I consumatori di lingua tedesca sono quasi 100 milioni

di lettura

La Germania ha oltre 82 milioni di abitanti e un Pil pro-capite di circa 45mila euro annui.

Image

La Germania è la quarta potenza economica e il terzo esportatore del mondo, la prima in Europa in entrambe le voci. La sua economia dipende molto dall’export (quasi il 50% del Pil, contro il 28% dell’Italia).

Questo Paese è da sempre il nostro primo partner commerciale, il primo mercato di sbocco delle nostre esportazioni. L’Italia invece occupa il quinto posto tra i paesi fornitori della Germania.

In alcuni settori, come la componentistica auto, si può dire che il Paese tedesco sia dipendente da noi. E infatti proprio in questi giorni le aziende tedesche del settore auto hanno chiesto al loro Governo di aiutare l’Italia altrimenti rischierebbero di perdere uno dei loro fornitori più importanti.

Agroalimentare

Il settore fattura circa 200 miliardi di euro/anno. Ben 10 dei 100 miliardi di interscambio complessivo italo-tedesco sono da ricondurre ai prodotti agroalimentari, per cui la Germania rappresenta per noi il primo mercato di sbocco, ricevendo il 20% del nostro export di settore. L’Italia è il terzo fornitore della Germania dopo Paesi Bassi e Francia.

Il fatturato del settore Bio in Germania è il più elevato in Europa e supera i 7 miliardi di euro anno. Nel settore dei prodotti agroalimentari di fascia alta (Feinkost e/o Delikatessen e/o Gourmetprodukte) esistono sia distributori specializzati che catene di distribuzione che trattano solo questo genere di prodotti in “private label”.

Automotive

L'industria automobilistica tedesca è la più grande industria del paese, rappresenta il 20% del fatturato di tutto il settore industriale. La Germania è il più grande mercato automobilistico europeo con una quota di oltre il 30% di tutte le auto prodotte in Europa e quasi il 20% delle nuove immatricolazioni. Ha una capacità produttiva di oltre un terzo del totale europeo. A livello globale un veicolo su cinque è tedesco.

Meccanica

La Germania rappresenta il 16% del commercio mondiale della meccanica ed è la seconda industria del paese con un fatturato di oltre 220 miliardi di euro/anno. L’Italia è il secondo fornitore dopo la Cina. Questo settore, oltre ad essere caratterizzato dall'alta tecnologia, combina tutte le tecnologie chiave del futuro quali elettronica, robotica, nuovi materiali e software.

La quarta rivoluzione industriale è iniziata in Germania con il progetto Industry 4.0 (software, intelligenza artificiale e hardware) per consentire al paese di diventare leader e fornitore di soluzioni di produzione avanzate.

E-commerce

La Germania occupa il quinto posto a livello mondiale per quanto riguarda il volume degli acquisti di e-commerce. Cresce a un ritmo annuale del 10% e fattura circa 65 miliardi di euro. Oltre 68 milioni di persone (84% della popolazione) sono utenti di piattaforme e siti Web di e-commerce su base regolare, e rappresentano un quarto del fatturato totale B2C in Europa.

Si tenga presente che oltre agli 82 milioni di consumatori residenti in Germania, una campagna pubblicitaria in tedesco può rivolgersi anche al mercato austriaco, a buona parte di quello svizzero e alle minoranze di lingua tedesca residenti nei Paesi vicini (Italia, Francia, Belgio, Polonia).

Nel complesso il gruppo dei consumatori di lingua tedesca sfiora i 100 milioni ed è di gran lunga il più importante in Europa.

Michele Lenoci

Analisi di mercato
Previsioni Italia Confindustria 2021
Previsioni d’autunno: rivisto al rialzo il Pil italiano
Secondo il World Economic Outlook di Fmi, il prodotto interno lordo italiano cresce più della media dell'area euro: +5,8% nel 2021 (+0,9 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di luglio) e +4,2% nel 2022
Export agroalimentare 2021
L'export agroalimentare supererà i 50 miliardi nel 2021
Secondo l’Istat, l'export dei beni di consumo non durevole, di cui l'alimentare rappresenta una gran parte, ha registrato a giugno 2021 un incremento del +15,2% su giugno 2020 (quando l'export agroalimentare aveva registrato un +1,6%), sul semestre l'aumento tendenziale è dell'11,5% (nel semestre 2020 +2,2%).
Digitale in Italia 2021
Previsioni mercato digitale in Italia
Secondo il 52° rapporto Anitec-Assinform, nel 2020 il mercato digitale italiano vale oltre 71,5 miliardi di euro. L’incidenza del mercato digitale sul PIL è passata dal 4% al 4,3% nel triennio 2017-2020.
Yachting Italia 2021
Mercato italiano della cantieristica nautica
Secondo il report di Deloitte, Il valore della produzione della cantieristica nautica italiana ammonta a 2,8 miliardi di euro (crescita media del 12,7% tra il 2014 e il 2019).
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Bollettino economico della BCE settembre 2021
Le proiezioni macroeconomiche formulate a settembre 2021 dagli esperti della BCE, rispetto all’esercizio precedente, segnano una lieve revisione al rialzo delle prospettive di crescita dell’economia mondiale.
Export Italia luglio 2021
SACE - Simest: Export italiano luglio 2021
Nei primi 7 mesi dell'anno si registra un incremento sostenuto delle vendite italiane all’estero (+22,8% vs. gen-lug’ 20). Tale dinamica continua a beneficiare del confronto con aprile e maggio 2020, mesi di restrizioni dovute alla pandemia, durante i quali le esportazioni di beni italiane sono crollate.
Congiuntura metalmeccanica
Congiuntura Metalmeccanica (settembre 2021)
Secondo l’Indagine congiunturale di Federmeccanica, nei mesi più recenti l’attività produttiva metalmeccanica ha superato i volumi di produzione che si realizzavano prima della pandemia.
Rapporto Export SACE 2021
Rapporto Export SACE 2021
La XV edizione del Rapporto Export di SACE offre informazioni utili per orientarsi sui mercati esteri e comprendere le dinamiche dell’export italiano.
Gap infrastrutture Italia
Il capitale infrastrutturale dell’Italia
La competitività delle imprese è legata alla disponibilità di una rete adeguata di trasporti e di telecomunicazioni, nonché alla qualità del servizio energetico e idrico input essenziali dei processi di produzione.
Regioni italiane export I semestre 2021
Esportazioni delle regioni italiane (II trimestre 2021)
Nel secondo trimestre l'Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni, con intensità diverse, per tutte le ripartizioni: +7,3% il Nord-est, +3,8% il Sud e Isole, +3,6% il Nord-ovest e +0,2% il Centro.