I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni

di lettura

La Germania ha oltre 82 milioni di abitanti e un Pil pro-capite di circa 45mila euro annui.

I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni

La Germania è la quarta potenza economica e il terzo esportatore del mondo, la prima in Europa in entrambe le voci. La sua economia dipende molto dall’export (quasi il 50% del Pil, contro il 28% dell’Italia).

Questo Paese è da sempre il nostro primo partner commerciale, il primo mercato di sbocco delle nostre esportazioni. L’Italia invece occupa il quinto posto tra i paesi fornitori della Germania.

In alcuni settori, come la componentistica auto, si può dire che il Paese tedesco sia dipendente da noi. E infatti proprio in questi giorni le aziende tedesche del settore auto hanno chiesto al loro Governo di aiutare l’Italia altrimenti rischierebbero di perdere uno dei loro fornitori più importanti.

Agroalimentare

Il settore fattura circa 200 miliardi di euro/anno. Ben 10 dei 100 miliardi di interscambio complessivo italo-tedesco sono da ricondurre ai prodotti agroalimentari, per cui la Germania rappresenta per noi il primo mercato di sbocco, ricevendo il 20% del nostro export di settore. L’Italia è il terzo fornitore della Germania dopo Paesi Bassi e Francia.

Il fatturato del settore Bio in Germania è il più elevato in Europa e supera i 7 miliardi di euro anno. Nel settore dei prodotti agroalimentari di fascia alta (Feinkost e/o Delikatessen e/o Gourmetprodukte) esistono sia distributori specializzati che catene di distribuzione che trattano solo questo genere di prodotti in “private label”.

Automotive

L'industria automobilistica tedesca è la più grande industria del paese, rappresenta il 20% del fatturato di tutto il settore industriale. La Germania è il più grande mercato automobilistico europeo con una quota di oltre il 30% di tutte le auto prodotte in Europa e quasi il 20% delle nuove immatricolazioni. Ha una capacità produttiva di oltre un terzo del totale europeo. A livello globale un veicolo su cinque è tedesco.

Meccanica

La Germania rappresenta il 16% del commercio mondiale della meccanica ed è la seconda industria del paese con un fatturato di oltre 220 miliardi di euro/anno. L’Italia è il secondo fornitore dopo la Cina. Questo settore, oltre ad essere caratterizzato dall'alta tecnologia, combina tutte le tecnologie chiave del futuro quali elettronica, robotica, nuovi materiali e software.

La quarta rivoluzione industriale è iniziata in Germania con il progetto Industry 4.0 (software, intelligenza artificiale e hardware) per consentire al paese di diventare leader e fornitore di soluzioni di produzione avanzate.

E-commerce

La Germania occupa il quinto posto a livello mondiale per quanto riguarda il volume degli acquisti di e-commerce. Cresce a un ritmo annuale del 10% e fattura circa 65 miliardi di euro. Oltre 68 milioni di persone (84% della popolazione) sono utenti di piattaforme e siti Web di e-commerce su base regolare, e rappresentano un quarto del fatturato totale B2C in Europa.

Si tenga presente che oltre agli 82 milioni di consumatori residenti in Germania, una campagna pubblicitaria in tedesco può rivolgersi anche al mercato austriaco, a buona parte di quello svizzero e alle minoranze di lingua tedesca residenti nei Paesi vicini (Italia, Francia, Belgio, Polonia).

Nel complesso il gruppo dei consumatori di lingua tedesca sfiora i 100 milioni ed è di gran lunga il più importante in Europa.

Michele Lenoci

Analisi di mercato
Aibe Instant Survey - Covid 19
Aibe Instant Survey - Covid 19
La prima «Instant Survey» - condotta da Aibe con la collaborazione del Censis – analizza le misure economiche prese a seguito della pandemia e gli elementi che hanno particolare rilevanza per le prospettive di ripresa dell’Italia.
WEF: Covid-19 Risks Outlook
WEF: Covid-19 Risks Outlook
World Economic Forum, in collaborazione con Marsh & McLennan e Zurich Insurance Group, ha pubblicato un report sui rischi della pandemia per lo sviluppo economico.
E-commerce in Italia 2020
E-commerce in Italia 2020
Il report di Casaleggio Associati presenta l’andamento dell’e-commerce B2C in Italia nel 2019 e descrive l'impatto del Covid-19 sul commercio elettronico nei primi mesi 2020.
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Cerved: previsioni ricavi imprese italiane nel 2020-21
Le imprese italiane potrebbero perdere, a causa del Covid-19, tra i 270 e i 650 miliardi di fatturato nel biennio 2020-21, a seconda della durata dell’epidemia e della velocità della ripresa economica.
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni
La Germania ha oltre 82 milioni di abitanti e un Pil pro-capite di circa 45mila euro annui.
Previsioni Ocse sugli Ide: 3 scenari
Previsioni Ocse sugli Ide: 3 scenari
I flussi degli investimenti diretti esteri crolleranno più del 30% nel 2020 secondo lo scenario più ottimistico (che prevede il controllo della pandemia e il successo degli interventi pubblici per contrastare la recessione economica).
SACE - Simest: Export italiano marzo 2020
SACE - Simest: Export italiano marzo 2020
Nei dati di marzo le esportazioni italiane di beni in valore cominciano a mostrare l'impatto negativo di Covid-19 e delle misure restrittive adottate.
L’impatto del Covid-19 in America Latina
L’impatto del Covid-19 in America Latina
L’America Latina, l’area tra le economie emergenti con la più bassa crescita media nell’ultimo decennio (2%), si trova ad affrontare la diffusione della pandemia coronavirus da una posizione di relativa debolezza.
Nota mensile Istat: aprile 2020
Nota mensile Istat: aprile 2020
La stima preliminare del Pil riferita a gennaio - marzo ha fornito una prima quantificazione degli effetti della crisi sull’economia: la caduta rispetto al trimestre precedente è stata pari al 4,7%.
Altagamma:  consumi dei beni personali di lusso -20%
Altagamma: consumi dei beni personali di lusso -20%
Effetto Covid-19 sul lusso personale: previsto nel 2020 un calo medio del 20% dei consumi. Ritorno ai livelli pre-pandemia per il 2022-23.