Global Attractiveness Index 2020

di lettura

Presentati i risultati del GAI 2020, studio realizzato da The European House - Ambrosetti con Aviva Assicurazioni in Italia, Philip Morris Italia e Toyota Material Handling Italia.

Image

Il Global Attractiveness Index (GAI) mappa 144 economie del mondo e disegna la “geografia dell’attrattività”. Fornisce una chiave di lettura oggettiva e quantitativa per valutare e comparare differenti sistemi economici. Il GAI è un indice relativo che confronta ogni economia con “il risultato migliore”- nel 2020, ancora la Germania - prendendo a riferimento quattro macro-aree: apertura, innovazione, dotazione ed efficienza.

Nel 2020 il Gruppo di ricerca ha deciso di rafforzare il sotto-indice Sostenibilità, attraverso l’introduzione di due indicatori aggiuntivi, disponibili a livello globale: emissioni di CO2 pro capite e decessi legati all’inquinamento. Il GAI pone la sostenibilità al centro delle agende delle imprese e dei Governi e ne rafforza il posizionamento strategico per la determinazione delle politiche industriali per il prossimo decennio.

Classifica GAI 2020

Al 1° posto si conferma la Germania, seguita da Stati Uniti e Singapore che guadagna tre posizioni rispetto al 2019. Il Giappone scende dal  3° a 4°posto e il Regno Unito dal 4° al 5°.

Per l’Unione Europea (UE) si registra una diminuzione dell’attrattività:

  • negli ultimi 10 anni la percentuale europea di Investimenti Diretti Esteri sul totale globale è diminuita dal 43,7% al 30,7%
  • negli ultimi cinque anni, il 50% dei Paesi europei ha perso posizioni nel ranking totale (tra questi vi sono anche la Francia -5 e la Spagna -1, che nel GAI 2020 esce dalla Top 25 dei Paesi più attrattivi a livello globale.

Dopo i passi avanti fatti con l’approvazione del Piano Next Generation EU sono auspicabili: la promozione di una maggiore armonizzazione fiscale e normativa, la creazione di un mercato unico dell’energia e di una maggiore integrazione bancaria, una centralizzazione del debito europeo (finalizzato a specifiche azioni e policy quali green transition e digitalizzazione) e un’armonizzazione  di risorse e strumenti per il welfare state.

Italia

L’Italia è stabile al 18° posto, ma lo score evidenzia una riduzione da 61,15 nel 2019 a 60,36 nel 2020.

L’Italia evidenzia delle criticità soprattutto nella macroarea efficienza. Il Total Tax Rate, per esempio, secondo gli ultimi dati Eurostat, passa dal 53,1% al 59,1%, posizionando il Paese al 129° posto, in peggioramento.

Confermato il “nodo” della Crescita produttività totale dei fattori: nel 2019 la variazione negativa è pari a 0,27, 65° posto nella classifica 2020, in calo rispetto al 2019 (47°).

Il Paese presenta inoltre significativi margini di miglioramento sia in termini di sostenibilità, sia in termini di educazione: se si guarda ai risultati nelle aree del PISA Test Score, l’Italia perde due posizioni e scivola al 28° posto.

Per l’Italia sono auspicabili: la realizzazione di una riforma fiscale finalizzata a raggiungere una maggiore equità e semplificazione; un rilancio del Mezzogiorno (attraverso un vasto programma di perequazione infrastrutturale, edilizia e digitale e il potenziamento della formazione secondaria e terziaria); una strategia nazionale di lungo periodo per lo sviluppo di tecnologie verdi.

Previsioni di breve periodo

Il Rapporto 2020 cerca di cogliere i possibili effetti del Covid-19 sul ridisegno della mappa dell’attrattività. La pandemia inciderà negativamente su tutti i Key Performance Indicator (KPI) del GAI legati agli spostamenti di beni e persone, si contrarranno i KPI legati alla sfera economica (PIL, PNL pro capite, …), ma alcuni indicatori potranno anche essere soggetti a variazioni positive. Il lockdown, ad esempio, ha incentivato l’utilizzo di strumenti digitali e ha contribuito a ridurre emissioni e consumo di materie prime.

Il ribilanciamento delle Global Value Chain potrebbe determinare un ripensamento delle supply chain e la diffusione di nodi logistici a livello regionale.  Le imprese vincoleranno sempre meno i propri successi a un’area geografica specifica o a un Paese in particolare. In tale prospettiva di reshoring, l’Italia sarà chiamata a cogliere tale opportunità per attrarre e promuovere investimenti di imprese italiane e straniere.

Fonte: The European House - Ambrosetti (GAI 2020)

 

Analisi di mercato
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
SACE - Simest: export italiano novembre 2021
A novembre, l’export italiano di beni si conferma in crescita (+2,7% su ottobre), grazie agli aumenti registrati verso l’area extra-Ue (+2,9%) e Ue (+2,4%).
Commercio con l’estero novembre 2021
Commercio con l’estero novembre 2021
Nel trimestre settembre-novembre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce dell’1,9%, l’import del 4,5%.
Nota mensile Istat dicembre 2021
Nota mensile Istat dicembre 2021
In Italia, a novembre, l’indice della produzione industriale ha mostrato un deciso incremento. Nel quarto trimestre, la fiducia di famiglie e imprese si è mantenuta su livelli storicamente elevati.
Olio di oliva: campagna 2021/22
Olio di oliva: campagna 2021/22
Secondo il Rapporto Ismea dedicato all’olio di oliva, le prime stime produttive a livello internazionale attestano i volumi della campagna in corso a 3,1 milioni di tonnellate.
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Ottimo 2021 per macchine utensili, robotica e automazione
Secondo dati UCIMU-sistemi per produrre tutti i principali indicatori settoriali hanno registrato incrementi a doppia cifra. Il trend proseguirà anche nel 2022, anno in cui sarà recuperato il terreno perso nel 2020.
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
SACE - Simest: export italiano ottobre 2021
Nei primi dieci mesi del 2021 l'export italiano di beni è cresciuto del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti, le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Global Trade Report 2022 Euler Hermes
Secondo l’analisi di Euler Hermes (Allianz), il commercio globale crescerà nel 2022 del 5,4% anche se le discontinuità nelle catene di approvvigionamento rimarranno elevate fino alla seconda metà dell’anno.
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
Prospettive per l’economia italiana 2021-2022
L’Istat prevede una crescita sostenuta del Pil italiano nel biennio 2021-2022 (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo).
Worldwide Cost of Living 2021
Worldwide Cost of Living 2021
Secondo il rapporto dell'Economist Intelligence Unit, la città più costosa al mondo in cui vivere è Tel Aviv che guadagna 5 posizioni rispetto alla precedente edizione.
Ocse rivede al rialzo Pil Italia, Pil mondiale al ribasso
Ocse rivede al rialzo Pil Italia, Pil mondiale al ribasso
Secondo gli ultimi dati Istat, nel terzo trimestre l’economia italiana è cresciuta del 2,6% e la crescita acquisita per l'intero anno supera i sei punti percentuali.