L'accordo Unione Europea - Giappone: opportunità per le imprese italiane

di lettura

Il 6 luglio il Giappone e l'UE hanno raggiunto un "accordo in linea di principio" su un futuro "accordo di partenariato economico". Ma cosa cambierà per le imprese italiane?

L'accordo Unione Europea - Giappone: opportunità per le imprese italiane

Il partenariato è stato accolto dalla Commissione europea come "il più importante accordo commerciale bilaterale mai concluso dall'UE" e comporterà non solo alla riduzione delle tariffe e alle barriere non tariffarie, ma impegnerà entrambe le parti a sviluppare la sostenibilità, compresa l'attuazione del Accordo sul clima di Parigi. 

L'accordo (JEEPA -Japan-EU Economic Partnership Agreement ), il cui sviluppo è stato è iniziato nel 2013, spera, tra l’altro di ridurre o eliminare le tariffe e di armonizzare le norme per gli alimenti e le bevande che vanno dall'UE al Giappone, e, allo stesso per automobili e elettronica di consumo provenienti dal Giappone al UE. 

In dettaglio l’accordo riguarda:

  • prodotti agroalimentari
  • macchinari elettrici
  • prodotti farmaceutici
  • dispositivi medici (apparecchi a raggi x, pacemaker, ecc.)
  •  veicoli a motore
  • mezzi di trasporto
  • tessile e abbigliamento
  • calzature e prodotti in cuoio
  • prodotti forestali.

Il JEEPA accordo porterà notevoli benefici alle imprese europee e aumenterebbe:

  • del 170-180% (+10 miliardi) le esportazioni di alimenti processati 
  • del 4-22% (+700 milioni-3 miliardi) le esportazioni nella chimica
  •  dell'1-6% (+650 milioni di euro) le esportazioni di macchinari elettrici. 
  • Sono 74 mila le società Ue che esportano in Giappone, 78% delle quali piccolo e medie.

Tale notevole incremento deriverebbe principalmente dalla abolizione/diminuzione dei dazi all’importazione nel paese del sol levante. Ad oggi, infatti, solo per citarne alcuni, le tariffe doganali  

Sono elevate su questi e altri prodotti alimentari e bevande europei:

  • 30-40% sul formaggio
  • 38,5% sulle carni bovine
  • 15% sui vini
  • fino al 24% sulle paste alimentari
  • fino al 30% sul cioccolato

Il partenariato EU – JP prevede semplificazioni riguardanti le normative di inserimento delle merci nel paese, a solo titolo esemplificativo esistono procedure complicate e costose per far approvare ogni singola varietà di frutta importata.

L’accordo dovrebbe entrare in vigore all’inizio del 2019. Le imprese italiane dovrebbero strutturarsi per intraprendere fin da ora rapporti con il paese e sfruttare l’opportunità delle semplificazioni offerte.

Dott. Marco Bertozzi

Fonte: Commissione Europea

Analisi di mercato
Analisi settori industriali Prometeia:  febbraio 2021
Analisi settori industriali Prometeia: febbraio 2021
Secondo le stime Prometeia, l’industria manifatturiera italiana chiuderà il 2020 con un calo tendenziale del giro d’affari del 10.2% (- 132 miliardi di euro rispetto al 2019).
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
Nuove opportunità di investimento in Indonesia
L’Indonesia è il paese con il maggior potenziale di crescita a lungo termine nel Sudest asiatico. ...
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
SACE - Simest: Export italiano dicembre 2020
Il 2020 si è chiuso con una flessione dell'export italiano di beni del 9,7% rispetto all'anno precedente, il dato peggiore dalla crisi del 2009 ma comunque superiore alle attese.
Export settore cosmetico
Export settore cosmetico
L’ultima analisi congiunturale di Cosmetica Italia (febbraio 2021) conferma  le pesanti difficoltà incontrate dalle imprese italiane sul mercato interno e sul mercato estero.
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche e €-coin (gennaio 2021)
Previsioni economiche d’inverno della Commissione Europea e andamento €-coin di Banca d’Italia.
Dinamiche export regioni italiane
Dinamiche export regioni italiane
Analisi SACE - Simest sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane (gennaio – settembre 2020).
Crollo del turismo nel 2020
Crollo del turismo nel 2020
Le restrizioni ai viaggi causate dalla pandemia hanno colpito come non mai il settore turistico globale: il calo del 74% degli arrivi di turisti nel mondo ha causato perdite per 1.300 miliardi di dollari rispetto al 2019.
Vino certificato e biologico made in Italy
Vino certificato e biologico made in Italy
Il Working paper elaborato dall’Istat descrive, elabora e analizza i principali indicatori relativi al vino certificato e al vino biologico.
Export Italiano nel 2019
Export Italiano nel 2019
L’Annuario statistico italiano 2020 dell'Istat contiene dati sull’internazionalizzazione delle imprese e sul trend del nostro export.
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
SACE - Simest: Export italiano novembre 2020
Nei primi undici mesi del 2020 l'export italiano di beni ha registrato una flessione del 10,8% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.