Dinamiche export regioni italiane

di lettura

Analisi SACE - Simest sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane (gennaio – settembre 2020).

Image

L’export italiano è diversificato a livello territoriale. Ogni provincia presenta peculiarità produttive ed è proprio tale livello di specializzazione a rendere il Made in Italy un unicum nello scenario mondiale.

I dati pubblicati a dicembre 2020 evidenziano per i primi 9 mesi dell’anno un forte calo dell’export su quasi tutto il territorio nazionale rispetto allo stesso periodo del 2019 (-12,5%).

L’area che nel complesso ha risentito meno delle ripercussioni negative sulla domanda dei propri prodotti da parte di Paesi stranieri è stata quella che già nel 2019 aveva registrato una crescita superiore rispetto alla media nazionale: il Mezzogiorno.

Questo risultato è stato possibile grazie a due fattori:

  • la propensione per l’agroalimentare dell’export del Meridione
  • la performance eccezionale dell’export del Molise, che nonostante lo shock pandemico, è cresciuto di oltre il 30%.

In Campania, Puglia, Abruzzo, Basilicata, Molise e Calabria il tasso medio di crescita del comparto di alimentari e bevande nei primi nove mesi del 2020 è stato del 10,1% rispetto allo stesso periodo del 2019, contro la media nazionale pari all’1,3%.

Si osserva una tenuta del Sud Italia superiore a quella del Nord. Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Toscana e Piemonte, pur continuando a giocare ruoli da protagoniste per l’export nazionale, hanno visto un calo in quasi tutti i settori esportativi, in particolare nella meccanica e nel tessile e abbigliamento. Il comparto agroalimentare, anche in queste regioni, è quello che ha saputo contenere maggiormente gli effetti negativi.

La meccanica strumentale ha subito una contrazione in tutte le regioni d’Italia, provocando in particolare una flessione in quelle, come Lombardia e Piemonte, per le quali il settore è significativamente importante.

Andamento delle esportazioni regionali

Export regioni italiane settembre 2020

La performance eccezionale del Molise (+31,4%) è scaturita dai picchi dei settori dell’estrattiva (+11.986%), della farmaceutica (+396%), nonché dai primi due settori in termini di valore della regione: i mezzi di trasporto (+63,9%) e gli alimentari e bevande (+30,5%).

La Liguria nei primi nove mesi del 2020 ha registrato un andamento positivo dell’export, grazie a movimentazioni occasionali verso gli Stati Uniti nel comparto della cantieristica navale.

Sempre nello stesso periodo, l’export dell’Emilia-Romagna (-10,6% rispetto allo stesso periodo del 2019) e del Veneto (-11,0%) è riuscito a mantenersi meno negativo della media nazionale grazie, anche in questo caso, al comparto degli alimentari e bevande.

In Toscana il settore dei metalli e quello della farmaceutica nei primi nove mesi del 2020, nonostante lo shock pandemico, hanno registrato una crescita di oltre il 40%, garantendo la generale tenuta dell’export. Questi risultati hanno permesso alla Toscana di raggiungere il Piemonte in termini di valore esportato (ora sono separate da meno di 300 milioni di euro).

In Sicilia e Sardegna nel 2019 il settore dei raffinati copriva il 56,1% e l’82,6% del totale delle loro esportazioni, dunque il crollo delle vendite per questo settore, nell’ordine di quasi il 34% e del 48%, ha causato un risultato complessivo molto negativo.

A livello provinciale ha spiccato il comparto del tessile e abbigliamento della provincia di Arezzo che, al contrario del settore in generale - attestatosi a livello nazionale a -21,5% (gennaio-settembre 2020 vs. gennaio-settembre 2019) - è riuscito a mantenersi stabile (+0,2%).

Un eccezionale risultato è stato raggiunto anche dalla provincia di Forlì-Cesena che nel comparto mobili è riuscita a crescere (+8,7%) grazie alla domanda dei consumatori francesi, che nei primi 9 mesi del 2020 hanno acquistato oltre il 55% del totale dei prodotti.

Carlotta Fumei e Stefano Gorissen

Fonte: SACE - Simest

Italy Map SACE

SACE – Simest ha pubblicato schede regionali che presentano  il valore dell’export, i settori di punta e le performance storiche dell’export regionale con dati di dettaglio a livello provinciale.

Analisi di mercato
Report SACE sul sistema moda
Report SACE sul sistema moda
“ Il Fashion tornerà di moda? ” analizza il settore tessile-moda italiano e gli scambi con l’estero e prevede la ripresa dallo shock pandemico nel corso di quest’anno.
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
A novembre, l’export italiano di beni si conferma in crescita (+2,7% su ottobre), grazie agli aumenti registrati verso l’area extra-Ue (+2,9%) e Ue (+2,4%).
Commercio con l’estero novembre 2021
Commercio con l’estero novembre 2021
Nel trimestre settembre-novembre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce dell’1,9%, l’import del 4,5%.
Nota mensile Istat dicembre 2021
Nota mensile Istat dicembre 2021
In Italia, a novembre, l’indice della produzione industriale ha mostrato un deciso incremento. Nel quarto trimestre, la fiducia di famiglie e imprese si è mantenuta su livelli storicamente elevati.
Olio di oliva: campagna 2021/22
Olio di oliva: campagna 2021/22
Secondo il Rapporto Ismea dedicato all’olio di oliva, le prime stime produttive a livello internazionale attestano i volumi della campagna in corso a 3,1 milioni di tonnellate.
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Secondo dati UCIMU-sistemi per produrre tutti i principali indicatori settoriali hanno registrato incrementi a doppia cifra. Il trend proseguirà anche nel 2022, anno in cui sarà recuperato il terreno perso nel 2020.
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
Nei primi dieci mesi del 2021 l'export italiano di beni è cresciuto del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti, le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Secondo l’analisi di Euler Hermes (Allianz), il commercio globale crescerà nel 2022 del 5,4% anche se le discontinuità nelle catene di approvvigionamento rimarranno elevate fino alla seconda metà dell’anno.
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
L’Istat prevede una crescita sostenuta del Pil italiano nel biennio 2021-2022 (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo).
Worldwide Cost of Living 2021
Worldwide Cost of Living 2021
Secondo il rapporto dell'Economist Intelligence Unit, la città più costosa al mondo in cui vivere è Tel Aviv che guadagna 5 posizioni rispetto alla precedente edizione.