla sostenibilità dei debiti per l'esercizio in corso sulla continuità aziendale anche tenuto conto della presenza di significativi e reiterati ritardi nei pagamenti.

L’allerta esterna è demandata in capo agli Organi previdenziali e all’Agenzia di riscossione. 

In questo caso, qualora il debito dell’impresa superi i parametri indicati all’ art. 15 comma 2 CCI tali organi dovranno effettuare una segnalazione all’OCRI. Altra novità è legata all’introduzione del procedimento e all’istituzione dell’OCRI ovvero l’organismo di composizione della crisi.

Tale organismo sarà istituito presso le Camere di Commercio che si occuperanno, tramite il referente, sia di ricevere le segnalazioni o le domande di accesso alla procedura, sia di vigilare sull’operato e sulle tempistiche del collegio di esperti.

Tale collegio sarà composto da 3 membri nominati:

  • uno dal Presidente della sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale individuato a norma dell’art. 4 del D.lgs. 27 giugno 2003, n. 168, avuto riguardo al luogo in cui si trova la sede dell’impresa, o da un suo delegato;
  • uno deve dal presidente della Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura presso cui opera l’OCRI o da un suo delegato, che non può essere tuttavia lo stesso referente;
  • uno dal referente, sentito il debitore, e deve appartenente all’associazione rappresentativa del settore di riferimento del debitore, tra quelli iscritti nell’elenco trasmesso annualmente all’organismo dalle associazioni imprenditoriali di categoria. 

Il Collegio avrà lo specifico compito di convocare ed assistere l’imprenditore, su sua istanza, nel procedimento di composizione assistita della crisi che potrà concludersi con:

  • accordo con i creditori;
  • mancato accordo con i creditori e permanenza dello stato di crisi;
  • mancata partecipazione del debitore all’audizione;
  • archiviazione se non sussistevano i presupposti per l’apertura del procedimento.

In sintesi, quello che il legislatore ha voluto introdurre è un adeguamento a sistemi europei che prevedono già soluzioni concordate per la soluzione preventiva della crisi sgravando, in questo modo, i Tribunali da procedure patologiche che non permettono all’impresa di riprendere la propria attività.

Scopo primario di questa riforma è infatti quello di sensibilizzare l’imprenditore invitandolo (anche coattivamente attraverso i sistemi di allerta e all’introduzione di specifici indicatori) a denunciare tempestivamente il proprio stato al fine di consentirgli di trovare soluzioni per poter continuare ad esercitare la propria attività di impresa.

Avv. Eleonora Greppi

Altre tematiche
Sviluppo e trend delle conferme delle lettere di credito conseguenza Covid-19
Sviluppo e trend delle conferme delle lettere di credito conseguenza Covid-19
L'aumento del rischio di mancato pagamento, della domanda di servizi commerciali personalizzati e la crescita in termini e condizioni rigorose guidano la crescita del mercato globale della conferma delle lettere di credito .
Finanziamenti SIMEST estesi ai Paesi intra UE e aumento quota a fondo perduto
Finanziamenti SIMEST estesi ai Paesi intra UE e aumento quota a fondo perduto
Dal 6 agosto 2020 i finanziamenti per l’internazionalizzazione che SIMEST eroga, vengono ulteriormente potenziati, ampliati ed estesi anche all’interno dell’Unione Europea.
Export una guida per partire
Export una guida per partire
La Farnesina - in collaborazione con le Regioni, ICE, SACE e SIMEST – ha elaborato una guida digitale, per  far conoscere gli strumenti pubblici a sostegno dell’internazionalizzazione delle imprese.
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Come muoversi sui mercati esteri nel post Covid-19
Secondo Gita Gopinath, capo economista del FMI, l'emergenza provocata dalla pandemia causerà "una perdita complessiva per l'economia mondiale di oltre 12.000 miliardi di dollari" fra il 2020 e il 2021. 
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Trasferte all’estero e responsabilità del datore di lavoro
Anche se il momento più critico dell’emergenza Covid-19 sembra superato, restrizioni e protocolli restano in vigore e le imprese devono osservarli scrupolosamente.
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Finanziamenti agevolati SIMEST fino al 40% a fondo perduto
Le imprese possono ottenere i finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione offerti da SIMEST a fondo perduto fino al 40%.
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale.