Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici

di lettura

In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  

Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici

Anche se tali decisioni dipendono dalle specificità intrinseche di ciascun prodotto - servizio e dai mercati di destinazione, alcuni aspetti possono avere una valenza generalizzata.

In previsione di un considerevole calo della domanda estera, peraltro già ampiamente registrata da quella interna, nel caso dei prodotti stagionali come quelli agroalimentari, si impongono valutazioni di costi/benefici basate su schematici studi di fattibilità. Per valutare se sia conveniente diversificare la produzione (convertendo ad esempio il vino in distillati), ovvero se sia preferibile sostenere - in attesa di una ripresa della domanda nel prossimo futuro, e a condizione di avere spazi sufficienti a magazzino - gli oneri finanziari di un incremento delle scorte. Come nel caso delle mozzarelle congelate in quanto ora invendibili.

Nell’ipotesi di volere ampliare la penetrazione in mercati esteri in cui si è già presenti, ovvero di estendere l’export su mercati di nuovi paesi, per compensare la caduta di quello interno, si dovranno prendere decisioni che impongono di riesaminare numerosi set di dati, talora non facili da reperire o stimare. A cominciare dalla valutazione della efficacia relativa, e dei limiti eventuali (o potenzialità) delle soluzioni di export attivate nei periodi pre-pandemici: e-commerce, canali di intermediazione distributiva, logistica, assistenza post-vendita, ecc.

Tra i primi fattori da considerare:

  • la misura nella quale la domanda estera sia stata seppur temporaneamente bloccata dagli effetti anche indiretti del lockdown
  • se nel frattempo i prodotti/servizi possano essere stati importati da produttori competitor di altri paesi
  • quali iniziative di marketing vanno implementate per recuperare le percentuali di penetrazione perdute.

Andrà inoltre tenuto conto che uno degli effetti del lockdown è stato quello di rendere i consumatori più propensi ad operare tramite piattaforme di e-commerce. Anche se, ovviamente, non tutti i prodotti si prestano a essere venduti (non pubblicizzati) facendo ricorso anche ai supporti tecnologici più moderni ed efficaci sul piano della comunicazione, televendite in diretta comprese. In particolare nel caso di macchinari e impianti molto spesso oggetto di customizzazione.

Bisognerà inoltre verificare che il supporto istituzionale al contrasto della pandemia non abbia generato anche indirettamente cali di domanda, esaminando le novità legislative attinenti i mercati nazionali di vecchio e nuovo interesse (norme restrittive dell’import, come quelle ascrivibili a misure di interesse nazionale per ragioni sanitarie, ovvero di Golden Power).

L’esame delle misure al riguardo presentate dal WTO fornisce indicazioni relative anche a possibili ampliamenti della domanda di importazione, connesse alla riduzione di dazi recentemente attivate per specifici prodotti. Oltre a tali aspetti di natura normativa, l’export manager dovrebbe anche verificarne il timing applicativo e gli accordi di libero scambio (FTA) recentemente sottoscritti dalla UE.  

La mappa interattiva realizzata dal WTO offre importanti seppure basilari informazioni che andranno affinate per meglio analizzare gli effetti dei dazi, laddove si vogliano implementare politiche di riposizionamento di prezzo dei prodotti da esportare a consumatori/acquirenti, resi sicuramente più attenti al fattore costo dagli impatti psicologici della pandemia.

Non bisogna poi dimenticare di:

  • di ottimizzare l’utilizzo delle garanzie e dei fondi pubblici che recentemente il governo italiano ha reso disponibili per il supporto istituzionale all’export, a cominciare dai nuovi servizi gratuiti dell’Agenzia ICE
  • sfruttare le attività attuali di supporto dedicato all’export, rese operative da Regioni, Camere di Commercio, ecc.

Mentre la possibilità di concedere all’importatore dilazioni di pagamento più lunghe - valutandone l’opportunità sulla base del maggior costo dell’assicurazione del credito all’export (factoring internazionale, società assicurazione pubbliche o private, ecc) – potrebbe comportare maggiorazioni di costi e di affidamenti idonee a essere, appunto, compensate con il ricorso alla garanzia bancaria pubblica.

Da questo punto di vista, anche l’aumentata rischiosità del paese dell’importatore avrà un suo peso in termini di eventuale maggior costo locale dell’import-financing; a motivo degli ingenti incrementi di debito pubblico resisi diffusamente necessari per sopperire agli impatti recessivi della pandemia.

Per potere sopperire a cali della domanda estera diversamente non contrastabili, un’ultima opzione è quella di penetrare in forma indiretta tali mercati, avvalendosi di canali distributivi di soggetti terzi nazionali, cui affidare il prodotto nella misura in cui dimostrino di sapere attivare con successo contatti commerciali nei mercati target.

Massimo Ortolani

Tag dell'informativa

Altre tematiche
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Internazionalizzazione e flessibilità al tempo del Covid-19
Fase 2, Fase 3... lentamente si riparte. Per andare dove? Il mondo ai tempi del corona virus è cambiato. E di conseguenza i mercati, non solo dalla prospettiva geografica, ma soprattutto per quanto riguarda le modalità di delivery dei prodotti - servizi e le tipologie di clientela.
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
CDP: altri 100 milioni nel Fondo di Fondi Private Equity Italia
Cassa Depositi e Prestiti ha approvato la sottoscrizione di ulteriori quote nel fondo di investimento “FOF Private Equity Italia” gestito da Fondo Italiano d’Investimento Sgr.
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
Riorientare l’export in periodi pandemici e postpandemici
In questa fase di incertezza rilevante sugli andamenti economici dei nostri paesi target colpiti dal virus, si impongono alcune riflessioni sull’opportunità di riconfigurare o riorientare le esportazioni.  
L’economia digitale
L’economia digitale
Pubblichiamo una sintesi della newsletter “Focus on” realizzata da Banca d’Italia che offre interessanti riflessioni sull’economia digitale. 
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Covid-19 e trasporti: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Nell'articolo verranno analizzati i seguenti Paesi: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Analizziamo la situazione in alcuni Paesi di interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. 
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Ministero Affari Esteri ed ANITA hanno pubblicato aggiornamenti sulla situazione trasporti in: Albania, Bosnia, Bulgaria, Croazia, Moldavia, Romania, Macedonia, Serbia e Slovenia.
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Progettare un piano di export significa innanzitutto mappare lo “stato dell’arte” del singolo mercato di sbocco e valutarne le potenzialità, non soltanto sotto il profilo della domanda finale ma anche e, talora, soprattutto della domanda intermedia ovvero dei buyer e delle strutture distributive in essere.
Aggregarsi per l'export
Aggregarsi per l'export
Il sistema industriale italiano ha un numero altissimo (circa 3 milioni) di piccole o micro aziende. La media non raggiunge i 4 dipendenti per azienda, quando in Germania è circa il triplo.