ONU e Banca Mondiale: le opportunità offerte da bandi e progetti

di lettura

Gli ambiti di competenza delle Nazioni Unite vanno dal campo della sicurezza a quello socio-economico e dei diritti umani. 

Image

Considerata l’ampiezza del campo d’azione - gestione missioni di peacekeeping, programmi per l’infanzia Unicef, programma alimentare Fao, promozione sviluppo economico e lotta alla povertà nei paesi in via di sviluppo, piani per i rifugiati, etc. - le esigenze delle Nazioni Unite in termini di beni e servizi sono piuttosto consistenti.

L’intera struttura annualmente acquista beni e servizi di vario genere. Tra le principali agenzie, le seguenti hanno volumi di spesa maggiori:

  • UNICEF (Fondo Nazioni Unite per l’infanzia) 3,8 miliardi di dollari
  • PAM (Programma alimentare mondiale) 3,5 miliardi di dollari
  • Segretariato Onu 2,5 miliardi di dollari
  • UNPD 2,1 miliardi di dollari
  • UNHCR 1,1 miliardi di dollari

Per avere un panorama completo del sistema delle Nazioni Unite rimandiamo al sito istituzionale.

Come riporta l’Annual Statistical record on UN procurement la spesa complessiva annuale sfiora i 20 miliardi di dollari ed è in crescita rispetto agli anni precedenti.

Volume acquisti ONU

Fonte: Annual Statistical Record On United Nations Procurement

L’annuario è uno strumento utile per chi intende partecipare ai bandi o entrare nelle shortlist in quanto offre un panorama abbastanza esaustivo e trasparente delle tipologie di acquisti effettuati dal sistema.

Tipologie di spesa

La spesa principale del sistema Nazioni Unite riguarda i prodotti farmaceutici, contraccettivi e vaccini, inoltre spese relative al settore trasporti, stoccaggio, servizi postali e approvvigionamento di cibo e bevande. Questa voce è  pari complessivamente a circa 2 miliardi di dollari.

Il principale Paese fornitore del sistema Nazioni Unite sono gli Stati Uniti che nel 2019 si sono aggiudicati circa il 9% del budget complessivo (1,7 miliardi di dollari). L’Italia è il 14° fornitore e si è aggiudicata 323 milioni con contratti di fornitura nei seguenti settori: materiali di sicurezza, strumenti per la pesca e l’agricoltura, componentistica dei sistemi elettrici, macchinari per la manifattura industriale.

Per accedere alle opportunità offerte dal procurement è necessario avere metodo e sistematicità. Gli strumenti online messi a disposizione dei potenziali fornitori sono abbastanza agili e di facile uso e accompagnano le aziende nelle diverse fasi del procurement. Malgrado ciò, uno degli ostacoli maggiori per le imprese italiane è rappresentato dalla scarsa conoscenza delle procedure per partecipare all’acquisizione dei contratti.

Procedure per accedere ai Bandi e alle Shortlist

Le procedure del sistema delle Nazioni Unite sono disciplinate da una apposita regolamentazione che è descritta nel manuale del procurement.

Si possono trovare utilissime informazioni anche nel sito della rappresentanza permanente d’Italia ONU – New York.

Quando una delle organizzazioni del sistema ONU ha necessità di acquisire un bene o servizio, pubblica un bando di gara sul sito internet della stessa e sul portale United Nation Global Market (UNGM).

La prima cosa da fare per partecipare a un bando è iscriversi al sito UNGM compilando l’apposito formulario online.Il Portale offre:

  • numerose informazioni aggiornate utili per inserire l’azienda nella Vendor List dell’ONU
  • la possibilità di sottoscrivere il servizio TAS (Tender Alert Service) che, in base al profilo dell’utente, seleziona le gare più appropriate e invia un messaggio d’avviso.

Il sistema Nazioni Unite utilizza anche “Shortlist che, oltre ai fornitori registrati nello UNGM  comprendono fornitori di precedenti approvvigionamenti, o fornitori che hanno presentato una manifestazione di interesse.

Ogni organizzazione del sistema Nazioni Unite ha un proprio albo fornitori.

Per accedere a una gara è necessario ottenere una pre-qualifica che accerti che l’azienda che aspira a partecipare abbia i requisiti di idoneità per il bando in questione. Solo chi ha ottenuto la pre-qualifica potrà partecipare alla gara.

Banca Mondiale

La Banca Mondiale (World Bank) comprende due istituzioni internazionali: la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (BIRS) e l’Agenzia internazionale per lo sviluppo (AIS o IDA), che hanno l'obiettivo di contrastare la povertà e organizzare aiuti e finanziamenti agli Stati in difficoltà.

La Banca Mondiale finanzia annualmente tra i 10 e i 14 miliardi in progetti di sviluppo attraverso due tipologie di procurement.

  • Operations procurement: legati alla realizzazione di progetti di sviluppo internazionale finanziati dalla Banca Mondiale. In questo caso è il beneficiario dei fondi ad attivare il procurement secondo le procedure previste dalla Banca Mondiale.
  • Corporate procurement: richiesti direttamente dal Gruppo della Banca Mondiale nel momento in cui emerge la necessità di acquistare beni e servizi. In questo di tipo di procurement è la Banca Mondiale che acquista direttamente.

Il sistema ONU e la Banca Mondiale con le organizzazioni collegate generano opportunità interessanti a livello economico. Il sistema delle imprese italiane possiede tutte le caratteristiche idonee per sfruttarle al meglio. I siti relativi al procurement sia dell’una che dell’altra istituzione offrono un’ampia gamma di informazioni e tool digitali che, benché richiedano abilità nel districarsi attraverso la documentazione in inglese e le relative procedure, possono portare risultati interessanti e consentire di accreditarsi in un contesto internazionale.

Alberto Cossu

Altre tematiche
Italian Maritime economy
Italian maritime economy 2021
Il Report annuale di Srm fornisce dati aggiornati su: porti, rotte, noli, sostenibilità e logistica.
Il carnet TIR elettronico eTIR
Il carnet TIR elettronico eTIR
Il carnet TIR elettronico (eTIR) consente ai titolari di carnet TIR di effettuare transiti merci internazionali in modo più rapido, efficiente e sicuro.
Le International Standard Demand Guarantee Practice della ICC
Le International Standard Demand Guarantee Practice della ICC
Le ISDGP sono un importante strumento per l’emissione di Bond bancari a prima richiesta.
Indagine sui trasporti internazionali di merci dell’Italia nel 2020
Indagine sui trasporti internazionali di merci dell’Italia nel 2020
Secondo l’indagine della Banca d’Italia sui trasporti internazionali di merci, la pandemia ha avuto un impatto rilevante sui costi unitari del settore, rimasto pienamente operativo anche nelle fasi di maggiore emergenza sanitaria.
RoboIT: primo Polo nazionale per il trasferimento tecnologico dedicato alla Robotica
RoboIT: primo Polo nazionale per il trasferimento tecnologico dedicato alla Robotica
CDP Venture Capital SGR finanzierà RoboIT per sostenere la nascita di nuove startup all’interno delle Università e nei Centri di ricerca di eccellenza.
Nel 2020 SIMEST supporta 3.842 aziende
Nel 2020 SIMEST supporta 3.842 aziende
Secondo il bilancio 2020, SIMEST ha più che raddoppiato le aziende supportate (+112%) e concesso oltre € 1miliardo di finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione (+263%), con risorse mobilitate complessive pari a € 4,3 miliardi.
Trend costi di trasporto internazionali e materie prime
Trend costi di trasporto internazionali e materie prime
Da qualche mese le aziende stanno affrontando, oltre alla pandemia, l’esplosione dei costi di trasporto internazionali, l’aumento dei costi delle materie prime e l’allungamento dei tempi di consegna.
ONU e Banca Mondiale: le opportunità offerte da bandi e progetti
ONU e Banca Mondiale: le opportunità offerte da bandi e progetti
Gli ambiti di competenza delle Nazioni Unite vanno dal campo della sicurezza a quello socio-economico e dei diritti umani. 
Primo “Basket Bond di filiera”: 21 milioni per la crescita di tre imprese vitivinicole
Primo “Basket Bond di filiera”: 21 milioni per la crescita di tre imprese vitivinicole
CDP e UniCredit hanno sottoscritto la prima emissione per favorire lo sviluppo delle imprese appartenenti alle filiere strategiche dell’economia italiana.
Marchio di conformità UKCA
Marchio di conformità UKCA
Dal 1 ° gennaio 2021, il marchio UKCA  UK (Conformity Assessed = conformità valutata del Regno Unito)  inizierà a sostituire il marchio CE per le merci vendute in Gran Bretagna UK .