Andamento Euro-coin

di lettura

€-coin è l’indicatore sviluppato dalla Banca d’Italia che fornisce una stima sintetica del quadro congiunturale corrente nell’area dell’euro.

Image

gennaio 2021 €-coin è salito a 0,99 (da 0,38 in dicembre), proseguendo il recupero della dinamica di fondo dell’economia dell’area dell’euro. L’andamento dell’indicatore riflette la tenuta dell’attività manifatturiera e gli elevati livelli della fiducia delle imprese del comparto. A febbraio è rimasto sostanzialmente stabile (0,96).

In marzo €-coin è balzato a 1,36 (è proseguito il recupero della fiducia delle imprese manifatturiere e si è attenuato il pessimismo nel settore dei servizi. La produzione industriale ha continuato a sostenere l’attività anche grazie alla buona ripresa del commercio mondiale).

Dopo la fiammata di marzo, ad aprile l'indice è sceso a 0,92 (da 1,36 in marzo), ma continua a segnalare l’espansione della dinamica di fondo dell’economia dell’area dell’euro. Un lieve indebolimento dell’attività industriale ha compensato un ulteriore miglioramento delle attese di famiglie e imprese.

Valori più recenti dell’indicatore

Mese

€-COIN

Gennaio 2020

0,37

Febbraio 2020

0,32

Marzo 2020

0,13

Aprile 2020

-0,34

Maggio 2020

-0,24

Giugno 2020

-1,05

Luglio 2020

-1,22

Agosto 2020

-1,59

Settembre 2020

-1,45

Ottobre 2020

0,11

Novembre 2020

0,11

Dicembre 2020

0,38

Gennaio 2021

0,99

Febbraio 2021

0,96

Marzo 2021 

1,36

Aprile 2021

0,92

Per la stima della dinamica del PIL, gli analisti prendono in considerazione vari parametri, tra cui: indici di produzione industriale, sondaggi congiunturali, indicatori di domanda e indici di borsa. €-coin precede di alcuni mesi l’uscita del dato ufficiale sulla crescita trimestrale del PIL dell’area rilasciato dall’Eurostat e ne anticipa il segnale.

Fonte: Banca d'Italia 

Analisi di mercato
Report 2020 AssoBirra
Report 2020 AssoBirra
Secondo i dati pubblicati da AssoBirra, nel 2020 la produzione nazionale è dimi­nuita dell’8,4% (da 17.288.000 ettolitri a 15.829.000).
Indagine congiunturale industria metalmeccanica italiana
Indagine congiunturale industria metalmeccanica italiana
La produzione metalmeccanica, dopo il crollo registrato nel 2020 (-13,5%), ha evidenziato un progressivo miglioramento.
Evoluzione del commercio con l’estero per aree e settori 2021
Evoluzione del commercio con l’estero per aree e settori 2021
Il Rapporto ICE-Prometeia traccia l’andamento dell’export italiano durante l’emergenza pandemica e indica la prospettiva di ripresa del commercio mondiale per settori e per Paesi.
Migliorano le previsioni Istat sull’economia italiana
Migliorano le previsioni Istat sull’economia italiana
L’Istat prevede per l’Italia una sostenuta crescita del Pil sia nel 2021 (+4,7%), sia nel 2022 (+4,4%).  
Ocse e Banca d’Italia rivedono al rialzo previsioni di crescita
Ocse e Banca d’Italia rivedono al rialzo previsioni di crescita
Secondo il recente Outlook dell’Ocse l’economia italiana crescerà quest’anno del 4,5% (a marzo era +4,1%) e del 4,4% nel 2022 (+4% a marzo). Il Pil tornerà ai livelli del 2019 nel secondo semestre del 2022.
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021
Rapporto sulla competitività dei settori produttivi 2021
Il Rapporto sulla competitività dei settori produttivi elaborato dall'Istat fornisce alcune prime misurazioni degli effetti economici della pandemia.
SACE - Simest: Export italiano Marzo 2021
SACE - Simest: Export italiano Marzo 2021
Accelera la ripresa dell’export a marzo (+3,2% vs. feb.‘21) e nel primo trimestre dell’anno (+2,6% rispetto a ottobre-dicembre 2020).
Consensus e Monitor Altagamma Maggio 2021
Consensus e Monitor Altagamma Maggio 2021
Nel 2021 riprenderanno i consumi personali di lusso, trainati dalla forte domanda cinese e statunitense e dalla definitiva affermazione dell’ecosistema digitale.
L’export riprende slancio nel primo trimestre
L’export riprende slancio nel primo trimestre
Secondo i dati Istat, nel primo trimestre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,6%, l’import del 5%.
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Diffusione delle tecnologie nelle aziende zootecniche (2020)
Secondo il recente report dell’Istat, nel 2020, il 38,5% delle aziende zootecniche italiane ha una gestione informatizzata degli allevamenti (rispetto al 6,6% del 2010).