A gennaio crolla del 38% l’export Made in Italy verso il Regno Unito

di lettura

Secondo un'analisi Coldiretti dei dati Istat relativi al commercio estero di gennaio 2021, le esportazioni Made in Italy nel Regno Unito sono crollate del 38,3% per effetto degli ostacoli burocratici e amministrativi.

Image

I prodotti italiani più esportati nel Regno Unito sono, nell’ordine:

  • alimentari
  • mezzi di trasporto
  • abbigliamento
  • macchinari

Diminuiscono anche le importazioni in Italia da Oltremanica (-70,3%) in particolare mezzi di trasporto, prodotti chimici, macchinari e apparecchi.

Le difficoltà negli scambi commerciali con la Gran Bretagna mettono in pericolo 3,4 miliardi di esportazioni agroalimentari Made in Italy dello scorso anno con il Regno Unito che si è classificato al quarto posto tra i partner commerciali del Belpaese per cibo e bevande dopo Germania, Francia e Stati Uniti.

Dopo il vino, con il prosecco in testa, al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti in Gran Bretagna ci sono i derivati del pomodoro, la pasta, i formaggi (in primis Grana Padano e Parmigiano Reggiano), i salumi e l’olio d’oliva.

Le tensioni alle frontiere possono trasformarsi in ritardi, particolarmente dannosi soprattutto per i prodotti alimentari deperibili.

Le criticità maggiori sono riscontrabili a livello di procedure doganali e sono legate all’aumento dei costi di trasporto dovuti a ritardi, maggiori controlli e in generale alla burocrazia.

Ad essere colpiti, spiega la Coldiretti, sono soprattutto i piccoli produttori. Difficoltà specifiche pesano sul settore florovivaistico, già duramente colpito dalla pandemia, in quanto manca il riconoscimento reciproco dei passaporti fitosanitari. A questo si lega anche la mancanza di un accordo sui requisiti fitosanitari e sanitari (Sps) che dal 1° luglio rischia di rendere il quadro ancora più complicato perché le autorità britanniche saranno chiamate a controlli alle frontiere sempre più completi.

Anche nel settore vitivinicolo, che è la principale voce dell’export agroalimentare Made in Italy, si potrebbe riscontrare difficoltà soprattutto in materia di etichettatura, con norme specifiche previste però solo ad ottobre 2022.

Fonte: Coldiretti

Analisi di mercato
Nota mensile Istat dicembre 2021
Nota mensile Istat dicembre 2021
In Italia, a novembre, l’indice della produzione industriale ha mostrato un deciso incremento. Nel quarto trimestre, la fiducia di famiglie e imprese si è mantenuta su livelli storicamente elevati.
Olio di oliva: campagna 2021/22
Olio di oliva: campagna 2021/22
Secondo il Rapporto Ismea dedicato all’olio di oliva, le prime stime produttive a livello internazionale attestano i volumi della campagna in corso a 3,1 milioni di tonnellate.
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Secondo dati UCIMU-sistemi per produrre tutti i principali indicatori settoriali hanno registrato incrementi a doppia cifra. Il trend proseguirà anche nel 2022, anno in cui sarà recuperato il terreno perso nel 2020.
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
Nei primi dieci mesi del 2021 l'export italiano di beni è cresciuto del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti, le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Secondo l’analisi di Euler Hermes (Allianz), il commercio globale crescerà nel 2022 del 5,4% anche se le discontinuità nelle catene di approvvigionamento rimarranno elevate fino alla seconda metà dell’anno.
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
L’Istat prevede una crescita sostenuta del Pil italiano nel biennio 2021-2022 (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo).
Worldwide Cost of Living 2021
Worldwide Cost of Living 2021
Secondo il rapporto dell'Economist Intelligence Unit, la città più costosa al mondo in cui vivere è Tel Aviv che guadagna 5 posizioni rispetto alla precedente edizione.
Ocse rivede al rialzo Pil Italia, Pil mondiale al ribasso
Ocse rivede al rialzo Pil Italia, Pil mondiale al ribasso
Secondo gli ultimi dati Istat, nel terzo trimestre l’economia italiana è cresciuta del 2,6% e la crescita acquisita per l'intero anno supera i sei punti percentuali.
Struttura e competitività delle imprese multinazionali (2019)
Struttura e competitività delle imprese multinazionali (2019)
Nel 2019, il fatturato delle imprese a controllo estero ha registrato un incremento decisamente più ampio di quello delle imprese residenti in Italia (+5% contro +0,8%).
Export settembre 2021
SACE - Simest: export italiano settembre 2021
Tra gennaio e settembre  il ritmo di crescita delle esportazioni è rallentato, ma si mantiene su livelli elevati (+20,1% su gen-set’20).