Le Free Zone degli Emirati Arabi Uniti

di lettura
Le procedure per insediarsi nelle Free Zone degli Emirati Arabi Uniti sono relativamente semplici e veloci. Attualmente esistono più di 30 zone franche. Alcune sono “generaliste” e consentono lo svolgimento di qualsiasi attività economica o commerciale, altre sono “specialistiche”.

La possibilità di insediarsi nella zona franca è consigliabile alle aziende che intendano spostare la produzione o la base distributiva negli Emirati e quando una parte consistente del loro giro d’affari è destinato all’area limitrofa (Medio-Oriente, Subcontinente Indiano, Cina).

Per quanto riguarda le questioni legali e commerciali, le società in possesso di una licenza per operare nella zona franca sono autorizzate ad operare all’interno della zona franca e al di fuori degli Emirati.

Le operazioni all’interno degli EAU possono essere svolte solo da agenti commerciali, rappresentanti, distributori o aziende con licenza dell’autorità degli EAU.

Incentivi

Per favorire l’insediamento di attività straniere nelle Free Zone vengono concessi vari incentivi, fra cui:

  • 100% della proprietà dell’attività in capo allo straniero
  • Nessuna tassa sul reddito personale o sulle plusvalenze
  • Nessuna tassa sulle operazioni societarie per un determinato periodo (variabile a seconda della Free Zone, ma di norma non inferiore a 15 anni)
  • Esenzione dai dazi d’importazione e di esportazione
  • Possibilità di trasferire, completamente e senza alcuna formalità, profitti e utili all’estero
  • Fornitura energetica abbondante e a basso costo
  • Libertà completa nell’assunzione del personale che può essere anche interamente straniero
  • Procedure d’assunzione semplici ed efficienti e disponibilità di manodopera competitiva, qualificata ed esperta
  • Supporto amministrativo da parte delle autorità della zona franca.
  • Sistema bancario flessibile e abituato a operare con investitori internazionali.

Licenze

Per stabilire un’impresa in una Free Zone è necessario richiedere una licenza. Tendenzialmente le licenze rilasciate dalle Autorità delle Free Zone, rinnovabili annualmente, sono di quattro tipi:

  1. commerciale
  2. industriale
  3. di servizi
  4. industria nazionale

Se un’impresa vuole praticare più attività dovrà richiedere una licenza per ogni categoria d’attività.

Licenza per attività commerciali

Concessa a società che intendono importare, esportare, vendere, distribuire e immagazzinare merci indicate nella licenza. Non è necessario ricevere una licenza da un ente emiratino (ad esempio Dubai Economic Department).

Licenza per attività industriali

Necessaria quando l’attività d’impresa ha ad oggetto l’importazione di materiali grezzi, la produzione di determinati prodotti e l’esportazione di prodotti finiti all’estero.

Licenza per servizi

Concessa ad aziende che operano nel settore dei servizi e che svolgono la loro attività all’interno della Free Zone. Qualora il servizio sia reso da una filiale di società straniera, quest’ultima deve avere analoga licenza nel proprio paese d’origine.

Licenza per attività industriali “nazionali”

Rilasciata ad aziende industriali registrate sia all’interno che all’esterno degli UAE, possedute almeno al 51% da soggetti residenti nei paesi appartenenti al Consiglio del Golfo e che producano in loco almeno il 40% del loro valore aggiunto.
Tali aziende devono ottenere l’approvazione del Ministero della Finanza e dell’Industria. Una licenza per l’industria nazionale garantisce al suo detentore gli stessi diritti delle aziende nazionali o AGCC, e i prodotti esportati ad altri stati AGCC saranno esenti da dazi doganali.

Costituire un insediamento in una zona franca

Un insediamento nella Free Zone è un insediamento formato e registrato all’interno della zona franca e regolato unicamente dalle autorità della zona franca. E’ possibile costituire:

  • una Free Zone Company (FZCO)
  • un Free Zone Establishment (FZE)
  • una branch della casa madre straniera.

La FZCO ed il FZE devono avere un capitale minimo, che varia a seconda della Free Zone, e la responsabilità sarà limitata all’ammontare del capitale corrisposto (per la Branch non è richiesto alcun capitale).

Un FZ Establishment necessita solo di un singolo azionista ed è un’entità legale indipendente. Da un punto di vista legale, può essere assimilato alla nostra società a responsabilità limitata con un unico socio.

L’insediamento deve avere sempre un ufficio nella Free Zone in cui vengono inviate tutte le comunicazioni.

L’insediamento deve avere almeno un amministratore e un segretario, anche se i due ruoli possono essere rivestiti dalla medesima persona. Devono essere entrambi persone fisiche ed almeno uno di essi deve risiedere negli Emirati.

Deve essere inoltre nominato un revisore dei conti, scelto tra coloro che sono iscritti in un apposita lista tenuta dalle Autorità della Free Zone.

Va infine detto che gli insediamenti nella Free Zone, pur non dovendo rispettare le formalità di documentazione e di depositi richiesti dalle autorità degli Emirati Arabi Uniti, devono comunque rispettarne le leggi.

Avv. Stefano Meani

Tag dell'informativa

Analisi di mercato
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Cresce l’export dei prodotti agroalimentari biologici italiani
Agli stati generali del biologico, promossi all’interno di SANA, presentata la ricerca sul bio Made in Italy con dati aggiornati sull’export.
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
SACE - Simest: export italiano luglio 2022
Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021.
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Olio di oliva: cala il raccolto e aumentano i costi di produzione
Il report “2022, la guerra dell’olio Made in Italy” di Coldiretti e Unaprol descrive uno scenario segnato dai cambiamenti climatici e dai rincari di energia e materie prime che pesano su aziende e famiglie.
SACE: Rapporto export 2022
SACE: Rapporto export 2022
Il Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per le imprese alla ricerca di nuovi mercati.
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
L’impatto della guerra Russia – Ucraina sulla fornitura di alcune materie prime critiche
Il Report dell’OECD analizza le gravi interruzioni causate dalla guerra in particolare nell'approvvigionamento di materie prime critiche per la produzione industriale e per la transizione verde.
Italian sounding Rapporto 2022
Italian sounding Rapporto 2022
Assocamerestero e The European House Ambrosetti hanno analizzato e quantificato l’impatto economico dell’Italian Sounding che indebolisce il posizionamento all’estero dei prodotti italiani.
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Assoporti: dati I semestre 2022 dei porti italiani
Il primo semestre di quest’anno conferma la ripresa complessiva dei porti italiani, che continuano a registrare performance positive.
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
RetailX Italy Ecommerce Report 2022
Retailx ha pubblicato il report sul commercio elettronico in Italia, realizzato in collaborazione con Aci Worldwide e Tealium.
Bollettino economico BCE 5 / 2022
Bollettino economico BCE 5 / 2022
L’attività economica nell’area dell’euro sta rallentando. L’aggressione della Russia verso l’Ucraina, l’impatto dell’elevata inflazione, i perduranti vincoli dal lato dell’offerta esercitano un effetto frenante.
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
SACE - Simest: export italiano giugno 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi cresce a un ritmo più modesto (+2%).