Agroalimentare: Germania e Polonia mercati trainanti

di lettura

Germania e Polonia, i mercati che  evidenziano diffuse performance favorevoli del made in Italy agroalimentare nel I semestre 2018.

Agroalimentare: Germania e Polonia mercati trainanti nel I semestre 2018

Il secondo trimestre 2018 ha confermato la fase favorevole della domanda mondiale di Agroalimentare, con un incremento stimato del +5% a prezzi costanti, sugli stessi ritmi dei primi tre mesi dell’anno.
Complessivamente, nei primi sei mesi dell’anno si segnalano due mercati europei particolarmente dinamici: il primo, la Germania, è un mercato consolidato in cui le vendite italiane stanno evidenziando quote in diversi settori agroalimentari, grazie a crescite più accelerate della media dei concorrenti esteri; il secondo mercato, la Polonia, si caratterizza per rilevanti performance di crescita delle importazioni agroalimentari, con buoni risultati per le vendite italiane nei settori più rilevanti per il made in Italy.

Le performance del mercato agroalimentare tedesco

Nel primo semestre 2018 l’import tedesco di prodotti agroalimentari dal mondo ha evidenziato un aumento tendenziale stimato in oltre 1.4 miliardi di euro (fonte: elaborazioni MarketBarometer da Sistema Informativo Ulisse).
Nella prima metà dell’anno i settori agroalimentari più dinamici in termini di incrementi delle importazioni tedesche risultano quelli di Frutta fresca (+381 milioni di euro rispetto al 1° semestre 2017), Latte, yogurt, burro e formaggi (+256 milioni di euro), Carne e pesce, lavorati e confezionati (+221 milioni di euro), Acqua e bevande analcoliche (+191 milioni di euro), Carni fresche e congelate (+169 milioni di euro), Bevande alcoliche (+154 milioni di euro). 

Mercato Germania: andamenti importazioni in euro per competitor
La dimensione dei rettangoli è proporzionale al valore delle importazioni dell'ultimo anno. Il colore dei rettangoli esprime il tasso di variazione tendenziale della media mobile


Fonte: MarketBarometer (ExportPlanning.com)

I casi più interessanti con riferimento alle vendite italiane sono documentati nella rappresentazione grafica sopra riportata. 
In particolare, l’Italia risulta tra i paesi competitori “vincenti” sul mercato tedesco, con dinamiche tendenziali in euro a due cifre, nei settori Frutta fresca (dove il nostro paese figura al 2° posto tra i partner commerciali, alle spalle della Spagna, competitor solo moderatamente in crescita nel periodo più recente), Latte, yogurt, burro e formaggi (insieme a Olanda, Danimarca, Austria e Polonia) e Acqua e bevande analcoliche (in compagnia di Olanda, Austria e Polonia).
In un settore in cui il nostro paese vanta la leadership del mercato tedesco, come quello delle Bevande alcoliche, invece, nel 2018 la performance tendenziale dell’Italia - seppur moderatamente positiva (al pari di quella dell’altro market leader, la Francia) – risulta meno favorevole della media dei competitor presenti sul mercato (con Spagna, Regno Unito e Stati Uniti principali partner commerciali in crescita sul mercato tedesco).

Le performance del mercato agroalimentare polacco

Nei primi sei mesi dell’anno l’import agroalimentare polacco ha evidenziato un aumento tendenziale stimato complessivamente in 441 milioni di euro (fonte: elaborazioni MarketBarometer). 
I settori più dinamici in termini di incrementi delle importazioni polacche risultano quelli di Carni fresche e congelate (+68 milioni di euro rispetto al 1° semestre 2017), Carne e pesce, lavorati e confezionati (+52 milioni di euro), Acqua e bevande analcoliche (+43 milioni di euro), Frutta fresca (+41 milioni di euro), Ortaggi e frutta, lavorati e confezionati (+39 milioni di euro), Pesce fresco, congelato, secco e affumicato (+34 milioni di euro) e Bevande alcoliche (+33 milioni di euro); in crescita nei valori tendenziali - con incrementi superiori ai 10 milioni di euro - anche le importazioni di Mangimi, Zucchero, cioccolata, dolciumi e gelati, Latte, yogurt, burro e formaggi, Ortaggi e legumi, freschi e conservati, Lieviti, estratti e malto, Riso, farina ed amidi, Olio, condimenti e spezie e Biscotti ed altri prodotti da forno.
I casi più interessanti con riferimento alle vendite italiane sono documentati qui di seguito.

Mercato Polonia: andamenti importazioni in euro per competitor

La dimensione dei rettangoli è proporzionale al valore delle importazioni dell'ultimo anno. Il colore dei rettangoli esprime il tasso di variazione tendenziale della media mobile.

Fonte: MarketBarometer (ExportPlanning.com)

In particolare, l’Italia si colloca tra i best performer del mercato polacco nei settori Carne e pesce, lavorati e confezionati (in compagnia di Olanda e Danimarca), Bevande alcoliche (insieme a Spagna, Francia e Stati Uniti e rafforzando, così, il 2° posto tra i paesi competitori, dietro al Regno Unito) e Zucchero, cioccolata, dolciumi e gelati (consolidando il 2° posto nella graduatoria dei partner commerciali del mercato polacco dietro alla Germania). 
In particolare, l’Italia risulta tra i paesi competitori “vincenti” sul mercato tedesco, con dinamiche tendenziali in euro a due cifre, nei settori Frutta fresca (dove il nostro paese figura al 2° posto tra i partner commerciali, alle spalle della Spagna, competitor solo moderatamente in crescita nel periodo più recente), Latte, yogurt, burro e formaggi (insieme a Olanda, Danimarca, Austria e Polonia) e Acqua e bevande analcoliche (in compagnia di Olanda, Austria e Polonia).
Nei settore Olio, condimenti e spezie, invece, la performance dell’Italia - seppur moderatamente positiva – risulta meno favorevole della media dei competitori presenti sul mercato (con Olanda, Regno Unito, Austria e Ucraina principali partner commerciali in crescita).

Marcello Antonioni

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Scenari al 2030 per l’economia italiana
Secondo Prometeia, nel 2030 il Pil italiano potrebbe segnare un balzo di oltre 10 punti percentuali rispetto al 2019, con una crescita media nei dieci anni vicina al 2% (se i fondi Next Generation EU verranno utilizzati in modo efficiente).
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
PIL in ripresa dal secondo trimestre 2021
Secondo la pubblicazione trimestrale elaborata dall’Istituto di previsione economica tedesco Ifo, dall’Istat e dall’Istituto svizzero KOF nel IV trimestre 2020, il Pil dell'area dell'euro è diminuito meno del previsto (-0,7%).
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
LuxCo 2030: prodotti di lusso sempre più sostenibili
Secondo il Report "LuxCo2030: A Vision of Sustainable Luxury", nel 2030 saranno leader i brand che sapranno mettere la sostenibilità al centro delle loro strategie rivendendo valori aziendali e modelli di business.
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
PwC: operazioni M&A nel secondo semestre 2020
Dopo il calo di marzo/giugno, PwC registra una forte ripresa delle operazioni M&A nel secondo semestre 2020.
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
L’economia lombarda: le 5 eccellenze da cui ripartire
La rilevanza della Lombardia è tale che la ripartenza post-Covid della regione risulta decisiva per accompagnare l’Italia fuori dalla crisi.
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
SACE - Simest: Export italiano Gennaio 2021
Il 2021 si è aperto con una contrazione dell'export di beni pari all'8,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Il dato risente del confronto con un inizio 2020 ancora esente dagli effetti della pandemia.
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
Rapporto sulla Bioeconomia in Europa
La sesta edizione del Rapporto è dedicata alla filiera agro-alimentare, che rappresenta uno dei motori della Bioeconomia e un elemento chiave nel percorso di transizione verso un sistema di produzione e consumo più sostenibili.
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Esportazioni delle regioni italiane nel 2020
Nel quarto trimestre 2020, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni più ampia per il Nord-ovest (+6,5%) e il Sud e Isole (+5,7%), più contenuta per il Centro (+3,6%) e il Nord-est (+3,4%).
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
Nel 2020 l’export di vino italiano cala del 2,3%
L'export italiano di vino nel 2020 resiste all’onda pandemica e registra perdite a valore pari a -2,3%. Molto meglio della Francia (-10,8%) e anche della Spagna (-3,2%).
SACE: Mappa dei rischi 2021
SACE: Mappa dei rischi 2021
La Mappa elaborata da SACE prospetta un anno di incremento generalizzato a livello dei rischi del credito e politici, seppure con intensità diverse a seconda delle varie geografie.