Risarcimento del danno: gli obblighi dell'assicurato

di lettura
Nel caso in cui si verifichi un danno alla merce assicurata nel corso del trasporto, le polizze assicurative prevedono che l’assicurato adempia a una serie di obblighi al fine di ottenere il diritto al risarcimento.

Tali obblighi sono:

  • esplicare tutte le azioni e prendere tutte le misure necessarie a prevenire e minimizzare i danni o il loro aggravamento, nonché a salvaguardare l’eventuale azione di rivalsa contro i terzi responsabili
  • comunicare all’assicuratore, non appena a conoscenza, tutti gli elementi e le notizie che si riferiscono all’evento
  • elevare precise riserve sui documenti che si firmano al momento della ricezione della merce (buoni di consegna, ricevute di carico, eccetera)
  • richiedere immediatamente, appena si ha la disponibilità della merce o si è a conoscenza del danno, l’intervento del Commissario di avaria designato dall’assicuratore, fornendogli tutti i dati nonché l’assistenza necessaria
  • non procedere alla vendita delle merci danneggiate senza la preventiva autorizzazione dell’assicuratore o di chi tutela il suo interesse
  • fornire tutta la documentazione e fare quanto altro richiesto per la pronta esecuzione di detti provvedimenti.

Assolti gli obblighi sopra indicati, l’assicurato potrà richiedere il risarcimento all’assicuratore presentando la documentazione probante, la quale si differenzia per modalità di trasporto.

DOCUMENTImareaereaautoF S
Originale polizza assicurazione 

*

*

*

*

Polizza di carico

*

   
Airwaybill  

*

  
Lettera di vettura 

 

 

*

*

Bolla di consegna con riserve

*

*

*

*

Fattura delle merci 

*

*

*

*

Packing list

*

*

*

*

Dich. mancata consegna

*

*

*

*

Certificato di avaria 

*

*

*

*

Processo verbale FS   

*

Descrizione fatto degli autisti  

*

 
Reclamo al responsabile danno

*

*

*

*

Denuncia furto alle Autorità  

*

 
Verbale ritrovamento autocarro  

*

 

Giovanna Bongiovanni 

Tag dell'informativa
La documentazione richiesta
Altre tematiche
Franchising internazionale: quando scegliere l’area development
Franchising internazionale: quando scegliere l’area development
La formula franchising per l’estero presenta tre principali declinazioni: il master franchising, modello strategico in cui la casa-madre concede la licenza in esclusiva ad un partner per un Paese o macro-area con l’impegno di sviluppare ...
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Coronavirus e trasporti internazionali: Marocco
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Coronavirus e trasporti internazionali: Austria, Danimarca, Francia, Germania, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svizzera
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Coronavirus e trasporti internazionali: Russia, Ucraina, Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia,  Slovenia
Coronavirus e trasporti internazionali: Albania, Bosnia, Romania, Macedonia, Serbia, Slovenia
Di seguito la situazione nei vari Paesi di maggiore interesse per il commercio internazionale, secondo le notizie rese note dal Ministero Affari Esteri ed ANITA. Considerati i continui aggiornamenti e modifiche, le informazioni riportate potrebbero essere non aggiornate.
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Dal prodotto all’insegna quale leva per sostenere export e listini
Progettare un piano di export significa innanzitutto mappare lo “stato dell’arte” del singolo mercato di sbocco e valutarne le potenzialità, non soltanto sotto il profilo della domanda finale ma anche e, talora, soprattutto della domanda intermedia ovvero dei buyer e delle strutture distributive in essere.
Aggregarsi per l'export
Aggregarsi per l'export
Il panorama industriale italiano gode di un numero altissimo (circa 3 milioni) di piccole o addirittura micro aziende (rispettivamente con meno di 50 o 10 dipendenti). La media non raggiunge i 4 dipendenti per azienda, quando in Germania, ad esempio, è circa il triplo.
Il piano di business internazionale in 6 passi
Il piano di business internazionale in 6 passi
L’elaborazione di un piano marketing per l’estero serve a formalizzare un approccio pianificato che permetta di ridurre tempi, costi e rischi del processo di internazionalizzazione, evitando di procedere per tentativi o in base ad una valutazione superficiale dei mercati esteri e dei punti di forza e di debolezza dell’impresa.
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
L’importanza di tutelare la proprietà intellettuale
Con il termine proprietà intellettuale (PI) si indica un sistema di tutela giuridica dei beni immateriali frutto dell’attività creativa e inventiva dell’uomo, come le opere artistiche e letterarie, le invenzioni industriali e i modelli di utilità, il design e i marchi.
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
Proprietà intellettuale e sorveglianza doganale
La piaga economico-sociale della contraffazione preoccupa e occupa ogni giorno moltitudini di imprese in tutto il mondo.